Instagram

Prima Stagione

Lunedì 12 Marzo 2007
1.1 - Episodio 1
Pilot
Una prova per non morire

 
Scritto da: David Shore
Diretto da: Bryan Singer
Trasmesso in USA il : 16 novembre 2004
Trasmesso in Italia il : 1° luglio 2005
Guest stars: Robin Tunney (Rebecca Adler), Rekha Sharma (Melanie Landon), Maya Massar (Asthma Mom), Dylan Basu (Asthma), Ava Rebecca Hughes (Sydney), Kvarra Willis (Kid #2), Ethan Kyle Gross (Molnar/Internet-Resarch Patient), Candus Churchill (Substitute Teacher), Michale Ascher (Egg Salad Lady), Alana Husband (Tech), Janet Glassford (Reception Nurse), Andrew Airlie (Orange-Colored Patient)

Riassunto
House pilotUna giovane donna di nome Rebecca sta insegnando nella sua classe di una scuola materna quando comincia ad avere problemi nel parlare. Immediatamente dopo collassa a terra e comincia ad avere le convulsioni. Al Princeton - Plainsboro Teaching Hospital il Dottor James Wilson descrive il caso della ragazza al Dottor House. House è responsabile del reparto di Clinica Medica, reparto al quale vengono passati casi che altri medici non riescono a risolvere. Il reparto non è al lavoro da molto tempo, House infatti accetta raramente casi a meno che questi non siano particolarmente interessanti. Il dottor Wilson, suo migliore amico, gli chiede il favore di occuparsi di Rebecca spacciandola per sua cugina. Cartella della paziente: femmina, 29 anni, primo attacco verificatosi il mese prima, progressivo deterioramento dello stato mentale. House accetta il caso.
Lo staff del Dottor House è formato da tre giovani geni della medicina: la giovane immunologa Allison Cameron, il dottor Robert Chase specializzato in terapia intensiva e il neurologo Eric Foreman, tutti annoiati dalla continua mancanza di casi. E’ venuto però il momenti di mettersi al lavoro e lo staff si riunisce per parlare dello stato di Rebecca. Foreman suggerisce di parlare con la paziente riguardo la diagnosi ma House non condivide il rapporto medico/paziente -“Sono diventato medico per curare le malattie, non i pazienti ”-. Per iniziare a determinare le cause della malattia della giovane House ordina come prima cosa una risonanza magnetica.
Nel frattempo l’amministratrice e capo esecutivo dell’ospedale, la dottoressa Lisa Cuddy, raggiunge House (che si sottrae frequentemente al turno di visite ambulatoriali) e lo accusa di non svolgere il suo lavoro; gli chiede quindi di essere presente e compiere il suo dovere di medico.
[Stanza della risonanza magnetica]
Cameron e Foreman portano Rebecca a fare la risonanza magnetica ma la donna ha un altro attacco proprio durante l’esame. I medici le praticano una tracheotomia per facilitarle la respirazione. Un’infiammazione è la causa dell’attacco.
[Accettazione]
La dottoressa Cuddy affida ad House un primo caso ambulatoriale che stuzzica il suo interesse: un uomo arancione .Il paziente fa un uso smodato di carote e vitamine e questo spiega il colore inusuale. House però lo avverte riguardo ad un sicuro tradimento coniugale della moglie, che non si è minimamente accorta del marito “color carota”. Il secondo paziente è un bambino sofferente d’asma alle prese con una madre un po’ troppo apprensiva, che non vuole che suo figlio usi troppo l’inalatore pensando ad effetti negativi nel tempo. House le sta spiegando come gli steroidi siano importanti per curare i processi infiammatori e qui ha un’illuminazione. Raggiunge Cameron e Foreman e ordina di somministrare steroidi a Rebecca, ritenendo che possa trattarsi di vasculite cerebrale (infiammazione dei vasi sanguigni nel cervello). Cameron gli fa notare come sia impossibile diagnosticare una vasculite senza una biopsia, ma non c’è tempo, bisogna andare con la somministrazione di steroidi e vedere cosa accade.
House suggerisce a Foreman di irrompere nell’appartamento di Rebecca e ispezionarlo. Foreman è riluttante all’idea, non più buttare giù una porta come nulla fosse. House però ha letto la cartella di Foreman, arrestato a sedici anni per furto con scasso. Il giovane neurologo si arrabbia e avverte House che potrebbe fargli causa qualora venisse licenziato per essersi rifiutato di commettere un’effrazione.
[Sala visite]
La dottoressa Cuddy rimprovera House per aver somministrato steroidi a Rebecca basandosi su semplici supposizioni. La cura però sembra funzionare, infatti la paziente sta meglio e ha ripreso a parlare e a mangiare.
La sera stessa il dottor Wilson visita Rebecca, che continua a chiedere chi e dove sia il famoso Dottor House. Wilson le sta parlando proprio di lui quando la giovane dice di non riuscire più a vedere. A questa affermazione segue immediatamente l’arresto cardiaco. I medici intervengono con la rianimazione e ristabiliscono la pressione e il battito della paziente.
In mattinata Foreman sottopone Rebecca ad un test di logica , una serie di figure da riordinare in modo da costruire una storia: la prima volta lo fallisce; cinque minuti dopo lo ripete e lo supera.. I medici si riuniscono e affrontano la situazione ma non capiscono le cause del miglioramento e del peggioramento avvenuto nel giro di poche ore; House conclude che l’unica soluzione sia quella di vedere la progressione della malattia così da poterne individuare, post –mortem, le cause. Tutto questo a meno che qualcuno non abbia altre idee…
Foreman a questo punto decide di recarsi a casa di Rebecca e porta Cameron con sé.
[Sala visite 1]
House ha che fare, nel frattempo, con uomo evidentemente ipocondriaco, al quale House somministra caramelle facendole passare per delle pillole.
[Studio di House]
Cameron e Foreman tornano dall’ispezione in casa di Rebecca a mani vuote, l’unica cosa che hanno trovato è del prosciutto. Sono tutti di nuovo riuniti per cercare le cause della misteriosa malattia e Foreman rivela ad House che Wilson gli ha mentito, Rebecca non è sua cugina (Wilson la chiamava addirittura Rachel). House dà dell’idiota a Foreman sorvolando sulla bugia di Wilson: il prosciutto è la chiave del caso, dove c’è prosciutto c’è maiale, quindi la paziente potrebbe essere affetta da Neurocisticircosi (una tenia).Questa malattia viene contratta molto raramente ma con la somministrazione di steroidi causa proprio quelle condizioni di miglioramento e di immediato peggioramento che Rebecca ha avuto.
Il conteggio degli Ausinofili risulta però normale, per questo Wilson è scettico sulla diagnosi della Neurocisticircosi ma House è fermo nelle sue convinzioni e vuole curare la ragazza…Quest’ultima però ha deciso di tornare a casa e morire in pace.
House decide di parlare con la paziente prima che lasci l’ospedale. Nella stanza di Rebecca c’è un intenso scambio di battute: House le dice che è una sciocca a volersene andare, che ha capito cosa le ha causato la malattia e che vuole curarla. Rebecca gli chiede cosa gli è capitato alla gamba, poi tra le lacrime domanda ad House perché vuole convincerla a lottare quando lui invece si nasconde dalle persone e dalla vita… - “Cosa le fa pensare che io sia migliore di lei?”-
Nonostante la profonda conversazione, Rebecca non cambia idea e House sembra rassegnato. Chase però ha un’idea per scovare la tenia senza eseguire esami invasivi : i raggi X
L’idea è ottima e House ha un’altra illuminazione: basterà fare una lastra agli arti inferiori, perché se la ragazza ha una tenia nel cervello ne avrà sicuramente una anche nella gamba.
Le lastre danno esito positivo. Chase comunica la diagnosi a Rebecca, la quale inizia a temere che dovrà sottoporsi ad operazioni e cure estenuanti. Tutt’altro: basteranno due pillole al giorno di Albendazolo prese per un mese.
[Studio di House]
House entra nel suo studio e trova Cameron seduta alla sua poltrona. La dottoressa, dopo aver parlato con Foreman del suo arresto a sedici anni e del perché House l’avesse assunto (cercava un medico “astuto”), chiede ad House perché ha assunto lei. Inizialmente House dice di averla assunta per la sua bellezza - “perché mi piace avere un bel pezzo d’arte in studio”- ; poi abbandonato il sarcasmo (ma neanche molto) le confessa di averla assunta perché, nonostante tutti cerchino la strada più facile per ottenere il meglio, lei ha agito al contrario : con la sua bellezza avrebbe potuto fare e ottenere qualsiasi cosa e invece si è messa a studiare medicina. House è sicuro che Cameron abbia intrapreso questa difficile strada perché nasconde qualcosa, un problema.
[Studio della Cuddy]
L’uomo “arancione, peraltro benefattore dell’ospedale, parla con la Cuddy del suo matrimonio : House aveva visto giusto sul tradimento della moglie.
[Sala visite] Scena finale.
House e Wilson stanno guardando General Hospital quando si rifà vivo il paziente ipocondriaco di House e chiede una “ricarica” di…caramelle.

Curiosità:
L'episodio è conosciuto come Pilot ma ha anche il titolo alternativo di "Everybody Lies."
Musica: "You Can't Always Get What you Want" by The Rolling Stones.

1.2 - Episodio 2
Paternity
Problemi di adozione

 
Scritto da: Lawrence Kaplow
Diretto da: Peter O'Fallon
Trasmesso in USA il : 23 novembre 2004
Trasmesso in Italia il : 1° luglio 2005
Guest stars: Kylee Cochran (giovane madre), Alex Skuby (John Funsten) , Scott Mechlowicz (Dan), Paul Ganus (allenatore) , Robin Thomas (padre di Dan), Wendy Gazelle (madre di Dan), Scott Hochstadt (Jake)
 
House PaternityUna famiglia arriva in ospedale, affermando di avere un appuntamento col dottor House, sebbene la clinica non preveda appuntamenti. I tre insistono sostenendo di avere una lettera che dovrebbe essere stata scritta dal medico, benché House non sia solito scrivere lettere… E infatti Gregory capisce che è stata Cameron a scriverla, ma accetta lo stesso di vedere il paziente. Dan è un ragazzo di sedici anni, giocatore di lacrosse, che soffre di sdoppiamento della vista e panico notturno: House dice che stress post-traumatico e abusi sessuali sono le due cause più comuni di questi sintomi. Dan ammette di aver recentemente ricevuto un colpo alla testa durante una partita di lacrosse, e il medico gli consiglia di usare gli occhiali contro lo sdoppiamento della vista e di affrontare gli incubi notturni, almeno finché i sintomi non saranno scomparsi.
Più tardi, mentre la famiglia sta per lasciare l’ospedale, House nota il piede di Dan contorcersi: chiede immediatamente se il ragazzo è stanco o sta per addormentarsi, ma lui replica di no, e il medico afferma che gli spasmi di quel tipo sono comuni quando una persona sta per addormentarsi; il cervello fraintende il sonno interpretandolo come morte, ed invia impulsi ai muscoli per farlo reagire. Per questo ordina allo staff di ricoverare subito il ragazzo. Gregory scommette con gli altri che il padre di Dan non è il suo genitore biologico, perciò non possono escludere cause genetiche per la malattia del giovane.
Quella notte, Dan ha un altro terribile incubo: House gli sta tagliando un dito del piede. L’elettroencefalogramma registra l’evento, tuttavia i test non danno alcun risultato che spieghi i sintomi; la risonanza magnetica infine mostra un evidente blocco, e al ragazzo viene inserito uno shunt per alleviare la pressione intracranica.
Quella notte, Dan scompare dalla sua camera. Dopo averlo cercato per tutto l’ospedale Cameron, Chase e Foreman lo ritrovano sul tetto: il giovane crede di essere sul campo di lacrosse. Proprio un attimo prima che cada giù dal bordo del tetto, i medici riescono ad afferrarlo. Il mattino successivo, Foreman racconta gli avvenimenti accaduti ad House, che comprende che Dan non soffre di incubi notturni, ma di vere e proprie allucinazioni. Questo esclude anche la teoria della sclerosi multipla, ma dimostra che Dan soffre di un’infezione al cervello, come ad esempio la neurosifilide.
In seguito, mentre gli viene iniettata della penicillina nel cervello, Dan sente delle voci nella sua testa: le allucinazioni uditive escludono anche la neurosifilide. House decide quindi di fare un test del DNA dopo aver rinvenuto i resti dei pasti dei genitori, e scopre che né la madre né il padre sono i suoi genitori biologici: Dan infatti è stato adottato quando era piccolo. Greg teorizza che la madre naturale del ragazzo non fosse vaccinata, e che questi sia stato infettato dalla madre con il virus del morbillo, che però è rimasto silente e negli anni è mutato riapparendo sedici anni dopo nel suo cervello. Il medico suggerisce quindi di iniettare un ago nell’occhio del paziente per ottenere una biopsia della retina, e il risultato mostra che dovrà sottoporsi ad una difficile e pericolosa operazione chirurgica. Fortunatamente l’intervento riesce, e il giovane si riprende: racconta così a Foreman e Cameron di sapere da anni di essere stato adottato grazie alla differenza di conformazione del suo mento rispetto a quello dei genitori, ma non ha mai avuto il coraggio di raccontarlo.
Un altro caso di cui si occupano i medici del Plainsboro Teaching Hospital è una neonata nutrita solamente al seno materno che ha la febbre e la tosse. House nota che la piccola non ha fatto le dovute vaccinazioni, e la madre spiega la cosa dicendo che non si fida delle società farmaceutiche, che speculano sulla vita dei pazienti. Il dottore intrattiene la bebè con una rana di pezza, e poi con il suo solito fare diretto racconta alla madre che le bare per i bambini sono un ottimo business, si possono avere di colori diversi… E procede dicendo che gli anticorpi del latte materno proteggono il neonato solo per sei mesi, ecco perché le compagnie farmaceutiche sono convinte di poter truffare le persone: pensano che i genitori farebbero di tutto per non far morire i figli! Per far cambiare le cose, e far abbassare i prezzi, i genitori dovrebbero lasciar morire i figli invece che spendere quaranta dollari per il vaccino… House continua a giocare con la bambina, e la madre spaventata gli chiede cos’ha… Greg replica che ha solo l’influenza…
House si occupa anche di John Funsten, un uomo con una brutta ferita infetta alla gamba, che ha tentato di incidere da solo. Dato che l’uomo abita distante, Greg deduce di trovarsi di fronte ad un paziente di quelli che amano citare in giudizio i medici, e che di conseguenza faticano a trovarne di nuovi che li curino. Impassibile davanti al pericolo, decide di occuparsi di lui; più tardi, Funsten torna con una citazione contro House per stress emotivo… Il medico non si fa prendere dal panico, prende le carte e dice al paziente che soffre di gonorrea, e che ha bisogno di un dottore che gli faccia degli esami prima che lo Stato chiami sua moglie per farglielo sapere. Funsten cerca di riprendersi la citazione, ma Greg non gliela lascia prendere e dice che ora è sua, e che si rivedranno in tribunale…
 
Curiosità:
Nell’episodio viene utilizzata la canzone “On Saturday Afternoons in 1963”, di Rickie Lee Jones, mentre House osserva il match di lacrosse alla fine della puntata.
Quando Wilson parla con House, si vede una scena durante la conversazione che mostra Foreman battere ritmicamente le dita sul tavolo e Chase fare le parole crociate. Questa scena è stata girata per la versione mai andata in onda del Pilot.

House dice che General Hospital va in onda su Canale 6. General Hospital è una popolarissima soap americana che va in onda sulla ABC (rete concorrente della FOX), ed è lo show preferito del medico. Nel New Jersey centrale, Canale 6 è proprio la ABC.

Musica: On Saturday Afternoons in 1963 by Rickie Lee Jones

 
1.3 - Episodio 3
Occam’s Razor
Una sfida per House


Scritto da: David Shore
Diretto da: Bryan Singer
Trasmesso in USA il: 30 novembre 2004
Trasmesso in Italia il: 15 luglio 2005

Guest stars: Marco Pelaez (farmacista dell’ospedale), Kevin Zegers (Brandon Merrell), Faith Prince (Becky Merrell), Alexis Thorpe (Mindy), Lauren Cohn (Jodi Matthews), Jason Stuart (Adam Brown), Ben Campbell (Jerry Morris), John Kelly (Robert Marrell), Joshua Wolf Coleman (farmacista dei Merrell), Beth Hall (Shelby Lever).

HouseBrandon, un ragazzo ventiduenne, perde i sensi dopo aver fatto sesso con la sua ragazza. Già da tempo lamentava tosse e rash, e ora soffre anche di dolori addominali, nausea, febbre e pressione arteriosa bassa.
Dalle analisi preliminari non si evince nulla di significativo, così House e il suo team decidono di prendere in carico il paziente e cercare di individuare quale sia la patologia che l’affligge. Cameron afferma che nessuna malattia ha così tanti sintomi diversi, e Gregory si rende conto che la cosa più importante al momento è tenere sotto controllo la pressione: intanto effettuano una cortisolemia e un ecocardiogramma.
I risultati degli esami non rivelano nulla di particolare, ma Foreman nota che il trattamento antibiotico a cui stanno sottoponendo Brandon sta seriamente danneggiando i suoi reni. Il neurologo teorizza che il paziente soffra di un’infezione cardiaca, non di un’infezione addominale: questa patologia potrebbe spiegare i sintomi, ma si tratta di un caso su dieci milioni. House, rianalizzando la lista dei sintomi di cui soffre Brandon intravede l’eventualità che il ragazzo sia colpito da due patologie contemporanee: sinusite ed ipotiroidismo. Stavolta, una possibilità su un milione… Dato che non c’è abbastanza tempo per effettuare tutti i test necessari, il primario decide di iniziare immediatamente i trattamenti per le due malattie.
Foreman più tardi controlla Brandon: questi si sente meglio, ma la tosse è ancora presente. Eric scopre che il test per l’ipotiroidismo è risultato negativo, e insiste nel negare la possibilità che due patologie abbiano colpito contemporaneamente il paziente: le cure che Greg ha prescritto serviranno solamente a danneggiare il fegato del ragazzo, potrebbero addirittura ucciderlo. House, convinto come sempre che le sue teorie siano esatte, scommette col neurologo cinquanta dollari: se la conta dei globuli bianchi sale, Foreman avrà indovinato presumendo che il paziente soffra di infezione.
Tuttavia la conta dei globuli bianchi precipita, dimostrando che entrambe le ipotesi sono sbagliate! Se Brandon si buscherà anche solo un raffreddore, il suo corpo non sarà in grado di affrontarlo e morirà. House però ha una rivelazione improvvisa, e chiede a Wilson quale dei sintomi di cui il paziente soffre si sia rivelato per primo. Wilson replica che si tratta della tosse.
Dopo alcune ricerche, Gregory ha la risposta che tutti attendevano. Brandon si è fatto visitare da un medico per la tosse ricorrente, e la prescrizione delle medicine per la tosse è stata erroneamente sostituita con medicine contro la gotta. Questo tipo di farmaco blocca la mitosi, il processo che permette alle cellule di dividersi e sostituire quelle morte, e in Brandon questo non avviene, procurandogli tutti i sintomi di cui si lamenta. Cameron fa però notare che il paziente era migliorato, e poi peggiorato dopo il ricovero ospedaliero e la conseguente sospensione dell’assunzione delle medicine contro la gotta.
House decide di incontrare i genitori di Brandon, e chiede loro chi gli abbia prescritto il farmaco contro la tosse che ha portato al suo peggioramento. La madre risponde, è lei che ha fornito la scatola di pillole che valida la tesi del primario. Chase e la madre di Brandon fanno visita alla farmacia nella quale hanno preso le pillole, ma scoprono che il ragazzo stava già assumendo un farmaco anti-tosse, e non uno anti-gotta: questo distrugge in un attimo la brillante teoria di House, e il medico è decisamente contrariato che la sua idea si sia rivelata errata.
Wilson consiglia di procedere con un intervento esplorativo per verificare quale sia il problema, ma durante la fase preparatoria dell’operazione il cuore di Brandon si arresta, e i medici sono costretti a rianimarlo con il defibrillatore. Cameron racconta ad House dell’emergenza in sala operatoria, e riporta un nuovo sintomo: dolore alle dita. Gregory ha un’altra rivelazione: si trascina fin nella stanza sterile del paziente e annuncia a tutti la diagnosi, avvelenamento da colchicina. I sintomi corrispondono perfettamente alla diagnosi, per cui questo significa che Brandon sta assumendo droghe. Il ragazzo ammette di aver provato l’ecstasy due volte, e House spiega che a volte quella droga viene tagliata con la colchicina. Brandon starà meglio con abbondante riposo e immunoglobuline in vena. Ma non è finita qui… Brandon ha assunto veramente, per errore, le pastiglie contro la gotta!
Nel frattempo, House fa un discorso che spaventa i pazienti dell’ambulatorio per evitare di dover visitare, ma Cuddy gliene affibbia una a caso. La donna descrive il colore del muco che espettorava la settimana precedente con un cartoncino, e chiede se è preoccupante; Greg replica di sì, e la paziente ribatte che oramai dovrebbe essere tutto a posto. Il medico allora le chiede perché è lì… La signora gli dice che non è gentile, ma House le spiega di aver capito che lei non è brava nel suo lavoro, sta per essere licenziata e quindi sfrutta l’assistenza sanitaria finché ce l’ha. Alla fine le prenota una TAC completa per farla contenta. Poi House si occupa anche di un paziente che soffre di mal di gola, ma il medico preferisce chiedere un consulto a Cuddy per vendicarsi: nell’attesa, gioca con i videogiochi… Il direttore sanitario consiglia un tè caldo, e ha un battibecco con Greg. Questi, non soddisfatto, in seguito chiede un altro consulto per un’altra paziente, che ha corso per chilometri e ora ha male ad una gamba, e poi scarica a Lisa un ragazzo con un lettore MP3 nel retto.
Musica: la canzone "One is the loneliest number" dei Three Dog Night si sente durante le scene finali.
 
