Instagram

Le serie tv in onda a dicembre su Hallmark Channel (canale 136 SKY)

Giovedì 15 Novembre 2007
Nell'ultimo mese dell'anno le giornate di Hallmark Channel (SKY) si tingono di giallo. Dal 10 dicembre il lunedì alle 21.00 andrà in onda la quarta stagione de L'Ispettore Morse mentre dal 30 dicembre appuntamento in prima visione ogni domenica con la decima stagione di Poirot, anticipata sabato 22 e domenica 23 e sabato 29 e domenica 30 da due speciali maratone natalizie dedicate alla serie ispirata ai capolavori di Agata Christie. Debuttano poi due miniserie, Cleopatra e Casanova con David Tennant, meglio noto come il nuovo Doctor Who.

Novità anche nel daytime; la settima stagione de Le sorelle McLeod andrà in onda in prima visione assoluta da lunedì a venerdì alle 19.00 e in replica il giorno successivo alle 12.30 fino al 6 dicembre dopodichè la serie australiana sarà sostituita dalla settima stagione di Settimo Cielo. Il 2 dicembre debutterà invece la seconda stagione di Monk che andrà in onda da lunedì a venerdì alle 20.00 e in replica il giorno successivo alle 13.30 sostituendo Cuore selvaggio.

Non mancano poi i film, da A chi resta il cane, Morte in Australia, Il diario di Nella a Canto di Natale con Patrick Stewart.

Nel dettaglio, come da comunicato stampa:

L’ISPETTORE MORSE – STAGIONE 4

Dal 10 Dicembre, il lunedì alle 21:00

John Thaw interpreta un detective davvero speciale in una serie popolarissima e acclamata dalla critica, che attrae milioni di spettatori in tutto il mondo. Il più famoso prodotto d’esportazione di Oxford, il personaggio unico dell’ispettore Endeavour Morse, è diventato uno dei più famosi piedipiatti della TV. La serie, composta da film di 2 ore, è stata trasmessa in oltre 200 paesi, con una audience complessiva di 750 milioni di persone. Nel Regno Unito, l’ascolto dell’ispettore Morse supera regolarmente i 16 milioni, e la serie ha vinto diversi BAFTA Awards.

Nella quarta stagione, nella quale John Thaw interpreta Morse con Kevin Whately nei panni di Lewis, i due affrontano casi difficili, come quando Morse stesso viene sospettato d’aver ucciso un’amica. Tra gli interpreti ci sono Lionel Jeffries (Chitty Chitty Bang Bang), Lisa Harrow (Kavanagh QC), Geoffrey Palmer (As Time Goes By), Patrick Malahide (Quills, Captain Corelli's Madolin) e Iain Cuthbertson (Sutherland's Law, Gorillas In The Mist).

I WEEKEND DI NATALE CON POIROT


Sabato 22 e domenica 23 alle 14:15 e alle 19:15
Sabato 29 e domenica 30 alle 14:15 e alle 21:15

In Dicembre, Hallmark ti offre l’occasione di goderti un’intera collezione di storie di HERCULE POIROT, prima dell’attesissimo debutto in prima visione della decima stagione – che prenderà il via il 30 Dicembre. La serie scaturisce dai capolavori di Agata Christie – magnificamente adattati in episodi da un’ora. Dall’inghilterra al Mediterraneo, Poirot rivolge il proprio acuminato intuito contro killer e rapitori, avvelenatori e truffatori, ladri e traditori, in uno straordinario e completo compendio del crimine. Con David Suchet (The In-Laws; Henry VIII; Executive Decision), Hugh Fraser, Philip Jackson e Pauline Moran.

POIROT – STAGIONE 10

Dal 30 Dicembre, la domenica alle 21:00
 
Poirot

In un’altra straordinaria serie di adattamenti da Agatha Christie, ritorna il grande Hercule Poirot (David Suchet - The In-Laws; Henry VIII; Executive Decision), il geniale detective belga. Efferati e sinistri delitti trovano luogo in fascinose ed esotiche location: il talento di Poirot verrà messo a durissima prova. David Suchet, torna a interpretare il ruolo che lo ha reso celebre, affiancato da una superba schiera di star internazionali.

CLEOPATRA – la miniserie

Martedì 18 e mercoledì 19 alle 21:00
 
Cleopatra

Nella tradizione del cinema epico di Cecil B. DeMille, Cleopatra è una miniserie di 4 ore ricchissima di rievocazione e spettacolo. Ambientata tra le piramidi d’Egitto e le colossali colonne di Roma, Cleopatra è il racconto classico dell’affascinante regina del Nilo.

