Instagram

SPECIALE: 20 anni di Buffy the Vampire Slayer - intervista a Barbara Maio e Chiara Poli

Martedì 14 Marzo 2017
Buffy

La scorsa settimana, Buffy the Vampire Slayer ha compiuto 20 anni! La serie cult, guidata da un giovane Joss Whedon, debuttò, infatti, il 10 marzo del 1997 sul defunto network The WB e andò in onda per sette stagioni. 

Per celebrare la Cacciatrice di vampiri armata di paletto di legno, interpretata da Sarah Michelle Gellar, e la sua Scooby Gang, noi di Telesimo abbiamo deciso di  intervistare  Barbara Maio e Chiara Poli, autrici di libri italiani dedicati al Buffyverse. La prima ha scritto Buffy. The Vampire Slayer e Legittimare la cacciatrice. Buffy. The vampire slayer , mentre la Poli ha pubblicato Ammazzavampiri. La prima guida italiana al serial TV Buffy, e L'anima del vampiro - la guida definitiva alla serie tv Angel, dedicato allo spin-off con protagonista il bel Vampiro con l'anima.

       


Buffy
Domanda: Sono trascorsi esattamente 20 anni da quando fu trasmesso il primo episodio di Buffy the Vampire Slayer.  Ti ricordi ancora dove, come e quando l'hai visto?

Chiara Poli: Lo ricordo benissimo: ero a casa del mio futuro marito, stavamo facendo zapping (non c'era Sky, allora...) e siamo incappati in questa strana serie con i vampiri. Cogliendo subito la cifra ironica, ci siamo divertiti come pazzi. E siamo diventati subito fan. Entrambi (infatti poi l'ho sposato :-D)

Barbara Maio: Sì, assolutamente. Era l’estate del 2001 con la serie già alla sua quinta stagione. Feci un corso di cinema al Centro Sperimentale e ci mostrarono sul grande schermo l’episodio Hush. Rimasi folgorata! Era ancora l’epoca in cui era complicato reperire serie tv on line così comincia a guardarla in tv e, in un viaggio a Londra, mi attaccai ai VHS (gli ultimi che ho comprato). Appena furono disponibili, acquistai i DVD e feci un rewatch completo in lingua originale. Ore ben utilizzate!

Domanda: Qual è il tuo episodio preferito?

Chiara Poli:
Difficile scegliere. Ma ho un debole per Hush, ovviamente. ❤

Barbara Maio: Hush rimane nel mio cuore proprio perché fu il primo ma adoro, in ordine sparso, Passion (2x17), Band Candy (3x6), Pangs (4x8), The Body (5x16) e, naturalmente, Once More With Feeling (6x7). Ma veramente è difficile scegliere…..

Buffy
Domanda: Angel  o Spike?

Chiara Poli: L'eterna lotta fra Bangel e Spuffy... Io sono con Buffy: sceglie lei, per me. Approvo ogni fidanzato, perfino Riley. Ma nel profondo del cuore... Spike.

Barbara Maio: Francamente non so. Rappresentano due tipi di relazioni molto differenti ma, pistola alla tempia, direi Angel.

Domanda: Qual è la tua storyline preferita?

BuffyChiara Poli: Io ho amato moltissimo la settima stagione. Moltissimo. Tutta la storia relativa alle Potential mi ha conquistata fin dall'inizio. Credo che dovendo sceglierne una sceglierei quella.

Barbara Maio: Mi è piaciuta molto la storyline della quarta stagione che, solitamente, è quella meno amata dai fan ma ritengo sia molto densa di significato ed affronti il tema della crescita in maniera molto accurata e realistica.

Domanda: C'è qualcosa dell'intera serie che non ti è piaciuto? Un episodio, un personaggio,...

Chiara Poli: Come tutti, ho odiato Dawn. Profondamente. Col cuore. Per poi imparare ad amarla. Per il resto, ho un solo episodio che proprio non mi è mai andato giù: Teacher's Pet. L'unico in cui non ho trovato proprio nessun senso. L'unico!

Barbara Maio: Amando molto il personaggio di Giles, l’ultima stagione mi ha lasciato a volte perplessa soprattutto perché Giles viene in parte messo da parte da Buffy che si schiera spesso con Spike che ha anche provato a violentarla. Questa svolta non mi ha mai convinto del tutto, specialmente perché Buffy è sempre stata una ragazza e poi una donna forte ed indipendente e perdonare un tentato stupro non lo vedo nelle sue corde. L’emancipazione da Giles era necessaria ma, il fatto che venga quasi contrapposta all’affiancarsi a Spike mi è sembrato una forzatura.

BuffyDomanda: Dove pensi che si trovi, oggi, Buffy?

Chiara Poli: Buffy per me è ancora lì, fuori dalla Bocca dell'Inferno, con un bel sorriso stampato in volto e una vita da vivere. E' un'immagine che mi dà speranza e che ho trovato perfetta come conclusione.

Barbara Maio: Oggi Buffy è una donna che, come molte donne della sua età, fatica a trovare lavoro e una sua identità ma, non perde la sua forza e la sua voglia di aiutare il prossimo. E ci sono sempre cattivi da cacciare, vampiri o no.

Domanda : Pensi che la serie abbia lasciato qualche questione in sospeso?