Curiosità:
Il “diversivo” a cui House gioca con il suo Gameboy Advance SP è "Metroid: Zero Mission". Tuttavia, gli effetti sonori che si sentono non sono quelli di quel gioco.
"Occam's Razor", il titolo originale dell’episodio, significa più o meno: “spesso la risposta più semplice è anche quella giusta”.

1.4 - Episodio 4
Maternity
L’epidemia

 
Scritto da: Peter Blake IV
Diretto da: Newton Thomas Sigel
Trasmesso in USA il: 7 dicembre 2004
Trasmesso in Italia il: 8 luglio 2005

Guest stars: Ever Carradine (Karen Hartig), Kenneth Choi (dr. Lim), Benjamin Parrillo (dr. Kubisak), Sam Trammell (Ethan Hartig), Cress Williams (legale dell’ospedale), Dwight Armstrong (Charlie), Nate Torrence (ragazzo), Jocelyn Jackson (ragazza), Hedy Burress (Jill), Melissa Marsala (Lupino), Alexandra Bokyun Chun (Kim Chen), Madison Bauer (paziente della soap), Marc Menard (medico della soap), Shawn Carter Peterson (studente di medicina), Donna Stearns (volontaria)

Mentre si trova in ospedale la neonata degli Hartig rigurgita, e la madre è preoccupata perché la piccola non ha ancora mangiato nulla. Inoltre la bebè soffre di crisi apoplettiche. Più tardi un medico che si trovava nella stanza degli Hartig racconta quanto accaduto ad un collega, discutendo di occlusione intestinale: House non visto ascolta la conversazione, e se ne va.
Più tardi, Greg presenta il caso della piccola Hartig al suo staff, chiamandola Reperto A; il Reperto B è invece il piccolo Hausen, un altro neonato anch’egli ammalato. House pensa che un’infezione si stia propagando all’interno dell’ospedale, ma Cuddy non ci crede. Il primario porta il gruppo nel reparto maternità per controllare i dodici neonati presenti in ospedale, ma non risulta nulla di anormale. In seguito però trovano un altro bambino al piano superiore con febbre improvvisa e sintomi simili ai precedenti.
House e i suoi sottoposti discutono i tre casi, e i sintomi: con febbre alta e pressione bassa, i bambini potrebbero morire in un giorno. La prima teoria che esce dalla discussione è una possibile infezione batterica: dato che non c’è abbastanza tempo per aspettare i risultati delle analisi, House ordina di iniziare le cure. Ogni bimbo viene sottoposto a risonanza magnetica, ma la scansione non mostra nulla di strano, così i medici continuano a somministrare due farmaci diversi. Uno dei due però aggredisce i reni di due dei tre bimbi, ma quale? Gregory afferma che visto che non c’è modo di sapere quale sia, dovranno eliminare uno dei due farmaci al primo bambino e l’altro al secondo: alla piccola Hartig viene sospeso l’Aztreonam, mentre al piccolo Chin-Lopino viene sospesa la vancomicina.
Cuddy e uno dei legali dell’ospedale rifiutano di consentire ad House di cambiare i trattamenti dei pazienti senza informare i genitori, ma il primario ribatte che l’esperimento salverà almeno altri sei bambini, e così Cuddy si ritrova costretta a dargli il permesso. Più tardi la salute del piccolo Chin-Lopino inizia a peggiorare, il ritmo cardiaco e la pressione precipitano; i medici corrono in suo soccorso e cercano di defibrillarlo, ma non c’è più nulla da fare. Era l’Aztreonam a provocare gli effetti collaterali, per questo Gregory chiede ai colleghi di somministrare agli altri bambini del reparto la vancomicina.
Chase in seguito informa i colleghi che nemmeno la vancomicina sta funzionando, poiché la piccola Hartig peggiora di minuto in minuto. Forse non è un’infezione batterica, e House esegue l’autopsia sul corpo del piccolo Chin-Lopino per vederci più chiaro. Secondo lui si tratta di infezione virale cardiaca, ma Foreman ribatte che potrebbe trattarsi di uno qualsiasi delle centinaia di virus esistenti. Tuttavia, con la scarsa quantità di sangue presente nei corpicini, potranno eseguire solamente cinque o sei test. Il primario quindi tenta di restringere la lista delle possibilità, riuscendo ad ottenerne infine otto, che però sono ancora troppi per poter essere tutti analizzati nei bambini. Chase intanto si mette all’opera, e Greg chiede a Cuddy di prelevare del sangue anche da un neonato sano, per usarlo come gruppo di controllo.
I bambini malati risultano tutti positivi all’Eco virus 11, al CMV e al Parvo virus B19, mentre il bambino sano risulta positivo solo all’Eco e al CMV. House si rende infine conto che i neonati hanno ancora il sangue della madre, e quindi lo stesso sistema immunitario, per cui ordina dei test sulle madri per verificare quali anticorpi esse possiedano: quello che manca alle donne è esattamente quello che sta uccidendo i loro figli. Dopo alcuni test i medici scoprono che si tratta dell’Eco virus 11, e potendo usufruire di un antivirale sperimentale, lo somministrano ai pazienti.
Alla fine Chase e Foreman portano buone notizie agli Hartig: la loro figlioletta sta meglio, tutti i neonati si stanno riprendendo. Quella stessa notte, però, Greg è ossessionato dallo scoprire chi sia la persona che ha diffuso il virus in ospedale… Osserva un’anziana volontaria del reparto maternità tossire e asciugarsi il naso mentre spinge un carrello di giocattoli e pupazzetti, e finalmente riesce a risolvere il mistero.
Nel frattempo, House si occupa anche di una ragazza dell’ambulatorio a cui diagnostica la mononucleosi… In realtà la donna è incinta, ma non sa di esserlo. Quando Greg alla fine glielo fa capire, la giovane è così contenta da iniziare a stressarlo perché diventi il suo medico, segua la gravidanza e faccia nascere il bambino. Ovviamente il medico dice di no ad ogni sua richiesta, e quando la paziente si offre di fargli un regalo, lui replica che l’unica cosa che vuole è che lei esca e non si faccia più vedere…

 
1.5 - Episodio 5
Damned if you do
Sul filo dell’errore

 
Scritto da: Sara B. Cooper
Diretto da: Greg Yaitanes
Trasmesso in USA il: 14 dicembre 2004
Trasmesso in Italia il: 5 agosto 2005
Guest stars: Elizabeth Mitchell (suor Mary Augustine), Lucinda Jenney (suor Mary Eucharist), Taji Coleman (tecnico), James Symington (prete), Dakin Matthews (Marvin/Babbo Natale), Ann Dowd (madre superiora), Lori Rom (suor Mary Pius)
 
Il caso che deve affrontare House questa volta riguarda suor Augustine, che ha le mani rosse e pustolose. Mentre le consorelle della religiosa sospettano si tratti di stigmate, Greg pensa sia semplice dermatite da contatto, insorta a causa di una reazione allergica al detersivo per i piatti. Per questo le prescrive un antistaminico, consiglia una crema al cortisone e la dimette. Sfortunatamente, l’antistaminico le provoca una reazione avversa, e la suora non riesce più a respirare: il medico crede si tratti di un attacco d’asma causato dalla reazione allergica alle medicine, e nota anche tachicardia. Si precipita quindi a chiamare aiuto.
Cuddy è sicura che House abbia commesso un errore nel dosaggio dell’antistaminico, e spiega che dovrà notificare l’accaduto entro ventiquattro ore all’ufficio legale, se Greg non scoprirà una causa diversa per il problema cardiaco della paziente. Il primario quindi decide di sottoporre il caso al suo team per analizzarlo al meglio: Cameron si domanda se l’ammalata non soffra di una malattia con una speranza di sopravvivenza di soli cinque anni se seguita da terapia, la sindrome di Strauss, ma Foreman crede che la risposta sia più semplice: House ha sbagliato il dosaggio del farmaco.
Suor Augustine viene sottoposta ad una TAC toracica, ma mentre è distesa dentro al tunnel si lamenta per uno strano odore. I medici interrompono il test, e la paziente all’improvviso grida che Gesù sta giungendo per lei: inizia ad essere scossa dalle convulsioni, e Foreman mentre la tiene ferma nota che sta apparendo del rash sulle sue gambe. Scopre che la suora risulta positiva all’encefalite da herpes, che causa indebolimento del sistema immunitario; lo stesso sintomo può essere stato innescato anche dal farmaco che House le ha iniettato poco prima… Il gruppo cerca di capire altre possibili cause.
Disturbo del tessuto connettivo? Il trattamento per questa patologia è il prednisone, che ha causato questo problema all’inizio… House raccomanda un trattamento radicale, la camera iperbarica. Foreman è preoccupato che possa far peggiorare la situazione e si rivolge a Cuddy la quale, allarmata per il trattamento iperbarico non previsto dal protocollo, decide di togliere il caso a Greg.
Il direttore sanitario incontra Cameron, Foreman e Chase per discutere altri potenziali trattamenti. House, intanto, chiede a Chase se la paziente non stia nascondendo qualcosa… Robert consiglia di parlare con la madre superiora, e Greg le fa visita in convento: la madre superiora parla del passato travagliato di Augustine da orfana, e accenna ad una gravidanza terminata con un aborto. Tutte queste notizie non interessano ad House, ma il tè particolarmente aromatico che il convento serve attira la sua attenzione.
E’ tè di scrofularia, che miscelato anche con la più piccola quantità di epinefrina causa immediatamente un arresto cardiaco! House aveva ragione anche questa volta… Tuttavia c’è ancora un’allergia che si nasconde nella paziente, e che non è stata ancora trattata per così tanto tempo da essersi manifestata in maniera gravissima. Il primario decide di introdurre in Augustine diversi allergeni, fino a che uno non causi una reazione, e la paziente viene messa in una stanza sterile. Purtroppo però le vengono le convulsioni da shock anafilattico, e i medici non sanno più cosa pensare: cosa ci più essere in un ambiente ipoallergenico che possa creare una reazione così violenta?
La suora è convinta che Dio voglia prenderla con sé, e decide di tornare in convento. House la rimprovera perché scappa sempre via dai problemi, ma Augustine replica che ha Dio dentro di lei. A queste parole, Greg ha un’illuminazione: esaminando la TAC total body della paziente, i medici trovano una croce di rame nell’utero della suora, un contraccettivo in voga negli anni ‘80… E Augustine è allergica al rame!
House, in ambulatorio, si occupa anche di un uomo vestito da Babbo Natale che è affetto da infiammazione intestinale. L’uomo è preoccupato perché deve andare in bagno spesso per la diarrea, ma con i bambini in braccio gli risulta difficile: non vuole essere licenziato. Il primario gli prescrive… delle sigarette, una due volte al giorno! Il fumo, da recenti studi, riesce a tenere sotto controllo l’infiammazione intestinale, e a detta del medico rende del 30% più fichi…
 
Curiosità: House suona "Silent Night" al pianoforte durante le scene finali.
House ascolta il cuore di un paziente con lo stetoscopio, ma quando l’inquadratura passa sul suo viso, si vede che lo stetoscopio non è nelle sue orecchie…
La scena di House che prescrive le sigarette come cura è un chiaro riferimento ad uno sketch che Hugh Laurie era solito fare con il suo amico e collega Stephen Fry intitolato “Dottor Tabacco” nel periodo in cui lavoravano insieme. Hugh era il paziente, Stephen il medico… che poi si scopre essere in realtà un tabaccaio.
Il titolo originale dell’episodio, “Damned if you do”, probabilmente fa riferimento ad una frase di Eleanor Roosevelt.

 
1.6 - Episodio 6
The Socratic Method
Il metodo Socratico

 
Scritto da: John Mankiewicz
Diretto da: Peter Medak
Trasmesso in USA il: 21 dicembre 2004
Trasmesso in Italia il: 8 luglio 2005
Guest stars: Stacy Edwards (Lucille Palmeiro), Aaron Himelstein (Luke Palmeiro), John Prosky (dr. Bergin), Sonya Eddy (Sally), Pat Musick (Trina Wyatt), Lilas Lane (Terri), Veronica Leigh (Wendy), C. Xavier Drayton (impiegato scansafatiche)
 
House Socratic MethodUna donna, Lucille Palmeiro, inizia a sentire delle voci nella sua testa. Prova inoltre un dolore acuto alla gamba, che si scopre essere un coagulo di sangue. Nel frattempo il figlio di Lucille, Luke, sta avendo un colloquio con un’impiegata per riuscire a mantenere la corresponsione dell’assegno di invalidità che la madre percepisce: le è stata diagnosticata la schizofrenia un anno prima. Il coagulo di sangue di Lucille si sposta dalla gamba al polmoni, e la donna collassa a terra.
Dopo che la paziente è stata stabilizzata, un medico spiega le sue condizioni a Luke: questi teme che il ragazzo stia dando alla madre dell’alcool, e lui replica che è vero, serve a calmarla. House, ascoltando la conversazione, si interessa del caso.
Perché una donna trentottenne sviluppa una trombosi venosa profonda? Wilson pensa che Greg sia interessato solo perché la paziente è schizofrenica, ma il primario di diagnostica replica che non è vero, e si precipita a visitare la paziente, cosa che sciocca Foreman e Chase. Durante la visita, House scopre che Lucille ha tremori che le impediscono di depilarsi le gambe: deve sanguinare parecchio quando si taglia… Il medico ordina un esame del sangue completo.
Foreman cerca di prelevarle il sangue, ma Lucille resiste, gridando che stanno cercando di rubarglielo. Per questo viene sedata. Luke è arrabbiato con House perché alla madre è stato iniettato l’Haldol per metterla KO: Lucille dice che le intorpidisce l’anima. Quella stessa notte, la donna inizia a vomitare una grossa quantità di sangue.
Greg sgrida Foreman per la dose di Haldol iniettata: si chiede se la deficienza di vitamina K possa spiegare il lasso di tempo passato tra l’esame del sangue e il vomito. Foreman e Chase controllano la casa della paziente per cercare ampicillina non utilizzata, che le era stata prescritta tempo prima per un’infiammazione alla gola e che può provocare gli stessi sintomi. Eric trova una scatola piena di farmaci, incluso un flacone intonso di ampicillina; inoltre scoprono il freezer pieno di pasti pronti da scaldare al microonde. Luke replica che è l’unica cosa che mangia, e la teoria di House in merito alla deficienza di vitamina K diventa più verosimile. Chase però si rifiuta di credere che la causa dei problemi di Lucille sia solamente la mancanza di vitamina K, e nomina l’alcool come possibile causa. Chase e Cameron effettuano un’ecografia al fegato della paziente e scoprono cirrosi e un tumore: ha bisogno di un trapianto, perché le dimensioni del cancro non sono adatte alla terapia chirurgica. House consiglia di iniettare etanolo nel tumore perché si restringa temporaneamente, cosicché il chirurgo accetti di operare.
L’intervento ha luogo, ma il chirurgo si arrabbia con Greg perché quest’ultimo ha fatto diminuire le dimensioni del tumore per ingannarlo. Nel frattempo i servizi sociali arrivano all’ospedale per prendere Luke; House invece inizia a domandarsi se Lucille sia veramente pazza. Quella stessa notte il medico accusa la paziente di aver chiamato lei i servizi sociali per avere qualcuno che si prendesse cura di suo figlio... Lui è d’accordo con la cosa, ma riflettendo comprende che è una decisione saggia e sofferta per una madre, e che non può sicuramente provenire da una schizofrenica.
Ripensando al caso, House ha una rivelazione ed inizia a chiamare i vecchi medici di Lucille. Tutti gli sbattono il telefono in faccia perché è tardissimo, e lui pensa che uno specialista possa comunque fare una diagnosi, per cui richiama il suo staff e insieme iniziano a cercare altre spiegazioni per i suoi sintomi. Cameron pensa che si possa trattare di alto livello di rame nel corpo, a causa del morbo di Wilson che spiegherebbe anche la cirrosi. Notando che Lucille ha cancellato l’anno precedente un esame oculistico, i medici eseguono un semplice test: l’anello color rame intorno alla cornea è un marchio inconfondibile, ed essendo presente nella paziente, i medici iniziano a trattarla per questa malattia. In pochi giorni Lucille è perfettamente in sé, e si ritrova finalmente con Luke. Greg si prende la colpa per aver chiamato i servizi sociali…
House all’ambulatorio visita una ragazzina, e le dice che le analisi sono negative allo streptococco. La madre è iperprotettiva, addirittura per il compleanno della figlia ha ordinato una torta senza zucchero, che ovviamente ai ragazzini non piace… La donna lotta strenuamente contro l’obesità, le sue intenzioni sono di far spaventare la figlia dal medico in modo che non ingrassi. Greg le fa una predica, non è giusto pretendere che la figlia diventi perfetta com’è lei!
Il primario segue anche un uomo che ha il singhiozzo. Il paziente le ha provate tutte per farselo passare: lingua tirata, borse di ghiaccio sulla gola, colpi in faccia, colpi sui genitali… Il medico lo schernisce facendo sì che si colpisca di nuovo in viso.
 
Curiosità: nella versione originale quando House chiama uno dei medici di Lucille e finge di essere un medico inglese, smette di parlare con l’accento americano e inizia a parlare con il suo accento natio.
Contrariamente al solito, è Cameron a fare la diagnosi corretta al posto di House.
Quando House parla con Luke della mancanza di vitamina K e del mangiare solo hamburger, il coperchio della bottiglietta di ketchup è aperto o chiuso a seconda delle inquadrature.
L’episodio è ambientato il giorno del compleanno di House: nessuno lo sa, tranne Cameron, che gli fa gli auguri ammettendo di aver spiato nella sua corrispondenza. Alla fine si scopre che anche Cuddy ne era al corrente, gli aveva addirittura preparato un biglietto! Il solito comportamento di Greg però fa sì che lei lo getti via senza darglielo. Wilson invece non conosce il giorno preciso, ma sa che è in quel periodo.