Donna bella, intelligente e sprigionante un fascino esotico, Cleopatra reclama il trono come vera regina d’Egitto, affiancata dal suo prestante consigliere capo, Mardian, il suo medico personale, Olympos, la sua prima cameriera, Charmian, e la sua serva, Iris. Oppressa dal debito dell’Egitto verso Roma e dal tradimento del fratello, Tolomeo, e della sorella, Arsinoe, Cleopatra cerca aiuto presso l’imperatore di Roma, Cesare. Benché sposato con Calpurnia, Cesare dichiara il proprio amore a Cleopatra e trascorre con lei molto tempo in Egitto. Condivide con lei la sua ambizione di estendere i domini di Roma e insegna alla giovane regina come trattare i propri cittadini con la compassione.

Cesare riceve un messaggio urgente dal suo amico Marco Antonio, in cui gli dice che il senato, istigato da Bruto, è convinto che lui stia trascurando gli interessi della repubblica romana. Cesare torna dunque a Roma, lasciando in Egitto un ufficiale di fiducia, Rufio, perché vegli su Cleopatra. Quando Cleopatra gli da il suo unico figlio, Tolomeo Cesare, è certa che l’imperatore lo accetterà e lo proteggerà come legittimo erede al trono d’Egitto. Per provarle il suo amore, Cesare accetta suo figlio ma facendo questo finisce per attrarsi dei nemici, compreso suo nipote, Ottaviano. Bruto, Casca e Cassio cospirano per assassinarlo e danno corso al loro complotto. Cleopatra ne è devastata, ma desidera soprattutto proteggere il figlio, il suo trono e il suo paese. Avendo compreso che Antonio è l’unico romano di cui si possa fidare, Cleopatra lo seduce.

Come console di Roma insieme a Ottaviano , Antonio accetta di sposarne la sorella, Ottavia, allo scopo di provare la sua fedeltà a Roma. Cleopatra, sentendosi tradita, cerca la guida delle divinità. Convinta di essere l’incarnazione della dea Iside, Cleopatra viene portata nel cuore del tempio da un sacerdote di nome Nakt. E’ assistita da un vecchio e saggio cieco il quale le rivela che il sacro cobra sarà pronto a servirla quando ne avrà bisogno. Sentendosi più forte, Cleopatra vince la resistenza di Antonio. Si sposano con una cerimonia egiziana, nel corso della quale Antonio ripudia la moglie romana e nomina il figlio di Cleopatra, Tolomeo, vero erede al trono d’Egitto. Ottaviano, con il pieno appoggio dell’esercito romano, marcia in Egitto per sopprimere Antonio, catturare Cleopatra e impossessarsi del trono. Cleopatra e Antonio organizzano una difesa, ma soccombono alle forze soverchianti.

Nel mezzo della battaglia, Antonio viene ferito a morte. Cleopatra ne porta il cadavere alla sua tomba e si prepara lei stessa a morire. Addobbata di una veste funebre dorata, impugnando il cobra cerimoniale, Cleopatra accoglie con sollievo il veleno che le scorre nel corpo. L’esercito romano, comandato da Ottaviano, sfonda le porte del mausoleo e trova il cadavere della regina d’Egitto accanto a quello di Antonio. Anche nella morte, la sua divina bellezza diffonde un’aura magica.

CASANOVA – la miniserie

Martedì 25 e mercoledì 26 alle 21:00
 
Casanova
 
Uno straordinario cast per una grande miniserie: David Tennant (James Bond, Harry Potter), Peter O’Toole e Laura Fraser ricreano la vicenda del più grande seduttore della storia.

Casanova ci porta da una decadente Venezia del XVIII secolo ai saloni parigini alla vigilia della rivoluzione, fino alla corte londinese di Giorgio III, per finire con un viaggio a Napoli che spezzerà il cuore del nostro protagonista.

Col suo aspetto avvenente, il sex appeal e una grande intelligenza, Casanova è come un magnete per ogni donna. Ma è soprattutto un amante. Il sesso è la sua linfa vitale. Eppure non è né leggero né frivolo. Ama con tutto l’impegno possibile e totale sincerità, anche se temporaneamente. Va a letto indifferentemente con prostitute, attrici e persino suore. La sua vita è votata al piacere. Ma c’è una cosa che gli sfugge lungo tutto il corso della sua vita: la felicità perfetta accanto al suo unico, vero amore – Henriette.