Buffy
Chiara Poli: Io credo di no. Gli indizi per rispondere a qualsiasi domanda sono stati disseminati lungo le 7 stagioni. Trovo che il finale di serie sia stato perfetto. E amo molto i finali aperti: lasciano allo spettatore la massima libertà di pensare ai personaggi che ha amato per anni nelle vesti che preferisce. Inoltre, consente anche di scegliere la conclusione che si vuole per le eventuali "domande irrisolte".

Barbara Maio: Alla fine no. Credo che Whedon abbia saputo chiuderla bene e sia stato fortunato ad avere a disposizione ben sette stagioni per raccontare la sua storia. Sono poche le serie che riescono a mantenere una tale qualità per così lungo tempo.

Domanda: Sei favorevole alla realizzazione di un sequel in tv? Hai letto i fumetti che hanno fatto da continuazione alla serie?

Chiara PBuffyoli: Come ripeto da molti anni, il fumetto non mi è piaciuto. Libero dalle limitazioni del mezzo televisivo (budget, censure, ecc.), Whedon ha in qualche modo snaturato i personaggi. Perfino nel modo in cui si esprimono. Questo ha portato a uno scollamento fra la Buffy della TV e quella del fumetto. Resta ottimo per gli amanti dei comics, ma è - e deve restare - separato dalla serie TV.

Barbara Maio: Sul sequel ho un po’ paura. Whedon è un grande e potrebbe farcela ma è sempre un rischio. Ad esempio, il sequel di Veronica Mars è stato un po’ esile ma, in ogni caso, ho fiducia in Joss. 
Sui fumetti, avevo cominciato a leggerli ma quando [spoiler alert] muore Giles, ci sono rimasta male!

Domanda: Tra le nuove serie attualmente in onda, pensi ci sia l'erede di Buffy?

BuffyChiara Poli: Una serie di culto come Buffy non può avere eredi. Così come non esiste l'erede di Lost (definizione che fra l'altro ha portato sfortuna a tutte le serie lanciate in questo modo), non esiste l'erede di Buffy. Ed è giusto così!
Barbara Maio: Ce ne sono tante di figure femminili che hanno ereditato caratteristiche di Buffy. Forse la migliore ora come ora è Skye-Daisy di Agents of Shield. Una giovane donna che si trova con più responsabilità di quante vorrebbe ma può contare su una famiglia surrogata che la sostiene ed è pronta a sacrificare la sua vita per aiutare gli altri. Ring a bell?

Domanda: A chi non ha mai visto Buffy, cosa diresti per convincerlo a recuperarla?

Chiara Poli: Buffy è divertente, intrattenimento puro. Ma sotto la superficie nasconde tanti diversi livelli di lettura, che consentono al telespettatore di andare in profondità in base all'impegno che ha deciso di dedicare alla serie. Non molte serie possono vantare le stesse caratteristiche. Per questo Buffy è diventata una serie di culto. E per questo andrebbe recuperata.

Barbara Maio: Stai sprecando la tua vita! Scherzi a parte, quello che consiglio è di resistere ai primi episodi che possono sembrare abbastanza “stupidi” e di non cedere alla tentazione di etichettare la serie come adolescenziale in senso denigratorio. Resisti e sarai premiato!

Domanda: E non possiamo concludere senza citare il geniale Joss Whedon; tra tutte le sue ultime produzioni, qual è la tua preferita?


BuffyChiara Poli: Come faccio a scegliere? Io amo tutto il Whedonverse. Però, se con "ultime" mi concedi un film di qualche anno fa, Quella casa nel bosco è davvero il mio genere. E il genere di Joss. In tutto e per tutto.

Barbara Maio: Anche se Joss ne è coinvolto in maniera liminale, Agents of Shield. Vi sono molti parallelismi tra le due serie sia come storie che come personaggi. Come ho detto prima, Skye-Daisy ha molti tratti di Buffy ma anche Coulson è un mix tra la stessa Buffy e Giles. E anche la “famiglia” di AoS deve sempre sventare una apocalisse dopo l’altra……


Bios

Chiara Poli

Giornalista specializzata in cinema e serie tv, mi sono diplomata in Sceneggiatura presso la Civica Scuola di Cinema di Milano. Al motto di “Ebbene sì, mi pagano per guardare la tv: è un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo” a partire dal 2003 ho collaborato con le principali riviste specializzate (Tv Sorrisi e Canzoni, Telefilm Magazine, Satellite). Ho tenuto corsi sul linguaggio cinematografico e televisivo, oltre a diversi laboratori di scrittura nelle scuole (elementari, medie, università e corsi di aggiornamento per insegnanti) e ho lavorato come autrice sitcom per Mediaset in un progetto di scrittura all’americana. Dal 2007 al 2013 sono mi sono occupata quotidianamente (diventando poi Direttore Responsabile) del Magazine on line delle reti FOX per Fox Channels Italy. Ho pubblicato diversi saggi sulle serie tv, romanzi comici e autobiografici, e ho curato con passione dei progetti a fini benefici.
Sito personale: www.chiarapoli.it

Chiara Poli

Barbara Maio

Barbara MaioBarbara Maio è dottore di ricerca in cinema e tv (Roma Tre 2006). Ha scritto ampiamente sulla serialità televisiva, specialmente quella statunitense, e sul concetto di autorialità nelle produzioni seriali. È fondatrice e direttore responsabile dell’e-journal universitario Ol3Media e fondatrice del progetto Osservatorio Tv (www.osservatoriotv.it) che pubblica un volume ogni anno sulle serie tv contemporanee. Il suo blog è Cult Television (http://cult-television.blogspot.it/).




Buffy