 
1.7 - Episodio 7
Fidelity
Fedeltà

 
Scritto da: Thomas L. Moran
Diretto da: Bryan Spicer
Trasmesso in USA il: 28 dicembre 2004
Trasmesso in Italia il: 22 luglio 2005
Guest stars: Dominic Purcell (Ed Snow), Myndy Crist (Elise Snow), Clementine Shepherd-Ford (Samantha Campbell), Brennan Elliott (Adam), Henri Lubatti (capo chef), Endre Hules (chef), James Conkle (ragazzino)
 
House FideltyDopo aver bevuto la sera precedente ed aver fatto del sesso mattutino con la moglie, un uomo di nome Ed torna a casa dal jogging e la trova a letto malata. La cosa si ripete, Elise vi rimane per giorni, ed è molto irascibile… All’ospedale, Cameron racconta ad House che la paziente dorme diciotto ore al giorno, ma i test effettuati non hanno rivelato nulla di anormale.
Il primario e il suo staff iniziano a vagliare le possibilità: depressione, parassiti? Greg ordina nuove analisi del sangue e un’altra risonanza magnetica. Dopo altri esami ad Elise viene detto che non ci sono spiegazioni per i suoi problemi, ma a quel punto viene colta da un colpo apoplettico.
House inizia a sospettare che possa trattarsi di cancro della mammella, e si informa sulla relazione tra Elise ed il marito. Cameron intanto prepara per una mammografia, e la paziente le rivela che la madre è morta di cancro più o meno all’età che lei ha adesso; tuttavia, i nuovi esami mostrano assenza di tumori. Wilson ipotizza si tratti di un piccolo tumore cellulare, che è difficile da trovare: House in questo caso intende ignorare il tumore finché non crescerà. Nel frattempo invia Foreman sul luogo di lavoro della paziente, un ristorante: il cuoco sostiene che la cucina è perfettamente pulita.
Cameron parla con Elise, quando improvvisamente quest’ultima lamenta pruriti al braccio. In seguito vede il suo braccio sventrato, con centinaia di formiche che ne escono, e grida affinché i medici l’aiutino a liberarsi degli animali: si tratta però solo di un’allucinazione. Nuovi esami non danno alcuna spiegazione per i sintomi, e Greg sostiene che l’unica patologia compatibile sia la malattia del sonno africana. Tuttavia la donna non è mai stata in Africa, e non è mai stata sottoposta a trasfusioni. Forse però può trattarsi anche di tularemia, la febbre del coniglio, magari contratta al ristorante: entrambe le patologie hanno delle cure estremamente dannose per l’organismo.
Cameron, Foreman e Chase considerano la possibilità di iniziare le cure per queste malattie, magari con quella meno tossica; all’improvviso però House ha un’illuminazione: tutto ciò che è presente nel sangue può essere trasmesso anche per contatto sessuale! Per questo incarica Foreman e Chase di chiedere ai coniugi se sono sempre stati fedeli l’uno all’altra, ed entrambi negano con forza di aver tradito il partner.
Elise in seguito entra in coma, ma i medici non hanno ancora una diagnosi certa. Ed sostiene nuovamente di non aver mai avuto relazioni da quando è sposato, così Greg lo informa che darà alla paziente una medicina potenzialmente fatale, ma che per questo necessita del suo consenso. Se l’uomo sospetta che la moglie possa averlo tradito anche solamente una volta, devono iniziare il trattamento immediatamente. Foreman e Chase iniettano quindi la pericolosa sostanza nel corpo di Elise.
Successivamente la febbre della paziente sale a 40°. Mentre House informa Ed che avrebbero già dovuto vedere dei miglioramenti, Elise esce dal coma. Il primario chiede alla donna chi sia stato il suo amante, l’uomo deve essere avvertito del pericolo e gli devono essere somministrate le medicine. La paziente piange, sapendo che il marito l’ha lasciata… Cameron tuttavia trova l’uomo misterioso, che ha anche un figlio piccolo: l’uomo altri non è che il migliore amico di Ed, colui il quale lo accompagna a fare jogging tutte le mattine.
All’ambulatorio, il primario si occupa di una paziente che lamenta mancanza di fiato e oppressione al torace, ma non è una fumatrice. Dice però di fare otto ore di ginnastica al giorno… No, è una battuta, in realtà insegna alla scuola materna! Dopo essersi spogliata, House rimane impressionato dal seno prorompente della donna: è il regalo per i quarant’anni del marito. Il medico pensa siano le protesi la causa dei sintomi della paziente, e chiede un consulto a Wilson. Teorizza poi che si sia rifatta il seno solo per se stessa, non per il marito: voleva vedersi diversa. Dal discorso, Greg dice all’amico che certamente il primario di oncologia si è fatto un’amante, perché ha una cravatta che a sua moglie non piace. Cuddy però interrompe il discorso, lamentandosi del fatto che per una dispnea non servono due primari: per coprire la verità, House ordina diversi esami alla paziente. I risultati sono quasi tutti normali, ma l’ECG mostra un rallentamento del ritmo cardiaco. Siccome il marito soffre di pressione alta, Greg pensa che l’uomo abbia mischiato un po’ delle sue medicine contro l’ipertensione allo zucchero, visto che è lui a preparare la colazione a casa. Non vuole certamente avvelenarla, ma neanche fare sesso con lei: le pillole infatti provocano il calo del desiderio, e forse il marito intendeva fare in modo che entrambi non avessero voglia di fare l’amore. House le consiglia quindi di andare in un bar e rimorchiare uno sconosciuto, nel caso le vengano le voglie…
 
Curiosità: alla fine della soap che House ha guardato, si vedono alcuni titoli di coda. Gli autori si sono divertiti facendo apparire alcuni nomi delle persone dello staff della serie, come Marcy G. Kaplan (produttore associato e co-produttore) e Cindy Carr (costumista e arredatrice).
Il titolo originale doveva essere "Truth or Consequences", e non “Fidelity”.

 
1.8 - Episodio 8
Poison
Madre controllo

 
Scritto da: Matt Witten
Diretto da: Guy Ferland
Trasmesso in USA il: 25 gennaio 2005
Trasmesso in Italia il: 15 luglio 2005
Guest stars: Roxanne Hart (Margo Davis), John Patrick Amedori (Matt Davis), Shirley Knight (Georgia Adams), Kurt Fuller (Mark Adams), McNally Sagal (sig.ra Miller), Molly Mankiewicz (donna bionda), Christopher Malpede (genio della matematica), Kenya D. Williamson (infermiera), Ulysses Lee (Chi Ling), Jim Lau (Chou-Young Ling), Linda Wang (Jen Ling), Andy Milder (autista)
 
Uno studente di nome Matt inizia a sudare e a storcere la bocca durante un esame in classe. Alzatosi, sviene davanti al resto della classe, e poi viene colto dalle convulsioni. Foreman presenta il caso ad House: Matt soffre di una grave bradicardia, e il suo ritmo cardiaco precipita velocemente. Il primario ipotizza si tratti semplicemente di abuso di sostanze stupefacenti; mentre Chase lo esamina, il paziente inizia ad avere di nuovo le convulsioni.
Su richiesta di Greg, Foreman e Cameron ispezionano la casa di Matt per cercare la droga. Non scovano nulla di strano, ma Cameron trova un barattolo di salsa di pomodoro fatta in casa con il coperchio gonfio. Potrebbe essere segno di un’infezione batterica! House però afferma che le convulsioni escludono tossine del cibo; Foreman afferma che anche l’uso di droga è da dispensare: forse si tratta di avvelenamento.
Matt viene prima lavato e poi collegato ad una flebo di pralidossima. Chase racconta alla madre del paziente che le analisi del sangue hanno determinato che un organofosfato sta causando i problemi del ragazzo; improvvisamente però il ritmo cardiaco di Matt precipita, e Chase è obbligato ad applicare uno stabilizzatore cardiaco al paziente per far sì che il ritmo risalga.
I medici sono interdetti. Foreman menziona un trattamento sperimentale che potrebbe funzionare, che prevede l’utilizzo di diverse idrolasi in base al tipo di veleno, ma devono assolutamente sapere quale sia quello esatto. Eric ed Allison tornano perciò a casa del ragazzo per controllare che tipo di pesticidi sia stato usato per i pomodori coltivati dal giovane. Cameron trova un barattolo vuoto di disulfotone, così Chase prepara un’iniezione di disulfotone idrolasi, ma la madre di Matt insiste che il ragazzo ha usato solamente olio di buccia d’arancia in giardino. Ha gettato via il disulfotone poiché non poteva usare pesticidi nel suo compito di scienze ambientali. Visto che l’idrolasi potrebbe incrementare la tossicità del veleno che ha colpito il paziente, la madre prega Chase non iniettarglielo.
Cuddy ricorda ad House che dovrà far firmare un modulo di rifiuto alle cure alla madre, così il primario leggendoglielo decide di cambiare il linguaggio legale per farla sentire colpevole. La madre così cambia idea, ma prima che possano procedere con l’iniezione di idrolasi, un altro paziente di nome Chi viene ricoverato con i medesimi sintomi. Sebbene i due non abbiano mai avuto contatti tra loro, frequentano la stessa scuola.
Chase e Cameron ispezionano lo scuolabus che Matt e Chi prendono la mattina: l’autista afferma di aver notato un camion spruzzare qualcosa vicino ad un laghetto: la contea sta nebulizzando l’etilparation contro il virus West Nile. L’idrolasi è la corretta terapia contro questo pesticida, ma la madre di Matt rifiuta ogni trattamento prima di aver avuto il parere del Centro per il Controllo Malattie. Cameron viene mandata a parlarle, ma la donna continua a rifiutarsi, fino a che un’arrabbiatissima Cameron la riprende severamente. La donna finalmente acconsente.
I medici somministrano l’idrolasi; più tardi, ai due pazienti vengono le convulsioni: i dottori riescono a salvarli, ma le condizioni continuano a peggiorare. Non era quindi l’avvelenamento da etilparation a causare i loro sintomi, forse hanno assorbito le sostanze a casa, quella stessa mattina… Qual è la risposta corretta? La lanolina nella crema antiacne o nel deodorante? Foreman e Cameron escono per una nuova ispezione, e trovano una bottiglietta di detersivo da bucato TKO in entrambe le case. Tuttavia la madre di Chi afferma che il figlio indossava vestiti appena acquistati quel giorno, che non erano mai stati lavati. House e Chase recuperano gli abiti dei pazienti dal magazzino, ed eseguono degli esami su di essi: risultano positivi al fosdrin, quindi è necessario un’altra iniezione di idrolasi.
La madre di Matt rifiuta nuovamente i trattamenti, fino a che non avrà sentito il Centro per il Controllo Malattie. Greg le fa quindi visita ma invece di parlare, decide di sedersi nella stanza con la siringa in mano, per mettere pressione alla donna. Come previsto dal medico, il CDC telefona dicendo che non è in grado di diagnosticare nulla semplicemente basandosi su dei dati, per cui la signora si rassegna e permette l’iniezione di idrolasi. In realtà è stato Chase a chiamarla contraffacendo la voce per dirle che il CDC non sapeva che malattia avesse Matt… Finalmente la terza idrolasi sortisce degli effetti, e i pazienti iniziano a migliorare.
Foreman scopre che qualcuno sta vendendo pantaloni dal retro del proprio furgoncino vicino alla scuola, e che il secondo lavoro del venditore è il coltivatore di granoturco. Alcuni pesticidi hanno imbrattato i pantaloni, che non essendo stati lavati hanno avvelenato i due ragazzi.
All’ambulatorio, Greg visita un’anziana che si sente “alla grande”: nota i colori più di prima, le piace la musica, e quando passa un bel ragazzo non riesce a smettere di guardargli il sedere. Tutto è iniziato qualche settimana prima, il figlio le ha affittato il DVD di Via col vento, ma ha erroneamente preso un film di Ashton Kutcher. Da allora non riesce a smettere di pensare all’attore! House decide di ricoverarla; i risultati dei test sono positivi alla sifilide, e il primario chiede all’ottantaduenne se di recente ha avuto dei rapporti sessuali. Lei replica di no, non fa sesso da quindici anni, ma poi confessa di aver contratto la sifilide nel 1939 al ballo della scuola. Ora si è rimanifestata, ma con la penicillina tutto si risolverà. Più tardi però la donna ritorna in ospedale e rende la ricetta della penicillina: vuole continuare a sentirsi così, e non intende quindi curarsi. Greg però la rassicura: la corteccia cerebrale persa a causa della malattia non ricrescerà, quindi resterà felice per tutta la vita.
 
Curiosità: la signora Miller menziona il fatto di non riuscire a smettere di pensare ad Ashton Kutcher. Che coincidenza, John Patrick Amedori, l’interprete di Matt Davis in questo episodio, ha recitato nel film del 2004 "The Butterfly Effect" nel ruolo della versione giovane del personaggio interpretato da Ashton Kutcher.
Nella versione originale House ed il resto dello staff sembrano divertirsi a sentire l’accento inglese fasullo di Chase. Jesse Spencer in realtà è australiano (e anche il suo personaggio), mentre Hugh Laurie è inglese, e deve coprire il proprio accento per interpretare Greg.
L’episodio deve essere ambientato la seconda o la terza settimana di maggio, poiché è allora che si fa l’esame per le classi “advanced placement”. Tuttavia, quando Cameron cerca il veleno nel garage, indossa un cappotto lungo e dei guanti… A maggio nel New Jersey è un po’ troppo caldo per un abbigliamento così invernale...

 
1.9 - Episodio 9
DNR
Rianimazione vietata

 
Scritto da: David Foster
Diretto da: Fred Keller
Trasmesso in USA il: 1° febbraio 2005
Trasmesso in Italia il: 5 agosto 2005

Guest stars: Brandy Norwood (se stessa), Harry J. Lennix (John Henry Giles), Chloe Webb (Cora), Clint Baker (Tommy), David Conrad (Marty Hamilton), Mike Starr (Willie), Richard Sinclair (medico), Courtney Henggeler (usciere), Victor Raider-Wexler (giudice Winter), Rif Hutton (Morris), Michael Oberlander (Ross), Dennis Howard (cappellano)
 
House DNRUn famoso jazzista costretto sulla sedia a rotelle, John Henry Giles, sta suonando in uno studio. Durante la registrazione però collassa a causa di una mancanza di ossigeno. Al Plainsboro Teaching Hospital, più tardi, House si interessa al caso, perché Henry è paralizzato da due anni ma nessun medico è mai riuscito a capire il perché: non gli interessa la polmonite che ha colpito l’uomo. Cuddy replica che il paziente è di Foreman.
Lo staff inizia a vagliare le possibili cause dei problemi del musicista, alla ricerca di spiegazioni. Il primo dottore di Giles, Hamilton, gli ha diagnosticato la sclerosi laterale amiotrofica (ALS), ma House ovviamente non concorda col collega. Chiede quindi a Foreman di somministrare al paziente immunoglobuline, che in seguito causano un collasso al paziente. Mentre Chase si appresta ad intubarlo, Foreman menziona il fatto che Giles ha firmato un ordine di non rianimare, ma a Greg questo non interessa minimamente e lo intuba personalmente.
Il primario viene così citato per aggressione; Cuddy comunque si schiera dalla sua parte, informandolo che quando l’ha assunto si aspettava di dover sborsare almeno cinquantamila dollari all’anno per cause a lui imputabili… E’ arrivato il momento di sfruttare quanto accantonato in precedenza per questa eventualità. Foreman intanto telefona al dottor Hamilton, che prende un volo da Los Angeles.
House vince la causa con un espediente, e vuole che Chase e Cameron somministrino al paziente cytoxan, che è il farmaco per il trattamento della sindrome di Wegener: è un salto nel buio, non ci sono prove che si tratti di quella patologia. Se lui sbagliasse, i suoi medici potrebbero perdere la licenza di esercitare. Chase nel frattempo controlla la biopsia renale, ma non rileva null’altro che un’infiammazione.
Il dottor Hamilton giunge alla clinica e informa House della sua intenzione di staccare il respiratore che mantiene Giles in vita. Greg replica che il paziente non sarà in grado di respirare se si tratta della sindrome di Wegener, ma il collega ribatte che a suo tempo aveva eseguito dei test per diagnosticare quella malattia, ed erano risultati negativi. A quel punto stacca il respiratore, ma Henry respira autonomamente, quindi la teoria del primario di diagnostica va in pezzi. Tuttavia ora il braccio del paziente è paralizzato: una conferma di sclerosi? House non è d’accordo, e convince Giles a fare una risonanza magnetica, che mostra che in realtà Henry ha avuto un ictus, come ipotizzato da Cameron. I medici procedono quindi con un’embolectomia al cervello e riescono a fargli recuperare la funzionalità dell’arto, ma si stupiscono quando il paziente afferma di avere di nuovo la sensibilità alle gambe.
Nel frattempo Hamilton offre a Foreman, suo vecchio amico, un lavoro insieme a lui molto più remunerativo rispetto a quello che svolge nel New Jersey. Raccontando la cosa ai colleghi il neurologo si sente rispondere da Chase e Cameron che loro non sono lì per i soldi: non odiano il loro primario come invece fa Foreman.
Greg ha un’idea per scoprire quale medicinale o trattamento abbia aiutato effettivamente il paziente: vuole togliergli tutti i farmaci (circa una dozzina) che vengono forniti, e iniziare la somministrazione uno alla volta. Più tardi Hamilton chiede ad House quale medicina è stata data a Giles, visto che ora le sue condizioni stanno peggiorando. Il primario prescrive nuovamente degli steroidi e una seconda risonanza; durante l’esame Eric e Greg discutono del loro rapporto di lavoro. House consiglia al sottoposto di lavorare per la persona che considera il medico migliore, lui o Hamilton.
I risultati della risonanza sorprendono tutti, poiché mostrano che il problema di Henry è una malformazione arterovenosa, che comprime la spina dorsale e che negli ultimi anni gli ha causato la paralisi. Foreman si domanda come Hamilton possa non essersi accorto di una patologia così semplice da individuare, ma Greg gli fa notare che tutti loro non se n’erano accorti prima: forse c’era qualcosa che la nascondeva nei risultati delle risonanze precedenti.
E in effetti è proprio così, l’infiammazione che si notava nelle risonanze precedenti non permetteva di individuare la MAV; gli steroidi però hanno ridotto l’infiammazione e così la reale patologia è stata scoperta. Con un intervento chirurgico la MAV viene rimossa, e John Henry Giles esce dall’ospedale sulle sue gambe, senza la sedia a rotelle che lo accompagnava da due anni.
In ambulatorio House visita un uomo che lamenta il fatto che il suo “ometto” non riesce a sollevarsi “di morale”: vorrebbe fare del sesso il weekend successivo, perciò chiede gli sia prescritto del viagra. Greg non è d’accordo: secondo lui non è un problema strettamente erettile, ma è colpa del paziente che mangia troppi dolci nonostante sia diabetico. Dovrebbe quindi aumentare l’insulina o diminuire gli zuccheri. L’uomo sembra perplesso, non ha menzionato di essere diabetico, ma House l’ha capito dalle sue mani senza peli a causa dei problemi circolatori e dalle scarpe, che pur essendo strette non gli provocano dolore perché ha perso la sensibilità ai piedi. Inoltre ha notato sui pantaloni dello zucchero a velo, e a giudicare dai due tovaglioli che il paziente ha in tasca quella non deve essere stata la prima ciambella della giornata! A dispetto della diagnosi il medico prescrive egualmente il viagra: al massimo lo ucciderà se soffre di cuore per aver ignorato il diabete.
 
Musica: la canzone che accompagna le scene finali è “What a Wonderful World” di Louis Armstrong.
Curiosità: Chase e Cameron effettuano un’embolectomia al cervello del paziente… La cosa suona un po’ strana, perché teoricamente le operazioni di questo genere possono farle solo i chirurghi qualificati (a maggior ragione quelle al cervello!), e Chase e Cameron non lo sono (sono rispettivamente specialista in rianimazione e in immunologia).