44 anni dopo, Casanova sta morendo. Nella sua vita è arrivata Edith, una giovane cameriera che riaccende in lui antiche passioni e lo spinge a scriverle i racconti delle proprie avventure. Attraverso Edith, torna ad affezionarsi alla sua vecchia immagine e ciò lo spinge a inviare messaggi ovunque in cerca di Henriette. Si tratta dell’ultimo, disperato tentativo di rivedere la donna che ama prima della fine…

Questa appassionante miniserie si dipana tra l’ipnotico triangolo amoroso che coinvolge il giovane Casanova, Henriette e suo marito, e il canto del cigno del più celebre dei seduttori.

A CHI RESTA IL CANE?

(WHO GETS THE DOG?)
Sabato 1 dicembre alle 21:00

Non mancate un’appassionante storia che parla di divorzio, avvocati corrotti e…una figlia piena di risorse.
Una coppia apparentemente perfetta si ritrova sull’orlo del divorzio quando Jenny (Alison Steadman) scopre che suo marito (Kevin Whately) ha un’amante. Ognuno dei due s’affida a un diverso avvocato ma è presto chiaro che ambedue i legali sono più interessati al proprio tornaconto che al loro caso. Intanto, la figlia tenta anche l’impossibile per portarli sulla strada della riconciliazione. Oh, e poi resta un’importante decisione da prendere: a chi resta il cane?

Con: Kevin Whately, Alison Steadman, Sinad Matthews, Emma Pierson, Steve Mangan


MORTE IN AUSTRALIA

(Murder in the outback)
Sabato 8 dicembre alle 21:00

L’appassionante, commovente e vera storia dell’omicidio del turista inglese Peter Falconio, e della prova traumatica affrontata dalla sua fidanzata, Joanne Lees, dapprima nell’entroterra australiano e in seguito tra le grinfie della stampa internazionale. Con Joanne Froggatt (The Street; Coronation Street) e Bryan Brown (Cocktail; The Thornbirds).

CANTO DI NATALE

(A CHRISTMAS CAROL)
Martedì 25 Dicembre alle 16:15


In una sola notte,
Ha visto il suo passato,
Il suo presente e il futuro…
Venuti a lui per tormentarlo.


L’immortale classico di Dickens, CANTO DI NATALE, è una vicenda sulla speranza, sulla gioia della festa e sull’indomabile potere dello spirito umano.

E’ la vigilia di Natale del 1843, e Ebenezer Scrooge (Patrick Stewart) ha appena seppellito il suo amico di lunga data, nonché socio in affari, Jacob Marley. Comprensibilmente, Scrooge è di umore melanconico quando fa ritorno al suo lavoro. Sette anni più tardi, il cattivo umore di Scrooge è diventato il suo stato d’animo abituale. Il suo fedele e umile impiegato, Bob Cratchit (Richard E. Grant), è il bersaglio costante della crudeltà e dell’amarezza di Scrooge. Il nipote di Scrooge, Fred Bowley, gli reca gli auguri di buon Natale, ma tutto quello che suo zio riesce a dire è "Bah! Fandonie!"

Scrooge è solo nel suo ufficio durante la vigilia. Sente un rumore di catene e scopre che alle sue spalle c’è il fantasma di Jacob Marley. Marley lo avvisa che le sofferenze che sta causando agli altri, prima o poi dovrà ripagarle, anche dopo la morte, e che avrà una sola occasione per sfuggire al suo destino. Gli comunica inoltre che tre spiriti gli recheranno visita e che dovrà obbedirgli se vorrà redimersi.

Sopraggiunge il Fantasma dei Passati Natali (Joel Grey), e trasporta Scrooge ai tempi della sua infanzia. Gli consente così di ritrovare i sentimenti provati per l’abbandono del padre; di ricordare quanto la sua giovinezza fosse spensierata; e di realizzare che terribile errore abbia commesso dando la precedenza al suo amore per i soldi invece di abbandonarsi al suo amore per una bella ragazza di nome Belle.

Poco dopo, compare il Fantasma del Natale Presente e costringe Scrooge a guardare la famiglia di Cratchit che sta per godersi una magra ma gioiosa cena di Natale. Scrooge è sorpreso di scoprire che il figlio più giovane di Cratchit, il piccolo Tim, è invalido e destinato a morire presto. Il fantasma si da da fare per provare a Scrooge che le parole gentili e gli slanci di generosità possono davvero aiutare a lavar via la tristezza dal mondo.

Alla partenza dello spirito, subito sopraggiunge il Fantasma dei Natali a Venire, che offre a Scrooge una raggelante visione del futuro. Scrooge torna a guardare la famiglia di Cratchit per scoprire che il piccolo Tim è morto. Scrooge tenta di nascondere la propria ansia, ma ne ha chiaramente il cuore spezzato. Ancora peggio, Scrooge ha una visione di se stesso defunto, e tristemente realizza di non avere amici o parenti che saranno disposti a piangerlo. Pregando lo spirito di offrirgli un’altra opportunità, Scrooge promette di cambiare la propria vita e di mantenere vivo lo spirito del Natale nel proprio cuore per tutto l’anno.