 
1.10 - Episodio 10
Histories
Storie di vite diverse

 
Scritto da: Joel Thompson
Diretto da: Daniel Attias
Trasmesso in USA il: 8 febbraio 2005
Trasmesso in Italia il: 22 luglio 2005
Guest stars: Paul Sklar (poliziotto #2), Smith Cho (Julia), Leslie Hope (Victoria Madsen), Ogy Durham (Chris), Charles C. Stevenson Jr. (Walter), Troy Robinson (poliziotto #1), Patty Onagan (fidanzata), Tomiko Martinez (ragazza alta), Brandon Brocato (Phil), Bonnie Perlman (madre), Farrah Skyler Greye (infermiera), Suzanne Ford (sig.ra Whitney), Kevin Moon (tecnico), Larry Clarke (agente Gilmar), Leslie Karpman (Jodi)
 
House HistoriesUna donna vaga alla disperata ricerca di droga. Giunge in una casa ad una festa privata per rifornirsi, ma non ha i venti dollari necessari per entrare. Prega di essere ammessa lo stesso per vedere il suo spacciatore, James; una volta all’interno, la polizia fa irruzione e la donna ha una crisi.
Wilson riassume il caso a beneficio di Foreman: una senzatetto è stata ricoverata per sospetta overdose, ma non ha documenti di identità né sembra ricordare il proprio nome. Ha delle lesioni cutanee e spasmi al polso, ed Eric non è felice di doversi occupare del caso. Quando alla donna vengono le convulsioni, il neurologo è scettico, secondo lui sta solo fingendo; in seguito ispeziona la sua borsetta alla ricerca di insulina, perché sospetta che la paziente sia affetta da diabete.
Wilson si rivolge ad House per una seconda opinione, visto che Foreman si rifiuta di cambiare idea. Greg però è più interessato ad apprendere chi sia la donna, e la sua storia… Il giorno successivo Chase vede la paziente disegnare e le chiede chi sia James, nome letto sui fogli di carta. Lei impazzisce e morde Foreman quando cerca di aiutare il collega, facendolo sanguinare. Eric aggira le regole per ottenere una risonanza magnetica immediata, falsificando il nome della paziente e l’ora dell’appuntamento; Cuddy però interrompe l’esame prima che riescano a procedere, poiché la TAC ha mostrato che la donna ha un chiodo chirurgico nel braccio: il magnete della risonanza l’avrebbe letteralmente strappato dal suo corpo. Non possono effettuare l’esame fino a che non conosceranno l’identità della donna.
Usando come indizio uno degli schizzi disegnati dalla paziente, Foreman giunge in un quartiere. Un senzatetto lo indirizza verso uno scatolone dove la donna abita, ed Eric lo trova infestato dai pipistrelli, oltre a scovare altri disegni.
House rimuove la graffa chirurgica e ne controlla il numero di serie, scoprendo che la paziente si è rotta l’arto in un incidente stradale il 2 ottobre del 2002; poi confessa di aver ordinato la risonanza solamente per avere la scusa di rimuovere la graffa e poter così scoprire l’identità della donna: si chiama Victoria Madsen. Foreman controlla gli esami del sangue, e si rende conto che la paziente è allergica al ferodestrano, che le stanno somministrando per trattare l’anemia. Infatti la trovano in arresto respiratorio a causa della reazione allergica, ma i medici riescono a salvarla.
Cameron scova diverse cartelle di altri ospedali intestate a Victoria. Non c’è nulla di allarmante, eccetto un’ecografia effettuata ed un’altra il cui appuntamento però è stato cancellato prima del tempo. Wilson sospetta che i colleghi cercassero un cancro ovarico, così House ordina un’eco alle ovaie: c’è un tumore. Greg si chiede se si tratti di un tuberculoma, ammettendo che sta teorizzando senza prove apparenti; tuttavia chiede allo staff di iniziare a trattare la donna con isoniazide, rifampina e streptomicina, che sono appunto i rimedi per il tuberculoma.
Foreman cerca di somministrare degli antibiotici a Victoria, e le chiede nuovamente di James. Lei si agita ancora, e dice che la luce del sole la sta bruciando, inoltre è convinta che l’acqua che le hanno dato da bere fosse avvelenata. Il neurologo la seda, riferendo quanto accaduto al primario e facendo notare che ha la febbre a 41°. Non può trattarsi di tuberculoma, poiché i farmaci non stanno funzionando. Chase intanto riceve i risultati della biopsia: è proprio tuberculoma. House è confuso: se la diagnosi è corretta, perché il trattamento la sta uccidendo?
Il gruppo si ritrova per cercare di capire cos’abbia Victoria che le causa questa reazione. Forse è infezione batterica, per cui ordinano test del sangue e delle urine, più una RX del torace; inoltre per combattere la febbre la mettono in una vasca piena di ghiaccio. I risultati degli esami non mostrano nulla di significativo, e i medici sospettano possa trattarsi di meningite, ma quando vanno a visitare la paziente, non la trovano più. Ha disegnato però un’altra striscia a fumetti sul muro, raffigurando un supereroe che sta cercando James. Qualche tempo dopo i paramedici la riportano indietro: ha quasi perso conoscenza, e il suo cuore batte all’impazzata.
House comprende che la tachicardia è dovuta all’uso della pistola a scariche elettriche (teaser) che un poliziotto ha fatto su di lei; tuttavia lei non ha sentito il colpo perché sulla coscia non ha più sensibilità. Greg prende un ago e punge Foreman laddove Victoria l’aveva morso, e nemmeno lui ha più alcuna sensibilità! Finalmente comprende che si tratta di rabbia: nonostante sia estremamente rara, un senzatetto può contrarla dai morsi degli animali infetti, i pipistrelli installatisi nello scatolone della paziente sicuramente sono i colpevoli. Sfortunatamente è troppo tardi per avviare un trattamento utile, Victoria morirà in uno o due giorni.
Foreman nel frattempo viene curato con l’antirabbica, e poi si reca a cercare il misterioso James. Lui e Wilson giungono alla casa in cui si è tenuto il rave party, e utilizzando i disegni di Victoria come guida trovano una scatola contenente alcune fotografie della donna, felice e sorridente insieme ad un uomo. Trovano inoltre un certificato di matrimonio: il marito si chiama Paul. Rinvengono poi un certificato di nascita di un bambino di nome James, il loro figlio. Scovano infine un ritaglio di giornale che parla dell’incidente d’auto in cui lei si è rotta il braccio: Paul e James sono morti nello scontro, ed era lei che guidava.
Eric va a trovare Victoria, fingendo di essere Paul. Le dice di essere venuto perché vuole perdonarla per l’incidente: stupita, la donna gli crede e piangendo si scusa.
House all’ambulatorio ha a che fare con una signora con molti figli che si leccano uno con l’altro, e uno di loro ha anche una verruca spurgante sul piede. Per non visitarli il medico finge di avere il raffreddore: per evitare di “contagiarli” li scarica alla Cuddy. Quest’ultima per vendicarsi affida a Greg due tirocinanti da seguire, che intervistano una paziente separatamente per poi rendersi conto che ha detto loro cose diverse. House capisce subito di cosa si tratta, e dà loro un indizio: la patologia inizia con la C. Nessuna riesce ad indovinare, così il medico va in visita alla paziente e lei si inventa un’altra storia strampalata. Le tirocinanti si arrabbiano perché continua a mentire, ma Greg ribatte che la ragazza ha perso la memoria: sindrome di Korsakoff, il cervello è danneggiato per alcolismo o dieta insufficiente, probabilmente quest’ultima ipotesi. La paziente riempie i buchi di memoria inventando eventi prendendo spunto dai particolari che vede al momento. Con della tiamina tornerà a posto.
Musica: la canzone che si sente durante il party nelle scene iniziali è "On Fire Like This" dei Mutaytor.
 
Curiosità:
Il poliziotto ammette di aver usato la pistola a scariche elettriche su Victoria. Tuttavia quel tipo di arma è illegale nel New Jersey, pochissimi poliziotti sono autorizzati ad usarla.

Il biglietto da cento dollari che House usa per corrompere il poliziotto è falso: il ritratto di Benjamin Franklin è al contrario.

Circa dalla metà degli anni ’80 i trattamenti standard contro la rabbia negli USA prevedono un’iniezione sul sedere e cinque nel braccio, con un ago da ¾”. Fatto nel modo corretto, è quasi indolore. L’iniezione addominale mostrata nell’episodio non si usa più da molto tempo.

Fare l’iniezione antirabbia dopo aver già manifestato i sintomi ai nervi è inutile: a quel punto il cervello è già coinvolto…

 
1.11 - Episodio 11
Detox
Disintossicarsi

 
Scritto da: Lawrence Kaplow, Thomas L. Moran
Diretto da: Nelson McCormick
Trasmesso in USA il: 15 febbraio 2005
Trasmesso in Italia il: 29 luglio 2005
Guest stars: Marco Pelaez (farmacista), Akiko Morison (anestesista), Maurice Godin (dr. Hourani), Amanda Seyfried (Pam), Nicholas D'Agosto (Keith Foster), America Olivo (Ingrid), Mark Harelik (sig. Foster)
 
Una coppia di teenager decide di andare a farsi un giro nella Porche del padre di lui. Il ragazzo, Keith, inizia però improvvisamente a soffocare e tossire sangue: distratta, la ragazza sbanda con la macchina e quest’ultima viene investita da un autobus dopo aver rischiato di schiantarsi contro un camion.
Cameron presenta il caso: un sedicenne vittima di incidente stradale sta entrando e uscendo dall’ospedale da tre settimane con un’emorragia interna. House la attribuisce all’incidente, ma Allison ribatte che l’emorragia è iniziata prima dell’urto. Greg però è più interessato ad ottenere delle nuove pillole di Vicodin, ma la farmacia ne è al momento sprovvista; Cuddy lo vede ingoiarne più del solito e lo sfida a superare la sua dipendenza dal farmaco. House replica che prende le pillole per contrastare il dolore, ma il direttore sanitario gli offre un mese di ferie se riuscirà a passare una settimana senza prendere neanche un Vicodin.
Cameron menziona il fatto che il paziente soffre di anemia emolitica non ereditaria, che è una patologia estremamente rara; il primario diagnostica così una meningite, ma gli esami sono negativi. Per questo raduna lo staff e chiede loro di eseguire gli esami per le infezioni, per il lupus, per il cancro e i test antidroga.
Parlando con il padre del ragazzo, Cameron scopre che la ragazza di Keith ha un passato di dipendenza dalle droghe, e che la moglie è deceduta in seguito ad un tumore al pancreas. Tuttavia il test antidroga è negativo, la leucoscentigrafia mostra che non ci sono infezioni e nemmeno infiammazioni. Infine il test del lupus risulta negativo anch’esso… Wilson esegue una biopsia alla ricerca di un linfoma, ma non ve n’è traccia.
Mentre i medici vagliano ulteriori possibilità, Keith lamenta la presenza di qualcosa in un occhio. I dottori non vedono nulla di strano, ma il ragazzo non riesce più a vedere… Foreman si rende conto di essere in presenza di un coagulo nella retina, tuttavia ogni possibile terapia anticoagulante lo ucciderebbe a causa delle emorragie. Hanno due ore per salvargli l’occhio oppure la vita, e House si domanda come sia possibile che una patologia causi contemporaneamente emorragie interne e coaguli. Le infezioni possono causare trombi, per cui cosa potrebbe esserci che non si è manifestata con la leucoscentigrafia? Potrebbe essersi trattato di un trombo cardiaco che si è staccato e ha viaggiato sino all’occhio.
Chase esegue quindi un’ecocardiogramma, ma ammette con rassegnazione che non si potranno occupare del coagulo oculare a causa del quadro coagulativo compromesso, per cui la cecità sarà permanente. Robert più tardi informa il primario che l’esame non ha mostrato alcuna infezione cardiaca, ma questi chiede che il paziente sia lo stesso messo sotto antibiotici. Chase ipotizza la rimozione di un po’ di umor vitreo dall’occhio, per fare spazio e permettere al coagulo di spostarsi da solo. Lascia poi la stanza, ma House si appoggia al muro: il dolore alla gamba è fortissimo.
Con un ago, Chase preleva un po’ di liquido dall’occhio del ragazzo, e questi riesce a recuperare la vista. Dopo l’intervento, la ragazza di Keith arriva nella sua stanza e lo bacia, ma lui vomita. I medici lo trasportano quindi in terapia intensiva, poiché il fegato sta cedendo e quindi le condizioni peggiorano di minuto in minuto: il padre è furente.
Lo staff si concentra su cosa possa aver danneggiato il fegato del paziente: l’anemia emolitica è esclusa. Greg pensa all’epatite E, sebbene il lupus sia molto più probabile: devono comunque escludere questa patologia, perché non esiste una cura. Per capire effettivamente di cosa si tratti chiede che venga somministrato a Keith del solumedrol, che reagirà con l’epatite E e lo farà peggiorare. Se non accade nulla, sapranno che la causa è il lupus. Lontani dagli altri, Foreman informa Cameron che il primario si sta disintossicando dal Vicodin, e questo gli sta facendo perdere la testa; House intanto suda nervosamente, in preda ai dolori.
Cameron racconta al padre del paziente che è convinta si tratti di lupus; nel frattempo per distrarsi dal dolore Greg si colpisce da solo con un fermacarte, e si rompe un osso della mano. Mentre Wilson lo cura, Cuddy chiede come mai House abbia costretto Cameron a mentire: ora il signor Foster vuole che inizino il trattamento contro il lupus, oppure chiederà il trasferimento del figlio. Cameron quindi procede a dire al padre di Keith che questi non è in condizioni di essere trasferito, così l’uomo si calma.
Chase e Cameron si preparano per iniziare le cure, ma Keith ha delle allucinazioni. Allison nota un’emorragia estesa provenire dal retto, e presto il paziente entra in shock ipovolemico. Un’angiografia rivela una grossa emorragia gastrica, la compromissione del sistema emodinamico e grossi danni al fegato; Cameron pensa che le allucinazioni derivino dalla psicosi, che inchioda il lupus come causa dei problemi del ragazzo. E’ arrabbiata che abbiano dovuto perder tempo con l’epatite E, dato che ora a Keith serve un nuovo fegato. House non è convinto che il lupus sia la spiegazione, tuttavia chiede che il paziente sia spostato in cima alla lista dei trapianti.
Nel suo ufficio, il primario di diagnostica vomita per il dolore. Foreman lo raggiunge con un flacone di Vicodin, perché possa rimettersi in sesto e concentrarsi sul caso di Keith. Cameron e Chase nel frattempo informano il padre del paziente che il lupus è in una fase troppo avanzata per essere curato, e che la lista trapianti conta almeno 1.500 persone. House continua a riflettere su cosa significhi la parola “Jules”, che Keith ha gridato durante le allucinazioni: il signor Foster li informa che Jules era la loro gatta, morta circa un mese prima. La ragazza di Keith aggiunge che l’animale dormiva nel letto del padroncino.
Foreman e Chase riesumano il gatto, e Greg esegue un’autopsia sulla salma. Nel contempo, un fegato compatibile arriva all’ospedale, e il ragazzo viene portato in chirurgia e preparato per il trapianto. House si precipita in sala operatoria per fermare l’intervento, annunciando di aver capito che il paziente non soffre di lupus, ma di un avvelenamento acuto da naftalina, prodotta dalle termiti. Questi insetti infatti creano una tossina che protegga i loro nidi, e a giudicare dal contenuto dello stomaco della povera Jules, la stanza di Keith era completamente infestata dai parassiti. Il chirurgo si rifiuta di fermare l’intervento, così il nefrologo gli sputa addosso per diffondere i germi e fermare l’operazione.
Lo staff rigetta la diagnosi di Greg: se il problema fosse ambientale, il trasferimento di Keith in ospedale l’avrebbe fatto migliorare. House spiega però che la naftalina è solubile nei grassi, e dato che il paziente non ha voluto mangiare il cibo dell’ospedale, il suo corpo ha iniziato a consumare il grasso corporeo avvelenato dalla tossina. Il signor Foster dà un pugno in faccia al medico, ma il primario promette che ventiquattr’ore di alimentazione normale in ospedale risolveranno la situazione: se eseguiranno l’intervento, non si risolverà nulla. Foreman e Chase, a casa Foster, abbattono una parete della camera del paziente, e le termiti iniziano ad uscirne: il primario aveva ragione! All’ospedale, intanto, Keith migliora rapidamente, e Greg supera la settimana senza prendere neanche una pillola. All’improvviso realizza che è davvero un drogato, ma dato che le cose sembrano andare bene così, continuerà a prendere il Vicodin. Wilson lo rimprovera di essere cambiato negli ultimi anni e di essere diventato un misantropo: sta usando le medicine e la gamba come scusa.
Musica: la canzone che si sente durante le scene iniziali dell’episodio è "You Don't Have to Worry" di Windy Wagner. La canzone del finale della puntata è invece "Feelin' Alright" di Joe Cocker
 
Curiosità: per l’interpretazione in questo episodio Hugh Laurie ha ricevuto la nomination come miglior attore protagonista di un drama agli Emmy del 2005.
 
1.12 - Episodio 12
Sports Medicine
Una vita per un’altra vita

 
Scritto da: John Mankiewicz, David Shore
Diretto da: Keith Gordon
Trasmesso in USA il: 22 febbraio 2005
Trasmesso in Italia il: 29 luglio 2005
 
Guest stars: Scott Foley (Hank Wiggen), Bryan Singer (se stesso), Meredith Monroe (Lola), Art LaFleur (Warner Fitch), Salli Richardson-Whitfield (Sharon), Deirdre M. Smith (Carol Moffatt), Timothy McNeil (paziente #2), Sean Everett (paziente #4), Richard Swaidan (studente del collage)
 
Dr. House Sports Medicine Una vita per un'altra vitaIl famoso giocatore di baseball Hank Wiggen sta girando un spot anti-droga, e racconta davanti alla telecamera di aver preso egli stesso delle droghe in passato. Quando, durante la pubblicità, l’uomo alza il braccio destro per lanciare la palla, l’arto si spezza e l’uomo collassa a terra in preda al dolore.
Alla clinica Hank viene sottoposto a numerosissimi test, e la diagnosi è osteoporosi, fragilità delle ossa. Wilson non riesce a capire come sia possibile e chiede un consulto ad House, dato che non hanno trovato traccia di cancro e non possono operarlo senza scoprire prima quale sia la causa della patologia.
Nel frattempo Foreman sta andando a letto con Sharon, una rappresentante farmaceutica. Quando arriva tardi al lavoro, accampando scuse ridicole del tipo “mi si è rotta l’auto”, gli altri hanno già iniziato ad analizzare il caso, e hanno realizzato che il paziente soffre anche di problemi ai reni. Foreman sospetta si tratti di abuso di steroidi, e tutti sono d’accordo con lui, ma Hank nega di fare uso di steroidi rifiutando al contempo un test delle urine. Sua moglie, Lola, tenta di fermare Chase, ma quest’ultimo le ottiene comunque dal sacchetto del catetere.
Cameron ha deciso di partecipare ad una conferenza oncologica il venerdì successivo, una conferenza alla quale si recherà anche Wilson: non può quindi sostituire Foreman come le aveva chiesto.
Il test delle urine di Hank risulta negativo, ma House non se la beve e prescrive al paziente una terapia con il luprol, che però gli causa un arresto respiratorio, indicando che Wiggen soffre di qualche altra patologia. I medici sospettano si tratti del morbo di Addison, il quale paradossalmente richiede un trattamento con degli steroidi, che però danneggerebbero i suoi reni… Il primario confronta direttamente il paziente, il quale alla fine ammette che il suo allenatore, Warren, gli ha dato qualche sostanza per incrementare la massa muscolare. Il nefrologo chiede quindi alla Cuddy di far inserire Hank nella lista dei trapianti di rene, ma lei rifiuta.
Lola si offre di donare lei stessa un rene al marito, mentre Foreman cerca di evitare il turno del venerdì. House confessa invece di avere dei biglietti per un raduno di monster truck, ma Wilson a malincuore si rifiuta di accompagnarlo. Alla fine si ritrova a chiederlo a Cameron, che accetta con piacere, non senza raccontargli che James ha cancellato la sua partecipazione alla conferenza un paio di settimane prima.
Il primario rivela a Lola che è incinta, per cui non può donare il proprio rene. La donna considera la possibilità di abortire per potersi sottoporre all’intervento, ma Hank non è d’accordo. Successivamente il livello di potassio di Wiggen cresce, provocandogli un arresto cardiaco ed eliminando la possibilità che si tratti del morbo di Addison. I medici cercano di stabilizzarlo, ma Hank inizia ad avere le allucinazioni: lo staff si convince che il paziente stia prendendo della digitale, che spiegherebbe tutti i sintomi. Greg immagina che sia stato l’allenatore l’involontario fornitore, dato che soffre di cuore e gli è stata prescritta: Hank ne ha rubata un po’ per suicidarsi; per questo il nefrologo decide di continuare con la storia del trapianto basato sulla diagnosi che aveva fatto prima di scoprire esattamente da cosa derivassero i sintomi e continua a somministrargli le cure per il morbo di Addison. Il paziente intanto accidentalmente schizza di urina il povero primario…
House mette Wilson con le spalle al muro in merito alla sua bugia, e l’oncologo ammette di dover incontrare una vecchia amica, Stacy, l’avvocatessa che in passato era stata la fidanzata di Greg. Il diagnosta replica che per lui va bene, e poi incontra Lola notando che lei non sente odore di urina nonostante lui non si sia ancora cambiato. Capisce così che la donna non ha un olfatto perfettamente funzionante a causa di un avvelenamento da cadmio, che sia lei che il fidanzato hanno subito utilizzando della marijuana coltivata in un campo contaminato. Lola è uscita dalla dipendenza (non prima però di aver perso l’olfatto), mentre Hank ha continuato a drogarsi per rilassarsi mantenendo il segreto. Fortunatamente il bambino di Lola è sano, e il nefrologo decide di mentire nella cartella clinica per fare in modo che Wiggen possa continuare a giocare a baseball. Dopo le terapie adatte, il paziente si riprende.
Greg tenta di svignarsela un quarto d’ora prima della conclusione del suo turno in ambulatorio, ma Cuddy gli fa notare che ha altri pazienti in attesa. Lui, stizzito, fa un’impressionante serie di diagnosi a tutti ascoltando solamente i sintomi lamentati, uno dopo l’altro, svuotando la sala d’attesa in meno di due minuti!
In seguito House e lo staff hanno un incontro con Sharon, e il primario capisce che lei e Foreman si stanno frequentando; l’appuntamento al raduno di monster truck tra il capo ed Allison va alla grande.
 
Musica: una delle canzoni che si sente quando Cameron, Chase e Foreman sono al bar è "You Better Stop" di Robert L. Wyckoff. La canzone che si sente al ristorante, quando c’è anche Sharon, è "I Never Saw It Coming" di Windy Wagner.
 
Curiosità: il produttore esecutivo dello show nonché registra del primo film degli X-Men, Bryan Singer, partecipa all’episodio in un cammeo.
 
Nelle scene iniziali Hank si rompe il braccio destro, ma l’RX mostra un braccio sinistro.
 
Nella scena in cui Chase e Cameron stanno bevendo un drink, Cameron prende il cellulare di Foreman. Prima di questo però sorseggia un po’ della sua soda, facendone scendere il livello a metà del bicchiere. Quando Eric torna qualche secondo dopo il bicchiere è pieno per ¾, senza per altro che ci sia stato il tempo per riempirlo.
 
1.13 - Episodio 13
Cursed
Dannato

 
Scritto da: Matt Witten, Peter Blake
Diretto da: Daniel Sackheim
Trasmesso in USA il: 1° marzo 2005
Trasmesso in Italia il: 18 agosto 2005
 
Guest stars: David Henrie (Tommy), Tracy Middendorf (Sarah Rilek), Nestor Carbonell (Jeffrey Rilek), R.J. Root (Sam), Jack Walsh (Ozzy), Alejandro Patino (tassista), Abbey McBride (bionda), Dennis Bendersky (Davey), Daryl Sabara (Gabriel Rilek), Patrick Bauchau (dr. Rowan Chase)
 
Due dodicenni, tornando a casa da scuola, penetrano in un edificio abbandonato per raggiungere degli amici, bere birra e fumarsi una sigaretta. Uno dei ragazzi, Gabriel Rilek, inciampa e cade sul vecchio pavimento di legno. Qualche giorno dopo Gabe sviluppa del rash sul braccio e la madre Sarah, preoccupata, intende portarlo in ospedale dato che è tutta la settimana che ha anche la febbre. Gabe cerca di scendere dal letto, ma collassa sul pavimento.
Cuddy legge la cartella del paziente ad House, che ipotizza si tratti di un semplice caso di polmonite: secondo Greg il direttore sanitario è preoccupato semplicemente perché i genitori di Gabe sono dei grossi benefattori per l’ospedale. Quando però Lisa descrive il rash come una lesione papulare sul braccio, il primario inizia ad interessarsi del caso. Lo staff quindi cerca di capire che tipo di polmonite causi anche un rash in quella forma, e Foreman suggerisce possa trattarsi di polmonite da clamidia, sebbene i dodicenni non facciano molto sesso… Forse è il rash il sintomo che si è manifestato per primo? Potrebbe trattarsi della malattia di Lyme. House chiede ai colleghi di continuare la terapia con la cefuroxima, effettuare una biopsia del rash e raccogliere qualche altro dato clinico del paziente.
Mentre Chase preleva del fluido dalle pustole il padre di Gabe, Jeffrey, chiede insistentemente di sapere cosa stanno facendo al ragazzo. Chase sposta quindi il paziente per una conversazione privata, e i due fanno amicizia tanto che il giovane ammette di essere caduto in una casa abbandonata, ferendosi al braccio. Ricorda anche di aver sentito odore di muffa, nella soffitta. Robert sta per andare a prelevare dei campioni della vecchia casa quando il dottor Rowan Chase entra nell’ufficio di House: è suo padre, e il rianimatore esce velocemente, non scambiando alcuna effusione con il genitore.
Dopo che Chase è ritornato con alcuni campioni dell’isolamento di feltro delle assi del pavimento dell’edificio abbandonato, House si rende conto che il vecchio isolante è fatto di peli d’animale. Capisce in seguito che si tratta di antrace dai risultati della TAC del paziente, e Cameron si affretta a somministrare a Gabe del levaquin, spostandolo poi in terapia intensiva. Jeffrey non riesce a credere che il figlio abbia contratto l’antrace, e ipotizza possa trattarsi di leismaniosi o filariasi, patologie che ha scovato su internet. Nel frattempo il ragazzo ha difficoltà respiratorie, e Chase infila il laringoscopio nella sua bocca per aprirgli la gola. Foreman non riesce però ad inserire il tubo endotracheale, e Robert sta per eseguire una tracheotomia d’emergenza quando finalmente l’intubazione va a buon fine.
La squadra cerca di comprendere cos’abbia causato la reazione alla gola: forse un’allergia? House vuole un consulto da Rowan; tutti eccetto Robert cambiano idea in merito all’antrace, ed effettuano dei test per la sarcoidosi, che provoca la tumefazione dei tessuti corporei. Prima che Foreman possa somministrare degli antinfiammatori a Gabe, Chase nota che il rash è diventato nero: questo è un segno distintivo dell’antrace, sebbene i noduli alla gola non contraddistinguano la malattia. Tutti ora si fanno un’idea diversa, e il dottor Chase sr. ipotizza possano essere antrace e sarcoidosi contemporaneamente. Robert insiste che le due patologie sono rarissime, figurarsi averle entrambe: è più probabile che sia un’allergia che accompagna l’antrace. Greg però non è d’accordo, l’antrace sicuramente ha danneggiato il sistema immunitario tanto da risvegliare una sarcoidosi precedentemente latente: per questo vuole che Gabe sia trattato con gli antibiotici contro l’antrace e con il methotrexate per la sarcoidosi. Aspetteranno per vedere che cambiamenti ci saranno.
Jeffrey è furioso e rintraccia House perché sta eseguendo degli esperimenti sul figlio senza nemmeno visitarlo. Jeffrey inoltre protesta perché ha dato denaro all’ospedale esclusivamente per ottenere attenzione immediata, e porta a suffragio di quanto sostenuto l’esempio del suo polso: dopo sei mesi di diagnosi che gli chiedevano di riposarsi, l’uomo ha fatto una grossa donazione e quello stesso pomeriggio è stato operato per il tunnel carpale.
Gabe ora ha sviluppato degli orrendi noduli rossi sulla schiena, e le lesioni si stanno diffondendo su tutto il corpo. Rowan Chase teorizza possa trattarsi di una malattia autoimmune: il corpo lavora duramente per attaccare l’antrace, e finisce per attaccare anche se stesso. Questo tipo di patologia però potrebbe indicare qualsiasi cosa, così decidono di somministrare steroidi e cytoxan. Robert, intanto, esegue una biopsia delle lesioni, tentando di dimostrare che il padre ha torto. Sebbene le tumefazioni di Gabe stiano scemando e la pelle migliori, Chase mostra al padre un test per gli anticorpi antifosfolipidi che dimostra l’assenza di patologie autoimmuni. Rowan ribatte che quei test non sono affidabili, ma Robert controbatte chiedendogli cosa stia facendo lì in ospedale.
House segue Rowan nella hall, e nota un puntino blu sulla sua gola: è un tatuaggio che serve a guidare le radiazioni nella radioterapia. Chase sr. ammette di essere allo stadio terminale, soffre di cancro al polmone.
Robert esegue su Gabe tutti i test possibili per le patologie autoimmuni, ma il ragazzo si lamenta di non riuscire più a muovere la mano: quest’ultima e l’avambraccio destri sono paralizzati, e la febbre è tornata. Chase crede sia colpa di una neuropatia tossica innescata dal cytoxan; Cameron si chiede quale processo cerebrale causi paralisi, lesioni cutanee e noduli alla gola. Rowan pensa che la diagnosi del figlio, neurofibromatosi multipla, possa essere corretta, e il primario ordina un’altra TAC.
I test non mostrano masse fibrose, quindi non è neurofibromatosi. Potrebbe trattarsi del morbo di Burger, ma Gabe non ha mai lasciato lo stato: i medici prendono in considerazione i genitori, e il nefrologo ricorda le malattie citate da Jeffrey, leismaniosi e filariasi, che sono patologie diffuse soprattutto nel sudest asiatico. Considerano quindi la possibilità che non sia stato l’antrace a risvegliare la seconda patologia, ma gli antibiotici o gli altri farmaci somministrati. House si precipita nella stanza di Gabe e afferra il polso di Jeffrey: come mai conosce le malattie citate in precedenza? Se non racconterà la verità, il figlio probabilmente morirà. Jeffrey confessa di aver passato due anni in India: dopo aver aderito ad ashram, ha finito per perdere tutti i soldi, ed era troppo imbarazzato per ammettere il suo fallimento alla famiglia.
House chiede ai colleghi di eseguire l’esame per diagnosticare la lebbra. Questa malattia potrebbe aver risvegliato il sistema immunitario e attivato l’antrace. Gli antibiotici avrebbero dovuto evitare la lebbra, ma i batteri morenti hanno prodotto degli anticorpi che alla fine attaccano le cellule cerebrali e il grasso. Questo causa l’infiammazione e tutti gli altri sintomi, Greg chiede quindi a Cameron di somministrare al paziente del thalidomide. Gabe migliora, e anche Jeffrey viene trattato per la lebbra.
Quella notte Robert vede il padre mentre sta per andare in aeroporto: gli promette di fargli visita l’anno successivo, e Rowan lo fissa senza però ammettere che non vivrà così a lungo. Si abbracciano, senza che Robert sappia che quella è l’ultima volta che lo rivedrà.
 
 
1.14 - Episodio 14
Control
Sotterfugi

 
Scritto da: Lawrence Kaplow
Diretto da: Randall Zisk
Trasmesso in USA il: 15 marzo 2005
Trasmesso in Italia il: 19 agosto 2005
 
Guest stars: Chi McBride (Edward Vogler), Ron Perkins (dr. Simpson), Sheila Cavalette (anestesista), Joshua Miller (Ricky), Andrew Borba (sig. Van Der Meer), Sunny Mabrey (Jenny), David Joyner (cardiochirurgo #2), David Castellani (consigliere #2), Vivian Bang (Robin), Sarah Clarke (Carly Forlano), Dar Dixon (Don)
 
Carly, una manager trentenne in carriera, si trova nel bel mezzo di una importante riunione di lavoro, quando inizia a tremare. Improvvisamente non riesce più a muovere la gamba, e scioglie il meeting con una scusa riuscendo a non far capire a nessuno il suo problema. Rimasta sola, chiede alla sua assistente di chiamarle un medico.
House parla del caso con i suo colleghi: si tratta di paralisi e dolori al quadricipite destro. Cameron si chiede se possa trattarsi dello stesso tipo di coagulo di cui soffrì anni prima il primario, e questi ordina un’angiografia che possa rilevare eventuali trombi: se l’esame è negativo, le dovrà essere eseguita una risonanza vertebrale per controllare un’eventuale pressione sulla spina dorsale da parte di un’ernia. Se anche dalla risonanza non dovesse risultare nulla di anomalo, eseguiranno una biopsia dell’arto. Chase osserva gli esami di Carly, ma mentre flirta con la tecnica di laboratorio non si accorge che la macchina ha radiografato la coscia sinistra della paziente, e non la destra…
Nel frattempo Cuddy annuncia che Edward Vogler, uno dei più grandi benefattori dell’ospedale, è appena stato nominato capo del consiglio di amministrazione dell’ente. Vogler intende trasformare l’ospedale in un centro ricerche all’avanguardia, dove le persone senza speranza possano trovare un aiuto: si occuperà di Alzheimer, cancro, AIDS e altre gravi patologie.
Greg visita un giovane di nome Ricky Van der Meer, che soffre di dolori alla gola. Quello che più lo interessa però è che il padre del ragazzino ha subito un intervento al ginocchio un anno prima, e da allora non è più riuscito a parlare. Il diagnosta si confronta con il dottor Simpson, che ha operato l’uomo: tutto quello che riesce a farsi dire è che il signor Van der Meer ha ricevuto un milione di dollari in una causa per negligenza quando i medici non sono riusciti a capire cosa non andasse in lui.
Cuddy raggiunge il nefrologo, e lo avverte che Vogler vuole che inizi ad indossare il camice. House sbotta, lamentandosi del fatto che d’ora in poi l’uomo comincerà ad usare i pazienti come cavie di laboratorio: saranno costretti a subire cure che non fanno loro bene, ma che produrranno ottimi risultati per la ricerca. Lisa comprende che quello che sta facendo Vogler è molto simile a quello che fa House con i suoi pazienti, solo su scala più ampia; Greg è convinto che il nuovo capo del consiglio di amministrazione rovinerà l’ospedale.
Nella sua stanza Carly è in agonia, quando Foreman la raggiunge per informarla che tutti i test hanno dato esito negativo. La donna grida per il dolore, e il primario riunisce lo staff: Chase annuncia che l’angiografia non ha mostrato alcun trombo e la biopsia ha svelato l’assenza di anomalie neurogene o miopatiche; Eric li informa che gli esami per la trichinosi, la toxoplasmosi e la poliarterite nodosa sono tutti negativi. Il diagnosta chiede a Wilson di effettuare una scentigrafia alle ossa, per verificare la presenza di un cancro nascosto; James di contro lo mette in guardia: stia buono e tranquillo finché Vogler resterà in carica.
Wilson si reca a visitare Carly: non c’è traccia di cancro osseo, ma potrebbe provare dolore a causa del cancro in un’altra parte del corpo. La madre della paziente è morta a causa di un tumore in giovane età, tuttavia la donna non intende sottoporsi a colonscopia: rifiuta di essere esaminata, così l’oncologo propone una costosissima colonscopia virtuale, non invasiva, e lei accetta.
Wilson informa il nefrologo che non c’è alcun tumore del colon, e che la paziente non vuole essere sottoposta ad esami fisici. House si chiede come mai la paziente sia così imbarazzata, e richiama i colleghi notando poi qualcosa di strano nell’angiografia: Chase ha analizzato la gamba sbagliata! Greg vede che il tecnico di turno era Jenny, e capisce cos’è accaduto, per questo ordina a Foreman di eseguire un’altra angiografia.
Foreman sta eseguendo l’esame, quando la paziente lamenta difficoltà respiratorie: i suoi polmoni infatti si sono riempiti di fluidi. Eric opera una toracentesi per drenare il liquido, e invia il campione al laboratorio perché sia analizzato. L’angiografia intanto non rivela alcun trombo… Il primario è distratto, e fissa la lavagna con su scritti i sintomi lamentati da Carly. Alla fine cancella tutto, e scrive “Sintomi psichiatrici: dolore represso, controllo, vergogna”. Osserva poi la donna mentre sta dormendo, ed esaminandone la gamba nota sette incisioni perfettamente allineate sulla coscia: è un’autolesionista.
House va a pranzo con Wilson, e accenna al fatto che Carly ha bisogno di un trapianto cardiaco. Non ha ancora i risultati del laboratorio, comunque, e non le ha nemmeno fatto l’ecocardiogramma, ma nella lettura della sua aura ha visto che qualcuno vicino a lui ha bisogno di un cuore nuovo. Non vuole però aggiungere altro, dato che le nuove politiche ospedaliere obbligano l’amico a rivelare quanto detto alla commissione trapianti. Chase e Cameron li raggiungono con alcune novità: la toracentesi ha rivelato la necessità di un trapianto, quindi la donna ha bisogno di un cuore sano. House li informa di averla già inserita nella lista.
Vogler chiede a Cuddy cosa sia esattamente il reparto di Clinica Medica, e lei replica che è il reparto di House. Vogler pensa che sia un buco nero, finanziariamente parlando, dato che assorbe tre milioni di dollari all’anno per curare un solo paziente alla settimana. Lisa ribatte che il nefrologo salva un paziente alla settimana, ma l’imprenditore continua chiedendo come mai Greg non indossi il camice. Forse non rispetta il direttore sanitario?
Il diagnosta rivela a Carly che necessita di un trapianto. Lei replica che non è possibile, corre regolarmente, ma lui risponde dicendo che è anche un’autolesionista e una bulimica: ha dovuto trovare un modo per vomitare senza far notare i sintomi del suo disturbo alimentare, così sta usando ipecacuana, che però in dosi multiple causa danni ai muscoli. Questo ha creato il dolore alla gamba e ha danneggiato il suo cuore. Lei ammette di prenderla tre volte alla settimana, e il primario la informa di aver organizzato un meeting di emergenza con la commissione trapianti per la sua posizione nella lista. Normalmente dovrebbe trovarsi in una posizione elevata dato che le resta circa un giorno di vita, tuttavia la bulimia la fa essere a rischio, come se fosse una suicida. Carly gli domanda allora cosa vuole, e il nefrologo replica che intende sapere se lei vuole morire o vivere. La paziente esclama di non voler morire.
Più tardi House si trova davanti alla commissione, ed è presente anche Vogler. Lisa chiede se la donna rientra nelle categorie di esclusione trapianti, ma il diagnosta replica di no. Cuddy allora lo minaccia di sanzioni disciplinari in caso menta alla commissione, ma lui persevera asserendo che non ci sono cause di esclusione.
Dopo la riunione, Wilson rimprovera l’amico per aver mentito; questi intanto riceve la notizia che il trapianto si farà. In ufficio, nel frattempo, Chase si chiede come mai il capo abbia inserito Carly nella lista trapianti prima di aver letto i risultati degli esami, sembra strano; inoltre è preoccupato perché teme che sarà licenziato. Robert più tardi “accidentalmente” scopre un flacone di Ipecac nella borsa di Carly…
Cameron informa Greg che il signor Van der Meer ha fissato un appuntamento con lui, poi gli chiede se licenzierà Chase, ma il nefrologo replica che vuole solo che Robert faccia di tutto per proteggere il suo lavoro, ora che Vogler minaccia di fare dei tagli. House apprende dal chirurgo che la paziente ha subito un trapianto da manuale, così va a controllare Van der Meer: sa che il fatto di essere stato intubato durante l’intervento al ginocchio ha paralizzato le sue corde vocali, ma sa anche che la sua cura, un’iniezione di botulino in loco, l’ha rimesso in sesto. Van der Meer scuote la testa, ma il diagnosta gli confida che non dovrà rendere i soldi ottenuti con la causa legale, e finalmente il paziente ammette di poter parlare.
House siede vicino a Carly mentre si sta svegliando, e le consiglia di non rovinare tutto. Più tardi si rilassa nel suo ufficio quando Vogler lo raggiunge, e gli chiede spiegazioni in merito alla bulimia della donna: hanno trovato un flacone di Ipecac nella sua borsa. Greg gli fa notare che avrà bisogno di una mozione all’unanimità del consiglio per licenziarlo, ma dato che Wilson e Cuddy sono dalla sua parte, non ci riuscirà mai. Devono quindi imparare a convivere… Vogler ammette che il medico ha ragione, ma prima di andarsene accenna al fatto che è molto più semplice sbarazzarsi di un membro del consiglio piuttosto che licenziare un medico…
 
Musica: quando Vogler si trova nell’ufficio di House, e questi riaccende la musica, la canzone che si sente è "Hava Naglia", una canzone tradizionale ebrea. Inoltre, nell’episodio si sente anche la canzone degli Who “Baba O’Reilly”, sigla tra l’altro di CSI: NY, prima che Vogler entri nell’ufficio di House e dopo che ne è uscito.


1.15 - Episodio 15
Mob rules
Un mafioso in corsia

 
Scritto da: David Foster, John Mankiewicz
Diretto da: Tim Hunter
Trasmesso in USA il: 22 marzo 2005
Trasmesso in Italia il: 2 settembre 2005
 
Guest stars: Chi McBride (Edward Vogler), David Burke (Everhardt), Danny Nucci (Bill Arnello), Joseph Lyle Taylor (Joey Arnello), Greg Collins (agente Brady), Ingrid Sanai Buron (Kimberly), A.J. Trauth (Henry)
 