La mattina di Natale, Scrooge si sveglia nel suo letto ed è elettrizzato per il solo fatto di essere vivo. Trascorre la festa con suo nipote, Fred, e fa ammenda dando a Cratchit un aumento. Scrooge diventa come un secondo padre per il piccolo Tim, che abbraccia il vecchio esclamando "Dio ci benedica, Benedica tutti!"

IL DIARIO DI NELLA

(HOUSEWIFE, 49)
Mercoledì 26 dicembre alle 16:15

IL DIARIO DI NELLA è SCRITTO DA Victoria Wood e diretto da Gavin Millar (Foyle’s War, Pat and Margaret, Talking Heads 2).

La premiatissima attrice e scrittrice Victoria Wood (Dinnerladies, Acorn Antiques, Pat And Margaret) è autrice e protagonista di una vicenda ambientata nel nord dell’Inghilterra durante la Seconda Guerra Mondiale.

Sinossi
Basato sul diario del periodo di Guerra della casalinga di Barrow Nella Last, HOUSEWIFE, 49 è la storia di una donna qualunque che affronta la guerra, e di come quei sei anni terribili ne abbiano cambiato la coscienza di se stessa, le amicizie e il matrimonio.

Nella (Victoria Wood) è depressa e isolata; si è appena riperesa da un esaurimento e teme che la partenza dell’amato figlio Cliff, chiamato al servizio militare, la condurrà a una nuova depressione. Suo marito ( David Threlfall) non brilla per calore umano, la sua unica volontà è tenere Nella chiusa in casa e il resto del mondo a distanza.

Poiché il figlio le manca tantissimo , e non volento deluderlo, Nella segue il suo suggerimento di scrivere un diario per il Mass Observation Office (Ufficio per l’informazione sulle masse) di Londra. Lo scrivere porta Nella a scoprire aspetti nascosti di se stessa e riesce a far fronte all’ostilità del marito quando decide di unirsi al Servizio Volontario Femminile, un’importante organizzazione capeggiata dalla formidabile Mrs Waite (Stephanie Cole).

Nella recupera lentamente energia e autostima, diviene meno passiva nella relazione col marito, e lei stessa ne è stupita. Tutto è inoltre sostenuto e addolcito dal caldo supporto che riceve dal figlio Cliff (Christopher Harper).

Barrow all’inizio non è troppo toccata dalla guerra ed è troppo lontana da Londra per risentire del blitz del 1940. Ma nella primavera del ‘41, I cantieri di Liverpool e Barrow vengono presi di mira, e molte strade, compresa quella di Nella, vengono bombardate. La ragazza che aiuta Nella, Evelyn (Sian Brooke), il primo amore di Cliff, viene colpita a morte. Cliff si sente responsabile in quanto lui non sta rischiando nulla a Chester nelle vesti di istruttore PT e spiega a Nella la sua volontà di andare volontario all’estero a combattere.

Quando infine Cliff parte, il padre accusa Nella di averlo incoraggiato a seguire il suo cuore. Hanno un tremendo litigio, nel corso del quale Nella gli dice in faccia ciò che covava da anni. Entrambi ne restano scioccati. Da quella notte dormono separati.

Nella si getta nel lavoro di volontaria, e pianifica di aprire e condurre con le amiche un ambulatorio della Croce Rossa. Alla vigilia dell’apertura, la sua vicina, Mrs Whittaker (Sally Bankes), giunge con un telegramma – la nave di Cliff è stata silurata e il figlio è dato per disperso. Nuovamente, suo marito l’accusa accentuando la loro estraneità.

Cliff viene soccorso ed è sano e salvo, ma il suo stato d’animo verso Nella è cambiato: sembra non provare più alcun sentimento per lei, la quale resta sola con il suo triste matrimonio.

Tutto sembra andar male anche al WVS, dove la sua adorata Mrs Waite invecchia rapidamente sottoposta allo stress della guerra, e finisce per diventare gelosa e insopportabile. Nella sente che le mura di vetro della depressione si stanno nuovamente stringendo attorno a lei.

La Guerra di Nella non è argomento da riempire I giornali, non ci sono eroi. E’ la storia di una donna che nella sua cucina riempie fogli di carta con un mozzicone di matita, cercando il coraggio di affrontare la realtà e di accettarsi per come è veramente.