Un giovane mafioso, Joey Arnello, sta mangiando nella sua stanza d’albergo. Il fratello e avvocato Bill cerca di convincerlo a non testimoniare ad un processo, ma improvvisamente Joey si alza in piedi e, sentendosi stordito, collassa. Bill cerca di aiutarlo, ma gli agenti federali presenti pensano stia fingendo.
In ospedale Vogler fa pressione su Cuddy perché lo tenga informato sui conti del reparto di diagnostica, al momento non disponibili; intanto House arriva con un’ordinanza della Corte Federale che lo obbliga ad esaminare un testimone importante. Il medico non vuole occuparsene, ma il direttore sanitario gli presenta una scelta: visitare il paziente, assumere un avvocato per ricusare l’ordinanza oppure andare in prigione per non aver rispettato l’ordine. Dopo che il diagnosta esce dalla stanza, Vogler afferma che devono liberarsi di lui, oppure lei dovrà fornire una buona ragione per la quale non licenziarlo.
Greg esamina Joey, che è entrato in coma e non risponde alla luce o agli stimoli dolorosi: è praticamente morto. Bill vuole sapere cosa sta accadendo a suo fratello, ma il nefrologo intende scaricarlo. L’avvocato lo minaccia perché non vuole che questo accada, in ospedale avrà maggiori chance di convincerlo a non testimoniare per i federali.
La risonanza mostra la presenza di un ematoma subdurale, ma il primario è convinto che sia solamente il segno di un vecchio trauma, di certo questo non causa il coma. Chiede qualcosa in merito al fegato, ma Chase spiega che solamente alcuni valori sono leggermente elevati. Foreman vuole aprire il cranio del paziente e analizzare la cavità, ma Joey improvvisamente si risveglia e afferma di non voler essere trapanato. Con il paziente sveglio, i medici credono sia il caso di dimetterlo, ma House non è d’accordo e chiede siano eseguiti altri test: esami per l’epatite e screening immunologico.
Più tardi House scopre che Vogler ha insistito per far dimettere il paziente, e poi ha chiamato i federali che l’hanno portato via. Cuddy dichiara al capo del consiglio di amministrazione, intenzionato a chiudere il reparto di diagnostica perché in passivo, che solamente lei può controllare Greg; quest’ultimo intanto vuole sapere chi è stato a visitare e lasciare andare il paziente. Quando House alla fine se ne va senza tante storie accettando la decisione dei capi, Vogler replica che sa che ha in mente qualcosa…
E infatti Joey viene presto riportato in ospedale. Dopo averlo stabilizzato, lo staff inizia ad analizzare nuovamente la cartella: il fegato sta peggiorando, ma i sintomi sono completamente differenti rispetto al precedente ricovero. Sebbene il test per l’epatite C sia risultato positivo, il diagnosta non è convinto che la patologia possa spiegare un così rapido cambiamento della situazione, per questo ordina una biopsia. Chase consiglia di somministrare dell’interferone per curare l’epatite prima di eseguire la biopsia, per favorire una rapida ripresa, ma il nefrologo replica che inizi pure il trattamento, ma non indichi lui come l’ideatore della cosa. Vuole anche che Robert esegua la biopsia, già che c’è… In seguito prende da parte Foreman e gli annuncia di volerlo estromettere dal caso, perché qualcuno ha riferito a Vogler che lui ha mentito alla commissione trapianti in merito al caso di Carly. House lo rassicura, non pensa che sia lui il colpevole, ma vuole che Vogler, Cuddy e tutti gli altri pensino che è quello che crede.
Chase si trova nella stanza di Joey spiegando qual è la patologia di cui soffre, ma Bill si arrabbia e lo colpisce, intimandogli di non dire a nessuno che il fratello ha l’epatite C. Inoltre vuole che non gli sia somministrata la cura contro questa malattia. Nel frattempo Lisa cerca di salvare Greg dalle ire di Vogler: sebbene lo odi anche lei, vuole salvargli il lavoro. Vogler pensa che questa sia una prova che lui le piace, e questa non è una buona cosa per gli affari.
Bill parla con il nefrologo e si arrabbia per il poco rispetto dimostrato nei confronti di Joey in merito alla diagnosi fornita. Il diagnosta replica che avendo notato dei tatuaggi fatti in prigione sul corpo del paziente, e avendo letto i suoi esami del sangue, pensa che egli sia stato violentato in galera. Bill ammette di aver sentito delle voci in questo senso, ma se la diagnosi si sapesse, la reputazione dell’uomo ne uscirebbe distrutta. Il primario accetta di somministrare l’interferone senza che ne rimanga traccia sulla documentazione medica.
Wilson racconta ad House che Lisa e Vogler hanno discusso per ben due giorni in merito al suo lavoro. In seguito notano una Corvette rossa del ’65 parcheggiata nel posto auto di Greg: un biglietto sul vetro spiega che è un regalo da parte degli Arnello. Foreman raggiunge i colleghi con la notizia che la pressione del paziente è precipitata, e ha un’emorragia al fegato. Il diagnosta analizza i risultati della biopsia, che dimostra infiltrazioni di linfociti ma nessuna fibrosi: questo significa che la condizione è acuta e non è un risultato dell’epatite. Inoltre sembra che il danno epatico sia stato causato dall’esposizione alle tossine: probabilmente è stato avvelenato!
Il fegato di Joey inizia a cedere: sebbene debbano attendere almeno quattro ore prima che arrivino i risultati dei prossimi test, l’organo non durerà così a lungo. Il nefrologo ha un’idea, e qualche tempo dopo un maiale viene portato in ospedale e piazzato vicino al paziente… Un tubo viene collegato da un’arteria della gamba di Joey fino al fegato del maiale, mentre Cameron e Foreman continuano la ricerca della tossina responsabile dei problemi di Arnello. House nota da una radiografia toracica e dalla formula leucocitaria che il paziente recentemente ha smesso di fumare; fuori dalla camera, intanto, due agenti federali incaricati di sorvegliare la situazione iniziano a litigare. Uno dei due recentemente ha depositato tremila dollari nel conto della moglie, e l’altro vuole sapere se sono proventi di corruzione. Greg li interrompe, annunciando che Joey ha preso così tante caramelle per smettere di fumare, contenenti un’erba cinese tossica se assunta in grandi quantità, da avvelenarsi da solo. In un paio d’ore dovrebbe rimettersi in sesto.
Quella notte Wilson consiglia al nefrologo di permettere a Vogler di dire ai federali che il paziente può essere dimesso, dato che il presidente del consiglio di amministrazione lo ritiene importante: questo sicuramente lo farà vedere sotto una luce diversa. Il giorno successivo il diagnosta indossa un camice ed entra nell’ufficio di Cuddy, raccontando a Vogler che Joey può essere dimesso. Lisa esamina la cartella e si chiede come sia possibile che delle caramelle causino un problema così grave al fegato; il primario spiega che è colpa di un mix tossico con l’interferone. Mentre il direttore sanitario sgrida House per aver alterato la cartella, il cercapersone suona: Arnello è di nuovo entrato in coma.
Lo staff si riunisce per discutere il caso. Chase incolpa ancora l’epatite C, che non hanno mai veramente curato; House invece fa notare che le condizioni sono acute, non croniche. Robert suggerisce una cura sperimentale mai provata sugli essere umani che implica l’utilizzo di un inibitore allosterico non nucleoside per far mutare il virus; Eric così chiama un ospedale di Philadelphia che sta testando il trattamento sui cani.
Mentre sta visitando un altro paziente, un bambino che si infila gli oggetti nel naso, Greg ha un colpo di genio in merito al caso di Joey: qualche volta la risposta più semplice è anche quella corretta! Sulla lavagna dell’ufficio il nefrologo fa una croce sopra le parole “fegato” ed “estrogeni”; poi discute con Chase e si ritrova a pensare alla causa del coma. In seguito parla con l’agente che ha depositato i contanti sul conto della moglie, ma Bill li interrompe dicendo che hanno dato al poliziotto un po’ di soldi per portare a Joey del cibo decente, dato che non gradisce quello dell’ospedale. Il diagnosta nota che prima di ogni episodio comatoso il paziente ha mangiato una bistecca, e menziona la carenza di ornitina transcarbamilasi, una condizione genetica che fa sì che nelle persone predisposte l’ingestione di una gran quantità di proteine causi proprio i sintomi manifestati da Arnello. Se il primario si sbaglia e smettono la cura, Joey potrebbe morire… Il medico ammette che potrebbe sbagliarsi, a causa del livello di estrogeni del paziente insolitamente elevato, ma ha una teoria: un prodotto chiamato “Fiammata d’amore”, derivante da una pianta ricca di estrogeni, è acquistato dai gay e venduto nello stesso sito web da cui Joey ha acquistato le caramelle per smettere di fumare.
Bill dichiara che il fratello non è gay, ma House crede che stia reagendo esageratamente: se ne è così sicuro, continueranno le cure che già gli stanno somministrando. Alla fine Bill fa un passo indietro, non riesce ancora a credere che il fratello possa essere gay, e Chase stacca Joey dalla flebo. Greg fa notare che l’unico modo in cui un mafioso gay potrebbe uscire allo scoperto è cambiare nome e città, e questo è proprio quello che accadrebbe se Arnello testimoniasse per il governo.
Dopo alcune ore Joey esce dal coma, e i due fratelli hanno un’ultima conversazione in merito alla testimonianza. Bill chiama poi gli agenti per annunciare loro che sono pronti ad un accordo: Joey è felice che il fratello abbia accettato il suo stile di vita.
Cuddy e il diagnosta discutono: Lisa gli spiega che Vogler ha minacciato di licenziarla, ma lei ha ribattuto di essere l’unica che conosce i segreti che non sono inseriti nei documenti ufficiali dell’ospedale, per cui il presidente ha bisogno di lei. Il direttore sanitario però vuole dei cambiamenti: il nefrologo deve fare sei ore di ambulatorio in più al mese, e infine deve licenziare un medico del suo staff: può scegliere tra Chase, Cameron e Foreman.
 
Musica: la canzone che si sente mentre House e Wlson guidano la nuova auto è "Crazy World" di Daniel Moynahan.
 
Curiosità:
La partita di basket che Joey guarda all’inizio dell’episodio è un vero match registrato tra le squadre dell’Oregon e dell’Arizona.

Il gioco nel Nintendo D.S. di House è Metroid Prime: Hunters, tuttavia gli effetti sonori non sono corretti.

Alla fine dell’episodio, quando House entra nella stanza dove ci sono gli altri medici, si ferma davanti alla lavagna che è piena di scritte del caso del paziente precedente. La videocamera si sposta a Wilson, nel corridoio, che guarda dentro la stanza, e poi di nuovo ad House, che non si è quasi mosso. Il diagnosta inizia a parlare ai colleghi, e tutte le scritte sulla lavagna sono misteriosamente sparite!
 
 
 
1.16 - Episodio 16
Heavy
Il male dentro

 
Scritto da: Thomas L. Moran
Diretto da: Fred Gerber
Trasmesso in USA il: 28 marzo 2005
Trasmesso in Italia il: 2 settembre 2005
 
Guest stars: Chi McBride (Edward Vogler), Rose Colasanti (cassiera), Cynthia Ettinger (sig.ra Simms), Ramón Franco (I) (sig. Hernandez), Karen Goberman (sig.ra Ayers), Teddy Lane Jr. (sig. Conroy), Susan Slome (sig.ra Lucille Hernandez), Jennifer Stone (Jessica Simms), Alyson Morgan (Clementine), Austin Leisle (Seth), Alec George (compagno #1), DJ Evans (compagno #2), Bryan Fabian (compagno #3)
 
Una ragazzina di dieci anni, Jessica Simms, una mattina chiede alla madre di poter stare a casa da scuola, perché non si sente bene. Ammette di pensare che i suoi compagni la odino… Più tardi, a scuola, Jessica sta saltando la corda durante l’ora di educazione fisica quando lamenta dolori al petto. L’insegnante la spinge a concludere l’esercizio, ma la ragazzina collassa a terra: il suo cuore si è fermato.
In ospedale, Cuddy chiede ad House se ha già preso una decisione in merito a chi licenziare tra i membri del suo staff, come ordinato da Vogler. Greg vuole rimandare la decisione per quanto più tempo possibile, ma Lisa gli concede solo una settimana. In ascensore, Cameron informa il primario della nuova paziente: i medici non riescono a credere che una bambina di dieci anni possa aver avuto un attacco cardiaco, ma alcuni esami hanno dimostrato che è così. Chase pensa che la risposta sia semplice, e imputa come cause dell’attacco l’obesità e la depressione della ragazzina; il nefrologo invece è convinto che tutti i medici che hanno in precedenza visitato la paziente abbiano tralasciato qualcosa. Foreman ipotizza possa trattarsi di una condizione genetica, e Cameron accenna ad una sindrome metabolica, che può causare infarto in presenza di elevata pressione sanguigna. Il diagnosta ordina quindi una curva glicemica, ma prima di lasciar andare i colleghi li informa che dovrà licenziare uno di loro entro la fine della settimana. Tutti sono scioccati dalla notizia: Allison ed Eric pensano che debbano rimanere uniti per superare il momento.
Cameron illustra la sindrome alla madre di Jessica, e le spiega che può essere tenuta sotto controllo con una dieta e con esercizio fisico. La signora Simms però si lamenta del fatto che tutti i medici non riescono a vedere al di là del peso della figlia. Chase e Foreman cercano di far salire Jessica su di una bilancia per completare l’anamnesi; in seguito Robert si arrabbia con Eric perché quest’ultimo ha detto a Jessica che probabilmente in futuro crescerà e non sarà più grassa, come successe a lui. Inoltre è nervoso per il fatto che Cameron sostiene che essere magri non è importante, quando lei lo è certamente per piacere alla gente. Foreman ribatte che Chase probabilmente è agitato perché sa che sarà lui quello che verrà licenziato.
I medici eseguono il test su Jessica, che però si agita e cerca di levarsi la flebo. Dopo aver cercato di fermarla ed infine averla sedata, Foreman spiega alla signora Simms che la psicosi causata dall’ipoglicemia è molto comune durante quel tipo di esame.
Dai risultati, House dichiara che la paziente non è ipoglicemica, per cui la sua crisi psicotica è stata causata da qualcos’altro. Chase ipotizza possa trattarsi di un coagulo, ma Cameron lo contraddice; il trombo potrebbe comunque essere stato causato da una liposuzione, che però non risulta dalla cartella clinica. Greg prende in considerazione altri trattamenti anti-obesità quali le pillole dimagranti, che magari non si riscontrano nei tossicologici… Ordina quindi che la paziente venga messa sotto eparina e warfarin per evitare ulteriori coaguli, incaricando Eric di scovare eventuali pillole. Foreman rimprovera il diagnosta perché con le sue azioni sta mettendo i tre colleghi l’uno contro l’altro, ma il primario gli chiede chi secondo lui dovrebbe essere licenziato. Il neurologo nomina Chase, perché crede che non apprezzi il lavoro che ha: il nefrologo si dice sorpreso, pensava che non avrebbe fatto il nome di nessuno.
Vogler chiede a Cuddy se ci sono novità in merito alla riduzione del personale del reparto di diagnostica: cos’ha detto House al suo staff? Il presidente del consiglio di amministrazione in seguito avvicina Cameron e le offre il suo aiuto nel caso sia quella che verrà licenziata.
Foreman chiede all’insegnante di Jessica se l’ha mai vista prendere delle pillole, e apprende che la ragazzina non ha amici a scuola. Viene quindi indirizzato ad una ragazza più grande che le fa da tutor: questa gli spiega che la ragazzina corre sempre in cortile durante l’intervallo perché nessuno gioca mai con lei. Inoltre aggiunge che un giorno l’ha scoperta mentre prendeva delle pasticche.
Sebbene la signora Simms neghi di aver mai dato alcuna pillola dimagrante alla figlia, Jessica ammette di averne prese da sola: scoppia in lacrime e confessa a tutti di averlo fatto perché si sente brutta. Il farmaco sembra spiegare i suoi sintomi, ma più tardi i medici scoprono sul corpo della paziente delle grosse piaghe sanguinanti. In ufficio, Greg pensa che il warfarin che le è stato somministrato possa aver portato alla necrosi della pelle, ma Cameron replica che prima hanno somministrato l’eparina. Il primario domanda se qualcuno l’ha vista mentre somministrava prima l’eparina: quando nessuno può rispondere, ordina che venga avviata una flebo di eparina non frazionata e che le venga iniettata sottocute dell’eparina a basso peso molecolare. Nell’atrio, Allison si arrabbia con Chase perché non l’ha sostenuta durante la riunione: i colleghi si stanno allontanando sempre di più.
Vogler avvicina Foreman e gli chiede se ama lavorare per House: il neurologo risponde di sì.
Cameron sta eseguendo dei test di laboratorio quando il nefrologo la raggiunge chiedendole delucidazioni in merito all’errore commesso con l’eparina. Allison insiste nel sostenere di non aver sbagliato, ma non ha altre spiegazioni per il nuovo problema di Jessica. Il primario le chiede quindi chi secondo lei dovrebbe licenziare, ma l’immunologa suggerisce che tutti subiscano un taglio di stipendio in modo da poter rimanere.
Il giorno successivo, Greg annuncia a Vogler e Cuddy di aver deciso: vuole che gli stipendi vengano tagliati del 17%, così tutti potranno rimanere. Il presidente però respinge la proposta, perché non è una questione di soldi: vuole avere una prova che il nefrologo farà tutto quello che lui gli ordina di fare, non importa quanto questo gli costi.
Il diagnosta riunisce lo staff, che riporta il fatto che la necrosi sta peggiorando. Wilson pensa che se non la fermeranno, ucciderà Jessica in tre ore: devono eliminarla prima che penetri la parete addominale. James ed Eric informano la signora Simms che una mastectomia radicale potrebbe essere l’unica chance di sopravvivenza per la figlia, dato che la necrosi da warfarin attacca i tessuti adiposi.
Cameron entra nell’ufficio del capo, accusandolo di insistere con la storia dell’errore commesso per avere la scusa di licenziarla. Lui controbatte che forse ha sbagliato veramente, ma Allison si chiede se House non riesca ad affrontare i sentimenti che prova per lei. Greg replica che lei è l’unica a provare sentimenti, forse sta agendo in quel modo perché vuole essere licenziata… Nel frattempo, Vogler informa Chase che se sarà lui quello ad essere licenziato, avrà bisogno di una nuova talpa all’interno dello staff. Robert ribatte che gli sta fornendo le informazioni solamente per proteggersi.
Non ci sono miglioramenti nella necrosi di Jessica, e il diagnosta si chiede se Cameron si sia veramente sbagliata: forse no, ma non riesce a trovare altre spiegazioni per quanto accaduto. Chase ipotizza che forse l’obesità della paziente sia un sintomo di qualcos’altro, non la causa: non potrebbe trattarsi di ipotiroidismo? I genitori sono entrambi alti, ma la ragazzina è bassa… Il nefrologo inizia a capire: crescita limitata, pressione alta, coaguli e obesità sono tutti sintomi del morbo di Cushing. Può anche spiegare la necrosi della pelle, in alcuni casi.
Foreman fa notare che gli esami del sangue non hanno mostrato alcun livello anormale di cortisolo, ma House replica che è una cosa ciclica, non hanno cercato nel momento giusto. Manca solamente un’ora al peggio, per cui i medici valutano le opzioni: eseguire la mastectomia oppure trattarla per il Cushing. Se si sbagliano sul morbo, Jessica morirà. Greg ordina una veloce risonanza per verificare cosa potrebbe causare l’ipercortisolemia; Robert ed Eric studiano i risultati: c’è un tumore nel cervello, che conferma il morbo di Cushing.
Foreman illustra la situazione alla signora Simms: l’intervento è piuttosto rischioso perché il tumore è localizzato tra i seni cavernosi, dove si trova anche l’area che controlla i movimenti oculari, e l’arteria più grossa che alimenta il cervello. Il chirurgo eseguirà un’incisione sotto il labbro di Jessica ed inserirà un microscopio a fibre ottiche, poi attraverso l’incisione inciderà il tumore, lo ridurrà a pezzettini e lo rimuoverà. Dopo alcune ore, l’intervento termina con successo.
Una settimana dopo, Jessica torna per i controlli: è dimagrita molto. Chase, Foreman e Cameron sono felici di vederla finalmente stare meglio; House intanto si reca ad incontrare Cuddy e Vogler. Il primario ha deciso, licenzierà Robert, ma Vogler non approva la scelta e ordina che opti per qualcun altro: se non lo farà, il reparto chiuderà. Allison, intanto, aggiorna il suo curriculum vitae…
In ambulatorio, House visita una donna grassa che lamenta dolori al petto. Greg sostiene che si tratta di acidità di stomaco, e poi la informa che a suo parere è incinta. La paziente replica che è impossibile; il marito ha subito una vasectomia e usano il preservativo, avendo già sei figli. Il diagnosta però non è convinto, e la donna lo aggredisce verbalmente sostenendo che lei è contenta di essere in sovrappeso. Il primario per sicurezza le fa l’esame del sangue: non è incinta, ma ha un tumore benigno alle ovaie di tredici chili! Wilson le fissa un intervento per rimuoverlo, ma la paziente rifiuta: la massa non la ucciderà, e lei non vuole dimagrire perché al marito lei piace così. Il signor Hernandez il giorno successivo si reca da House: vuole spiegazioni sul problema della moglie. Greg, sebbene recalcitrante, gli parla; l’uomo vuole che i medici mentano a Lucille perché si operi, non intende perderla. Il diagnosta chiede all’interlocutore di farla tornare… Più tardi la donna si ripresenta, e il nefrologo le spiega che gli uomini sono maiali, non ci saranno problemi se lei si opererà perché il marito e i suoi amanti faranno ancora sesso con lei. La donna è stupita, ma il primario le rivela di aver notato che alcuni dei suoi figli, visti in foto, non possono essere figli del marito in quanto hanno gli occhi azzurri. Alla fine Lucille si arrende all’intervento…
 
Musica: la canzone delle scene finali è "Got to Be More Careful" di Jon Cleary.
 
Curiosità: House scrive "TEMPORARY PSYCHOSIS" sulla lavagna, poi sembra appoggiare il pennarello. In seguito viene ripreso lo studio, e Chase dà la sua teoria in merito al perché la ragazza ha avuto l’attacco di psicosi. Le parole "TEMPORARY PSYCHOSIS" ora sono cerchiate sulla lavagna, ma Greg aveva appoggiato il pennarello… I medici discutono per qualche minuto, e le parole "TEMPORARY PSYCHOSIS" sono sempre cerchiate; House poi chiede a Cameron e Chase di somministrarle una medicina, e… "TEMPORARY PSYCHOSIS" sulla lavagna non è più cerchiato!
 
1.17 - Episodio 17
Role model
Un candidato a rischio

 
Scritto da: Matt Witten
Diretto da: Peter O'Fallon
Trasmesso in USA il: 12 aprile 2005
Trasmesso in Italia il: 7 settembre 2005
 
Guest stars: Chi McBride (Edward Vogler), Bobbin Bergstrom (infermiera di terapia intensiva), Joe Morton (senatore Gary H. Wright), Missy Crider (Susan), Elizabeth Karr (hostess), Dominic Oliver (Reynolds), Sahar Bibiyan (infermiera)
Il senatore Gary Wright si trova ad una raccolta di fondi: sale sul palco per fare un discorso, ma all’improvviso inizia a far fatica a continuare, riuscendo comunque ad arrivare alla fine dell’intervento. In seguito tenta strenuamente di conversare con un elettore, ma inaspettatamente vomita sul vestito dell’interlocutore prima di collassare e cadere da una rampa di scale.
Vogler affida il caso del senatore ad House, e non perde occasione per fargli notare che se già dall’inizio avesse collaborato con lui e non avesse creato problemi, non si ritroverebbe ora costretto a licenziare Foreman o Cameron. Il presidente gli ordina inoltre di presenziare la settimana successiva alla Conferenza di Cardiochirurgia, durante la quale dovrà fare un discorso per esaltare le virtù del nuovo (e costosissimo) ACE inibitore della Eastbrook Pharmaceuticals, compagnia ovviamente di sua proprietà. Greg sbotta nel sentire questa richiesta, ma Vogler ribatte che o farà il discorso e si occuperà del senatore, oppure dovrà licenziare uno dei suo protetti.
Foreman ed il diagnosta esaminano Wright, ma è il neurologo ad occuparsi di tutto. L’uomo presenta una grossa cicatrice sulla lingua, che lui esplica come la conseguenza di una caduta dall’altalena quando aveva sei anni, ma il primario non crede alla spiegazione facendo presente che la lingua guarisce molto velocemente. In seguito il nefrologo nota che Wright non ha riflessi quando Eric lo colpisce con il martelletto, così ordina una risonanza magnetica e una puntura lombare, informando il senatore che sarà costretto a cancellare i suoi prossimi impegni.
La lombare risulta negativa per le infezioni, e la risonanza è praticamente pulita. E’ presente però una macchia a bassa intensità nell’area di Broca del cervello… House afferma che la lesione potrebbe non essere nulla di preoccupante, ma anche un cancro oppure un’infezione: per questo chiede sia eseguita una biopsia. Inoltre aggiunge che nessuno dei suoi sottoposti dovrà più preoccuparsi del proprio lavoro, senza comunque spendersi in ulteriori spiegazioni.
Cuddy si arrabbia con Greg per aver ordinato una biopsia cerebrale molto rischiosa basandosi solamente su di una macchia nella risonanza: potrebbe procurare al paziente un danno neurologico permanente. Il nefrologo però ribatte che anche un tumore è altrettanto pericoloso, ma Lisa replica che nessuno di loro può prendere quella decisione. Illustrano quindi la situazione al senatore, spiegando che la macchia potrebbe non essere nulla, oppure qualcosa di pericoloso. Wright chiede cosa penseranno gli elettori, ma il diagnosta è maggiormente incuriosito dal modo in cui il paziente ha posto la domanda: stava infatti balbettando.
L’intervento ha inizio; la biopsia mostra che non ci sono infezioni batteriche né tumori. Wilson tuttavia resta piuttosto preoccupato nell’esaminare il campione, perché vi scova segni di toxoplasmosi: questo significa che il senatore ha l’AIDS. Foreman e il primario spiegano al paziente che la toxoplasmosi è un parassita piuttosto comune che le persone possono contrarre mangiando carne poco cotta oppure entrando in contatto con le feci dei gatti. Di solito risponde bene alle terapie, ma crea lesioni solamente nel caso in cui il sistema immunitario del paziente infetto non funzioni in modo appropriato. I medici sono convinti che abbia l’AIDS, ma Wright nega aspramente questa possibilità. House lo informa che i farmaci contrasteranno il parassita, ma sarà dura… Il senatore a questo punto gli chiede di essere curato per la toxoplasmosi, e di essere sottoposto ad esami clinici per l’HIV sotto falso nome, sebbene sia convinto di non avere l’AIDS. Inoltre, chiede di essere controllato per il cancro.
Cameron scopre da un articolo che House terrà un discorso alla Conferenza di Cardiochirurgia, e avverte Chase: sono scioccati che il capo possa fare una cosa del genere. House entra e spiega il patto stretto con Vogler, poi li informa che Foreman sta facendo dei test su Wright per diagnosticare una leucemia. I due in seguito dovranno fargli l’Elisa test per l’HIV… Cameron lo ringrazia per aver accettato di parlare alla conferenza, ma Greg li incita ad andare a fare il loro lavoro.
Foreman si occupa del paziente, e afferma che dovranno attendere fino a che i risultati del test per l’HIV saranno pronti. Wright spiega che non sta mentendo, poiché i politici neri non possono mentire in quanto nessuno dà loro il beneficio del dubbio.
Il diagnosta arriva con i risultati degli esami: il paziente ha l’AIDS. I linfociti T sono così bassi che rischia la morte, per cui devono contattare tutti i suoi partner sessuali per informarli del possibile contagio. Il senatore replica che ha avuto solamente due fidanzate dopo che la moglie è morta, e ha sempre usato il preservativo, ma il nefrologo lo incita a dire la verità e ad ammettere di avere avuto delle relazioni omosessuali. Wright rimprovera il medico per essere sempre così cinico e non credere mai alle persone, ma il primario preleva nuovamente del sangue al paziente.
Il giorno successivo il senatore tenta di scendere dal letto, ma il piede risulta intorpidito: Cuddy pensa che i farmaci antiretrovirali non stiano funzionando, e accusa House di non voler vedere che il paziente sta peggiorando. Greg è più preoccupato del fatto che Lisa stia spiando il caso; in seguito spiega a Wright che i farmaci non stanno funzionando perché lui non ha l’AIDS: gli esami hanno dato un falso positivo, cosa che accade una volta su cinquemila. Il sollievo del paziente viene sminuito dal medico: sta ancora morendo, solo che non sanno perché.
Il primario chiama a raccolta lo staff, lontano dalla Cuddy: Foreman spiega che il paziente sta perdendo il controllo dei muscoli nella parte destra del corpo, il cervello sta peggiorando e i linfociti T sono sempre meno: cosa potrebbe causare ciò? Il diagnosta ordina una risonanza total body.
Wilson chiede all’amico se ha fatto fare un secondo test per l’HIV perché sospettava un falso positivo, ma il nefrologo ribatte che è una procedura standard. James sa bene che a lui non interessano le procedure standard, così House ammette di essere stato spinto dall’insistenza del paziente nel dire di non aver mai avuto comportamenti a rischio. Wilson prende in giro Greg perché per una volta ha creduto ad una persona, forse è a causa della vicinanza della buonissima Cameron? La dottoressa sta rabbonendo il primario? Improvvisamente, l’oncologo comprende che l’amico prova dei sentimenti per Allison.
La risonanza mostra cinque linfonodi moderatamente ingrossati, una cisti nel fegato e una cisti nel rene destro. Cuddy ordina che tutto venga controllato; Vogler nel mentre entra nella stanza e consegna al nefrologo il testo del suo discorso per la conferenza. Il primario in seguito prende da parte Chase per parlargli: come possono lavorare bene insieme se continua a raccontare al grande capo i suoi movimenti? Robert replica che non ha altra scelta…
Foreman esegue le biopsie multiple sul paziente: le cisti sono benigne, e neanche i linfonodi hanno nulla di strano. House sospetta una tricoleucemia, e chiede una biopsia della milza: tutti sono contrari, e Robert afferma che l’organo sanguinerebbe troppo. Lisa è d’accordo, a causa delle condizioni del senatore un’operazione di quel tipo potrebbe causare sepsi e quindi la morte. Foreman ribatte che il cervello del paziente sta diventando poltiglia, devono fare qualcosa.
House si rivolge a Cameron, in laboratorio, cercando di capire come mai lui le piaccia. Allison però non ne parla, sviando il discorso su di lui, così Greg se ne va.
Eric avvicina Wright per ottenere il consenso alla biopsia, ma il paziente ora tossisce di continuo: in quelle condizioni non possono eseguire l’intervento, per cui il medico e riporta ai colleghi che la respirazione del senatore è severamente compromessa. Gli esami indicano una polmonite da pneumocystis, che è compatibile con la tricoleucemia: con quell’insufficienza respiratoria comunque non possono fare la biopsia perché il sangue non coagulerebbe. C’è un altro modo per diagnosticare la malattia? Il nefrologo si chiede che altri sintomi abbia una persona con quella leucemia, e Chase e Cameron suggeriscono la presenza di virus quali il HTLV e l’ATLQ. Il diagnosta ordina degli esami per questi due virus.
Foreman più tardi riporta che i risultati di Wright sono negativi, non può trattarsi di tricoleucemia. House però ribatte che risulta positivo all’Epstein Barr, così si precipita dal paziente e lo stacca dall’ossigeno. Wright inizia a soffocare, ma Greg lo informa di sapere che la cicatrice alla lingua è stata causata da attacchi epilettici. Il senatore replica che non ha più avuto attacchi da quando aveva sei anni, e non prende farmaci da quando ne aveva dieci. Il diagnosta gli chiede se prendeva la fenitoina, e Wright conferma.
Il primario si reca nel suo ufficio ed informa i colleghi: il senatore prendeva la fenitoina. Questo farmaco, come anche il virus Epstein Barr, è associato all’insorgenza dell’immunodeficienza: il corpo non riesce a combattere i funghi. Il nefrologo ipotizza che l’abbia contratta da piccolo, ma il recente stress l’ha riattivata. Cameron dubita di questa teoria, ma House ordina la somministrazione di immunoglobuline in vena: se il paziente migliora, ha ragione lui, altrimenti morirà.
Foreman attacca la flebo, e il farmaco inizia a scorrere: il senatore migliora velocemente, ma necessiterà del farmaco per il resto della sua vita.
In ambulatorio Greg dopo un’ecografia informa una donna che non è incinta. Questa replica che ne era sicura, ma chiede come mai abbia delle perdite. House le dice che certamente ha avuto un aborto spontaneo, dati gli elevati livelli ormonali, ma la paziente spiega che è impossibile: non fa sesso da un anno, da quando cioè ha divorziato. Il diagnosta la asseconda ed esce, ma la donna lo blocca, cosa deve fare ora? Lui le consiglia di entrare in convento. In seguito la donna ritorna: ha dei lividi petecchiali sul collo. Crede possa essere un sintomo della leucemia, ma il nefrologo è più convinto si tratti di un succhiotto. La donna ripete che non fa sesso da quando ha divorziato, così House offre una terza ipotesi: forse fa sesso senza saperlo! Per questo ordina un test per alcool, droga e GHB, ma tutti risultano negativi. Il primario quindi torna dalla paziente accusandola di mentire, ma lei ripete di no, e racconta di avere un altro sintomo: una bruciatura sul sedere. Greg a questo punto pensa possa soffrire di personalità multiple: per caso non si accorge del tempo che passa, o si sveglia senza ricordarsi di essersi addormentata? Lei risponde che si sveglia sempre stanca, ed è sotto stress perché il suo ex (che vive al piano di sotto) continua a tempestarla di chiamate accusandola di inviargli messaggi contrastanti. Il diagnosta crede sia il caso di controllarle il sonno: analizzati i risultati, si capisce che la paziente è sonnambula. Ha fatto sesso con il suo ex mentre dormiva!
Arriva il momento del discorso di House alla conferenza, e l’uomo legge uno solo dei paragrafi scritti da Vogler in merito al nuovo farmaco. Il presidente gli ordina di continuare, così il diagnosta torna sul palco ed inizia a descrivere Vogler come un bravissimo uomo d’affari, e poi si congratula con lui e con la Eastbrook per aver intelligentemente modificato il loro precedente ACE inibitore quel tanto che bastava per ottenere un nuovo brevetto e fare milioni di dollari.
Quella notte, il medico si trova a casa ad ignorare il telefono quando Allison lo va a trovare. Lo informa che non dovrà licenziare nessuno, perché lei si dimette: questo è l’unico modo in cui lei riuscirà ad affrontare i sentimenti che prova per lui.
 
Musica: la canzone che House suona al piano durante le scene che mostrano la presenza di 12 messaggi in segreteria è "High Hopes". La canzone delle scene conclusive, in cui Cameron gli dice addio, è "It's okay to think about ending" di Earlimart.
 
 
1.18 - Episodio 18
Babies and bathwater
Il minore dei mali

 
Scritto da: David Shore, Peter Blake
Diretto da: Bill Johnson
Storia di: Peter Blake
Trasmesso in USA il: 19 aprile 2005
Trasmesso in Italia il: 7 settembre 2005
 
Guest stars: Chi McBride (Edward Vogler), Kenneth Choi (dr. Lim), Michael Goorjian (Sean Randolph), Marin Hinkle (Naomi Randolph), Reggie Jordan (anestesista), John Berg (dr. Prather), S.E. Perry (agente Davis), Guy Camilleri (Heyden Brown), Kevin Brief (agente Angle), Diane Sellers (Gail Friedman), Veronica Brown (membro del consiglio), Michael Simpson (Andrew Kaplan), Natalie Shaw (Rachel Kaplan), Ron Perkins (dr. Simpson)
 
Dr. House Il minore dei maliNaomi Randolph, una donna incinta, sta guidando la macchina con accanto il marito Sean, ubriaco. Improvvisamente l’autista sviene, e la vettura devia verso le auto in corsa. Sean prontamente afferra lo sterzo e riesce a parcheggiare l’auto; un poliziotto li raggiunge e, quando Naomi articola male le parole, l’agente le chiede di uscire dal veicolo. La donna ciondola fino al retro dell’auto, e poi collassa a terra.
All’ospedale Foreman informa i Randolph che non ci sono segni di ictus, ma gli esami del sangue hanno rivelato che i reni ed il fegato sono danneggiati. Naomi spiega che ha trentanove anni, e ha già subito tre aborti spontanei; Eric e Robert prendono quindi da parte House, che sta sonnecchiando: il primario afferra la cartella della paziente e si interessa al caso notando i tre aborti. Foreman lo informa che l’azotemia e la creatininemia sono elevate, e anche gli indici epatici sono un po’ alti: è convinto che, considerato il passato della donna, deve esserci un problema fisiologico che non le permette di portare a termine una gravidanza. Greg ribatte che potrebbe trattarsi di una malattia autoimmune legata al suo stato: il corpo diventa allergico al feto. Il diagnosta inoltre informa i suoi colleghi che Cameron si è dimessa… Foreman e Chase ne sono scioccati, ma il nefrologo chiede loro di effettuare nuovi esami del sangue, un’angiorisonanza, un’ecografia e di somministrare magnesio in caso si tratti di pre-eclampsia.
L’ecografia non mostra alcun segno di sofferenza fetale. Naomi intanto mangia un po’ ma inizia a soffocare, e Foreman è costretto ad usare il forcipe per estrarre il cibo. La paziente non riesce ad inghiottire nulla, ma la risonanza non mostra alcun segno di vasculite; durante l’esame tuttavia la donna inizia ad avere le doglie, e i medici comprendendo che si tratta di travaglio pre-termine le somministrano alcuni farmaci per arrestarlo.
House gira per l’ospedale, tentando di evitare Vogler. L’uomo riesce a scovarlo comunque, e lo raggiunge nel suo ufficio: Greg lo informa che ha licenziato Cameron, ma l’amministratore dichiara che il giorno successivo lui dovrà annunciare le sue dimissioni e presentare pubbliche scuse nei suoi confronti per quanto accaduto alla conferenza. Se non lo farà, lo distruggerà.
Chase e Foreman informano il primario che le contrazioni di Naomi ora sono sotto controllo, e dovrebbe riuscire a portare a termine la gravidanza. Chase ipotizza si tratti di pre-eclampsia, ma Foreman teorizza la miastenia, che spiegherebbe la perdita di tono muscolare e l’incidente del soffocamento. Il diagnosta ribatte che soffocare con un pezzettino di pera cotta è causato da qualcosa di ben più significativo della debolezza muscolare, per cui ordina un’endoscopia esofagea e un esame delle palpebre. Wilson in seguito parla con il nefrologo per informarlo che il consiglio si riunirà quella mattina per decidere del suo futuro. House si sente molto sicuro del suo lavoro, perché per revocargli l’incarico dovranno procedere con una votazione unanime, e il suo contratto è ancora valido. James non è così positivo, e replica che Vogler riuscirà a trovare un modo per sbarazzarsi di lui.
Greg in seguito visita un’altra paziente: due giovani genitori, di nome Joel e Rachel Kaplan, hanno una bambina che ha sviluppato polmonite e malnutrizione dopo aver iniziato a seguire la dieta vegana. Dopo le prime cure il primario spiega che la piccola sta migliorando, ma devono assolutamente prepararle una dieta sana, e i genitori accettano. Proprio in quel momento però i servizi sociali entrano nell’ambulatorio, prendono la bambina e arrestano i Kaplan per maltrattamenti. Il diagnosta confronta Cuddy, chiedendosi se questo sia il piano di Vogler per vendicarsi di lui, ma il direttore sanitario spiega che le infermiere erano semplicemente preoccupate e hanno fatto la telefonata. Il medico ha corso un grosso rischio nel non denunciare il fatto, per questo gli consiglia di non fornire ulteriori scuse a Vogler di licenziarlo.
Foreman e Chase esaminano le palpebre di Naomi, e notano una leggera anomalia della chiusura. Chase le scruta nell’esofago e osserva una stenosi: una successiva radiografia rivela una massa di tre centimetri nel lobo superiore destro del polmone. Foreman spera si tratti di granuloma, ma il nefrologo fa notare che non c’è calcificazione. Wilson informa Naomi che soffre di un carcinoma a piccole cellule del polmone: si è propagato ad altre zone polmonari, per cui non possono operare. Gli anticorpi prodotti dal suo organismo per combattere il cancro non hanno centrato l’obiettivo, questo spiega i problemi neurologici e ai reni. La donna soffre della sindrome di Lambert-Eaton, e l’oncologo aggiunge che il tasso di sopravvivenza fino ai cinque anni arriva al 10-15% dei casi, per cui devono iniziare subito la chemioterapia e la radioterapia. Naomi si informa in merito al feto: dovranno farlo nascere prima di iniziare i trattamenti, e il piccolo avrà l’80% di possibilità di sopravvivere al parto pre-termine. La paziente a questo punto rifiuta le cure: con una misera percentuale di sopravvivenza del 15%, preferisce proteggere il figlio.
Vogler riassume al consiglio alcune delle azioni commesse da House nell’ultimo periodo: ha violato un DNR, ha portato delle termiti in sala operatoria, ha sputato addosso ad un chirurgo e ha accettato un regalo da un noto mafioso. Wilson si presta ad avvocato difensore, replicando che il diagnosta ha salvato centinaia di vite, ma Vogler ribatte che è un drogato, oltre che una vergogna ed un imbarazzo per l’ospedale: è semplice, o verrà licenziato, oppure lui se ne andrà con i suoi milioni di dollari. Chiede infine che si voti: tutti, inclusa Cuddy, approvano la mozione, ma l’oncologo si oppone, così Greg è salvo a causa del mancato raggiungimento del quorum. Vogler, a questo punto, chiede un’altra votazione per l’esclusione di Wilson dal consiglio di amministrazione.
House incontra Chase e Foreman per discutere del caso di Naomi, e del suo rifiuto di sottoporsi alle cure. Il diagnosta pensa debbano aumentare le sue possibilità di sopravvivenza per convincerla a sottoporsi ai trattamenti, per questo cerca Wilson, ma viene fermato dai Kaplan. Essi gli chiedono aiuto, affermando che hanno sempre nutrito la loro bambina a sufficienza, e che un dietologo aveva assicurato loro che la dieta era sicura. Interessato da questa affermazione, il nefrologo chiama Foreman e gli chiede una TAC di Olive Kaplan, poi trova James, che sta impacchettando gli oggetti del suo ufficio: ha deciso di dimettersi dopo essere stato estromesso dal consiglio. Wilson si lamenta aspramente che solo due cose gli importano: il suo lavoro e l’amicizia con House. Tuttavia a quest’ultimo non interessa abbastanza nessuna delle due cose, per conservarle non ha nemmeno fatto un semplice discorso ad una conferenza… Greg tenta di scusarsi, e poi chiede alcuni suggerimenti per una sperimentazione clinica alla quale includere Naomi. Più tardi il nefrologo cerca di parlare con Cuddy, ma questa taglia corto dichiarando che lui è un bravissimo medico, ma di certo non vale cento milioni di dollari.
Il primario si confronta con un altro oncologo, e gli mostra delle immagini del cancro di Naomi con la speranza di riuscire poi a convincerla a sottoporsi alle cure. Il collega gli spiega che può ammetterla alle terapie se accetterà di farlo entro due giorni. Il diagnosta perciò prenota un cesareo per la paziente, sebbene Foreman e Chase controbattano che è contro le regole: i trattamenti non possono essere somministrati prima che sia passato almeno un mese da un intervento invasivo. Perché dare ulteriori motivazioni a Vogler di licenziarlo?
Greg tenta tutte le sue tecniche con Naomi, ma la donna è irremovibile. Il marito, al contrario, lo prega di riuscire a convincerla a sottoporsi alle cure… Dopo che Sean è uscito dalla stanza, il medico chiede spiegazioni in merito all’incontinenza di cui ha iniziato a soffrire la paziente, è una cosa rara alla sua età. House si chiede se quello sia veramente il suo primo figlio, e la donna confessa di aver avuto una bambina a diciotto anni: la neonata soffriva della sindrome di Alexander ed è morta, dopodiché lei si è separata dal marito. Voleva iniziare una nuova vita… Greg la accusa di essere egoista e di ignorare ciò che vuole veramente suo marito, ossia combattere contro il cancro. Alla fine Naomi accetta di essere sottoposta all’intervento.
Naomi viene preparata per l’operazione, ma una telefonata arriva in sala operatoria e i chirurghi si fermano: Vogler ha deciso che non deve essere operata. Il diagnosta lo va a cercare e lo incolpa di voler uccidere la paziente, ma l’amministratore replica che vuole proteggere la ricerca, i numeri e il protocollo: deve calmarsi, ci sarà un altro consiglio quella sera stessa.
Chase e Foreman riportano la situazione a Naomi e Sean, ma la donna inizia a soffocare. Robert le infila un tubo endotracheale nella gola, mentre Eric esegue un’ecografia: c’è un coagulo, che deve essere rimosso immediatamente. Il neurologo richiede a Sean il permesso di iniziare la procedura, ma non è così semplice: la cosa migliore per il bambino probabilmente è un cesareo immediato, per prevenire danni da mancanza di ossigeno. Nelle sue attuali condizioni però c’è un’alta probabilità che Naomi non sopravviva ad un cesareo, e il marito decide di non farlo eseguire e di salvare la moglie.
In sala operatoria Foreman vuole utilizzare la streptochinasi, ma non è sufficiente, e i medici sono costretti a risucchiare il coagulo: Chase inserisce uno speciale catetere da embolectomia nella vena dei Naomi, e asporta il trombo. In seguito il diagnosta controlla lo stato della paziente: la pressione è calata di nuovo, di certo ha un’emorragia addominale. Non c’è modo di fermarla, e il nefrologo informa Sean che deve autorizzare il cesareo poiché Naomi morirà comunque: la decisione deve essere presa per salvare il bambino, ma l’uomo non riesce a decidere.
Alla fine il cesareo viene eseguito, e i medici cercano di far respirare il piccolo, mentre la madre entra in arresto cardiaco e viene defibrillata perché il cuore riparta. In questi concitati momenti il bambino inizia a piangere: è vivo! Fuori dalla stanza, il primario incontra Cuddy mentre questa si sta dirigendo al nuovo meeting, e le consegna la TAC di Olive Kaplan. Il direttore sanitario nota subito l’ipoaplasia del timo che indica la presenza della sindrome di DiGeorge, una condizione genetica che spiega la mancanza di crescita della piccola. House prega la donna di iniziare su Olive un trattamento di immunoglobuline, dato che pensa che non potrà farlo lui stesso visto che a breve non lavorerà più lì.
La riunione inizia, e Vogler prega il resto del consiglio di votare. Questa volta solo Cuddy si oppone al licenziamento di House, e il presidente del consiglio non riesce a credere che abbia cambiato idea rispetto al giorno precedente. Lisa replica che il diagnosta potrebbe aver salvato un’altra vita, e fa notare che Vogler non dipende da nessuno: se il consiglio lo farà vincere su questo argomento, l’uomo li possederà completamente e non avrà mai più degli oppositori. Detto questo, lascia la stanza.
Più tardi, Greg e lo staff festeggiano il fatto che il discorso di Cuddy ha convinto altri quattro membri del consiglio a rinunciare al denaro di Vogler. Il direttore sanitario però ribatte che ha votato per sbarazzarsi del peggiore dei due mali: l’aver perso cento milioni di dollari non è una vittoria per nessuno.
 
 
Musica: la canzone delle scene finali dell’episodio è "Happiness", di Grant Lee Buffalo.
 
Curiosità: sebbene accreditata, Jennifer Morrison (Allison Cameron) non appare nell’episodio.
 
1.19 - Episodio 19
Kids
Verità Nascoste

 
Scritto da: Thomas L. Moran, Lawrence Kaplow
Diretto da: Deran Sarafian
Trasmesso in USA il: 3 maggio 2005
Trasmesso in Italia il: 14 settembre 2005
 
Guest stars: Stephanie Venditto (Brenda), Mark Bloom (medico #1), Geraldine Singer (donna), Tim Haldeman (uomo anziano), Skye McCole Bartusiak (Mary Carroll), Diego Clare (Dawson), Erin Foster (dr. Petra Gilmar, seconda candidata), Dylan Kussman (sig. Carroll), Rhea Lando (compagna di squadra #2), Lindsay Pulsipher (compagna di squadra #1), Ben Jelen (primo candidato), Cindy Lu (infermiera), Eric Cazenave (medico #2), Kelly Kirklyn (sig.ra Carroll), Eddie McClintock (allenatore), Shari Headley (terza candidata)
 
Al campionato nazionale americano di nuoto e tuffi, la dodicenne Mary Carroll si prepara per il suo tuffo da dieci metri. Dalla piattaforma, però, la vista di Mary inizia a diventare offuscata: la ragazzina nervosamente si avvicina al bordo, e finalmente si lancia. Quando riemerge dall’acqua, l’atleta scopre che gli spettatori si sono radunati attorno ad un uomo, che è collassato vicino alla piscina sanguinando dall’orecchio.
House si reca a trovare Cameron, per informarla che Vogler se n’è andato e che quindi può tornare al lavoro. Il primario riceve una chiamata sul cercapersone in merito ad un’epidemia, ma Allison gli chiede perché vuole che riprenda a lavorare con lui. Questi replica che è una brava dottoressa, ma dato che questo non è quanto l’immunologa voleva sentirsi dire, gli chiude la porta in faccia.
Greg torna in ospedale, e nota centinaia di persone nell’atrio. Cuddy spiega che l’uomo collassato al campionato di nuoto e tuffi soffre di meningite batterica: duemilacinquecento persone sono state esposte al contagio, e tutte si sono recate negli ospedali della zona. Ha bisogno che anche il diagnosta si renda utile, così quest’ultimo, Wilson, Chase, Foreman ed il resto dello staff iniziano ad esaminare i pazienti e a dimetterli oppure a mandarli al secondo piano per le cure.
Mary si ritrova nella fila del nefrologo: ha febbre, rash e dolori al collo, tre dei sintomi classici della meningite batterica. Il medico nota inoltre che la paziente muove la testa in maniera strana, ma lei replica che le fa male solo se la muove da destra a sinistra, non dall’alto al basso. La meningite però è caratterizzata dal dolore per i movimenti dall’alto verso il basso, perciò House raduna lo staff per discutere del caso. Il rash di Mary è presente da circa una settimana: se fosse stata meningite, sarebbe già morta, per cui il primario ordina una puntura lombare, e chiede a Chase di fare una ricerca su tutte le cause che provocano dolori al collo. Inoltre le prescrive della rifampina per la meningite, nel caso si sbagliasse.
Foreman non riesce a trovare un letto e un’infermiera che l’assista per la puntura lombare, a causa del sovraffollamento dell’ospedale, per cui decide di eseguire la procedura in corridoio. Chase intanto cerca on-line le possibili cause del dolore al collo, e Greg gli fa capire che questo lavoro è una forma di punizione per come si è comportato con lui. Più tardi Eric torna a controllare Mary, ma la paziente è stata spostata perché lo staff necessitava di una lettiga: la trova quindi su di un divano, e la informa che non c’è alcun segno di meningite o di altre infezioni. Per questo la terranno in osservazione per la notte, ma non deve preoccuparsi. Mentre parlano, il neurologo nota del sangue nella bocca della ragazzina.
Lavorando ancora in corridoio, Chase e Foreman inseriscono un endoscopio nella gola di Mary, per scoprire da dove provenga il sangue: l’immagine non mostra alcun segno di lesioni. Decidono quindi di darle una pillola-telecamera, che ingoiata permette di avere immagini di tutto l’apparato digerente, fino all’intestino. Analizzando le immagini il diagnosta nota un dieulafoy nell’intestino, ma Cuddy interviene e rimanda il primario negli ambulatori, per occuparsi dei numerosi pazienti in attesa. Mentre esaminano questi ultimi, Chase, Foreman, House e Wilson discutono delle possibili patologie di cui potrebbe soffrire Mary. Robert ipotizza un cancro osseo, e James concorda: spiegherebbe tutti i sintomi lamentati. Il nefrologo quindi ordina una biopsia del midollo osseo.
Foreman cerca ancora di trovare un ambiente sterile nel quale eseguire la procedura su Mary, ma inutilmente; per questo è costretto a portarla in obitorio per procedere con la biopsia. Dopo alcune ore, il neurologo si reca dalla paziente per portarle la buona notizia: non è cancro. Mary sorride, ma poi l’EEG a cui è collegata impazzisce: sembra che la paziente stia bene, ma in realtà non risponde più agli stimoli, e sta avendo una crisi epilettica. Foreman le inietta due milligrammi di ativan.
House, Foreman e Chase discutono delle convulsioni in bagno, cercando di nascondersi dalla Cuddy, che vuole obbligarli a lavorare negli ambulatori. Foreman informa i colleghi che la frequenza degli attacchi sta aumentando: ne ha avuti cinque nell’ultima mezz’ora. Qualunque malattia l’affligga, coinvolge il cervello, per questo il primario chiede una TAC per scovare eventuali emorragie endocraniche. Purtroppo l’apparecchio serve per i pazienti con la meningite, così Robert suggerisce di eseguire un’ecografia transcraniale, come ai vecchi tempi. Se ci sono emorragie, questo esame le mostrerà.
Nel frattempo, il diagnosta e l’oncologo intervistano un secondo candidato che possa rimpiazzare Cameron. Dopo aver rifiutato il primo giovane medico perché aveva un tatuaggio a forma di ideogramma e perché si preoccupava troppo di cosa la gente pensasse di lui, il nefrologo rifiuta anche la seconda: una giovane dottoressa con numerose competenze e la capacità di replicare ai suoi cinici commenti. Il suo problema sono le scarpe verdi con i tacchi: questo dimostra che anche lei tiene troppo in considerazione quello che la gente pensa di lei.
Foreman esegue l’ecografia transcraniale, mentre Chase continua a cercare le cause del dolore al collo. Alla clinica, intanto, Wilson rimprovera l’amico perché continua a rifiutare i candidati al posto di Cameron attaccandosi a futili motivi. Eric li raggiunge informandoli che ci sono emorragie significative nel lobo temporale della paziente, ma Robert non ha trovato alcun segno di avvelenamento. Il diagnosta chiede a Cuddy una sala operatoria e un neurochirurgo, e in seguito portano la ragazzina in sala.
I genitori di Mary giungono in ospedale dopo l’intervento. Foreman li informa che l’operazione è andata bene, e che il gonfiore e la pressione stanno diminuendo. Nel suo ufficio, House scruta la lavagna enumerando i sintomi della paziente: Chase e Foreman nel mentre ipotizzano possibili spiegazioni. Ma cos’altro sanno della ragazzina? Ha dodici anni, viaggia spesso e passa molto tempo in piscina. Improvvisamente Greg si dirige alla porta, e gli altri lo seguono.
I medici osservano Mary mentre si sta riprendendo. Il diagnosta nota molti palloncini in camera: è una ragazzina popolare, ma nessuno proviene da amici maschi. Forse perché è ancora troppo giovane, oppure perché i maschi la evitano? Il nefrologo ordina un nuovo esame sui globuli rossi della paziente, per controllare se sono emolizzati. Al microscopio, Chase nota che il sangue della paziente sembra quasi sia passato in un frullatore: Foreman ipotizza che il rash possa essere in realtà porpora, ossia sangue che trasuda dalla pelle. Tuttavia non è in menopausa, ma potrebbe esserci un’altra causa: una gravidanza.
Il primario esegue un’ecografia, che rivela una gravidanza di sei settimane. Si chiede quindi se un paio di birre possano averla portata ad una notte brava, ma la paziente insiste nel sostenere che non è colpa del ragazzo: sa cosa stava facendo. House deve eseguire una plasmaferesi per filtrare gli anticorpi del sangue, quindi devono interrompere la gravidanza. Mary non vuole che i genitori lo scoprano: Greg replica che per legge lui deve acconsentire a questa richiesta, sebbene sappia che tenere un tale segreto è la decisione sbagliata. Greg informa quindi i genitori di Mary che soffre di TTP, una patologia facilmente curabile: non devono preoccuparsi di cosa significhi la sigla, perché sono solo paroloni che non hanno mai sentito prima. I signori Carroll vogliono ulteriori spiegazioni, ma il diagnosta è evasivo e afferma che l’ospedale eseguirà un piccolo intervento per rimuovere una crescita anormale di cellule nell’addome della figlia.
Dopo l’intervento e la plasmaferesi, Mary migliora velocemente. Il primario la spia mentre i genitori le fanno visita: la ragazzina non riesce a mantenere il segreto e racconta loro tutto quanto, proprio come il diagnosta sperava accadesse. Il giorno successivo, il nefrologo intervista una nuova candidata, ma alla fine la informa che non ci sono più posti disponibili.
House torna a trovare Cameron, e le dice che ha bisogno di lei all’ospedale. Allison replica che ha già accettato un altro posto, ma Greg semplicemente le chiede di annullare la decisione. La rivuole indietro, e le offre addirittura più soldi e un veicolo aziendale. La dottoressa però vuole solamente una cena con lui, un vero appuntamento: il primario accetta, e i due si stringono la mano per suggellare il patto. Cameron chiude l’incontro dicendo che tornerà al lavoro il mattino successivo.
 
Curiosità:
 
Per qualche strana ragione durante l’ecografia endocranica si sente il suono di un battito fetale…
 
Verso la fine dell’episodio, mentre si vede House seduto da solo nella stanza del suo staff, si vede anche cosa c’è scritto sulla lavagna. Tra le altre cose ci sono anche le parole "intercranial bleeding", ma la terminologia non è corretta, perché così scritta significa “emorragia tra due crani”. Avrebbero invece dovuto scrivere "intracranial bleeding", ossia “emorragia endocranica”.
 
1.20 - Episodio 20
Love hurts
I mille volti dell’amore
 
Scritto da: Sara B. Cooper
Diretto da: Bryan Spicer
Trasmesso in USA il: 10 maggio 2005
Trasmesso in Italia il: 14 settembre 2005
 
Guest stars: Stephanie Venditto (Brenda), Marco Pelaez (farmacista), John Cho (Harvey Park), Mark Brown (dr. May), Kristoffer Ryan Winters (nuovo ragazzo), Elizabeth Sung (Marilyn Park), June Squibb (Ramona), Matt Malloy (Aubrey Shifren), Keone Young (Clyde Park), Christina Cox (Annette Raines), Peter Graves (Myron Chase)
 
Dr. House I mille volti dell'amoreHarvey Park, un ventunenne di origine asiatica, aspetta pazientemente di essere visitato da un medico. Nel frattempo, in un ambulatorio, House e Wilson discutono del ritorno di Cameron: James non riesce a spiegarsi come mai la dottoressa sia tornata, almeno fino a quando non comprende che le piace il diagnosta. Greg ammette a fatica di aver concesso un appuntamento alla sottoposta ma poi, frustrato dalle pressioni dell’amico, lascia la stanza e si imbatte in Harvey, che sta trasportando un bicchiere di succo di mela. Il ragazzo glielo versa addosso per errore... Il nefrologo però scambia il succo di mela per un campione di urine e sgrida il giovane, che se ne ritorna nella saletta d’attesa; Wilson informa House che farebbe meglio a scusarsi, perché non può permettersi un’altra lamentela da parte dei pazienti, per questo il medico si rivolge nuovamente al ragazzo, che però non riesce più a parlare. Greg prende la torcia e gli osserva le pupille, e poi di corsa lo porta al pronto soccorso, perché sta avendo un ictus.
Cameron torna in ospedale, suscitando sorpresa in Chase e Foreman. Il diagnosta entra con Wilson, e annuncia ai colleghi dell’ictus di Harvey, mostrando al contempo la TAC del paziente. Foreman nota l’ischemia, ossia la morte di una parte del tessuto cerebrale, ma niente fa pensare ad una causa plausibile, per cui dovranno eseguire una risonanza. Tuttavia il paziente ha una placca metallica nella mascella, a seguito di una ricostruzione: la risonanza la strapperebbe letteralmente via dal suo viso.
Il primario si rende conto che la squadra per risolvere il caso dovrà essere particolarmente acuta, così ordina un’EMG per escludere neuropatie, un’arteriografia per la vasculite, un tossicologico per le droghe e un ecocardiogramma per il cuore. In corridoio Cameron racconta agli amici del suo prossimo appuntamento con il capo: i due sono ancora più sorpresi, e si dicono convinti che sia una pessima idea.
Foreman visita Harvey, e trova una donna di nome Annette vicino a lui. Il medico chiede al paziente la sua storia clinica, ma Annette risponde al suo posto a tutte le domande. Il neurologo chiede che sia il paziente a rispondere da solo, ma Harvey fatica a trovare le parole. Alla fine il medico apprende che Harvey ha iniziato a digrignare la mascella e si è recato da un agopunturista, che l’ha mandato da un medico shen, poi da un medico omeopata, da un chiropratico e da un naturopata… che alla fine l’ha rimandato di nuovo dall’agopunturista.
Cameron inizia l’EMG: inserisce degli aghi in vari muscoli del corpo, per misurare la corrente elettrica nel paziente. Alla fine del test, lo staff ne discute i risultati: sono normali. L’ecocardiogramma mostra segni di prolasso mitralico, così Eric si chiede se magari un coagulo si sia formato e depositato nel cervello. Il nefrologo è piuttosto irritato dalla fiducia nutrita da Harvey nella medicina alternativa; Chase intanto ipotizza possa trattarsi di un aneurisma causato da un trauma. Utilizzando una magic ball, House decide di appoggiare la teoria di Foreman, per cui ordina antibiotici e anticoagulanti.
I medici si recano nella stanza del paziente, ma scoprono Annette intenta a soffocare Harvey con le mani. Foreman la spinge via, ma il paziente insiste che non gli stava facendo male: Chase capisce prontamente che Annette è una dominatrice. In seguito Cuddy riunisce Annette, Greg e un avvocato nel suo studio: la donna spiega che Harvey è un patito dell’asfissia: si calma quando viene strangolato o soffocato.
Chase ricorda quando incontrò Annette attraverso una sua ex fidanzata, che si eccitava con le bruciature di sigaretta. Il nefrologo si arrabbia, dato che Robert non ha menzionato prima i particolari gusti sessuali del paziente: la sua teoria dell’aneurisma indotto da un trauma potrebbe essere corretta. Conferma però gli antibiotici e gli anticoagulanti, nel caso Eric avesse ragione: se Harvey avrà un altro ictus, prenoteranno un intervento di chirurgia vascolare.
Cuddy raggiunge il diagnosta e gli dice che il suo appuntamento con Cameron è una buona idea: quanto accaduto con la sua ultima relazione non deve danneggiare i suoi rapporti presenti e futuri con le persone. Intanto, Chase sta esaminando il paziente quando nota debolezza nel braccio e nella mano di Harvey: sta avendo dei mini ictus, ma gli anticoagulanti non sortiscono alcun effetto. House prenota un intervento vascolare per il giorno successivo; Robert nel mentre spiega al ragazzo che l’operazione riparerà i vasi sanguigni danneggiati del collo, che probabilmente sono stati compromessi dagli strangolamenti. Harvey inizia a piangere, sentendosi un perdente che ha sempre bisogno di Annette. Chase cerca di fare il dominatore con lui, ma ottiene l’effetto contrario: il paziente ora non vuole alcun intervento. Il primario chiede a Robert di far entrare di nascosto Annette in ospedale.
Annette cerca di ordinare ad Harvey di sottoporsi all’intervento, ma lui le grida di uscire dalla stanza. Foreman pensa che i cambiamenti di umore possano derivare da un altro ictus, così i medici cercano di contenere il paziente, che alla fine entra in coma. L’avvocato dell’ospedale esclude possano ricorrere ad un intervento coatto, ma House ribatte che con il paziente in coma, le cose sono diverse: i suoi parenti sono morti, quindi non possono dare il permesso o negarlo…
Greg chiede allo staff di cercare i genitori di Harvey: sebbene siano commercialisti, il ragazzo vive in un quartiere malfamato. Probabilmente l’hanno ripudiato quando hanno scoperto le sue tendenze, e lui racconta a tutti che sono morti… Cameron e Chase frugano nell’appartamento del paziente, ma trovano solo un annuario del liceo e alcuni oggetti erotici; poi i medici telefonano a tutti i Park dell’elenco, ma i genitori del ragazzo sbattono il telefono in faccia a Robert. Il diagnosta richiama, e informa i signori Park che Harvey è morto e che devono recarsi in ospedale per identificare il cadavere.
I signori Park incontrano Cuddy, l’avvocato e il nefrologo. Quest’ultimo propone loro un modulo per il consenso all’intervento: la signora Park telefona al loro legale, mentre il marito spiega che il figlio ha umiliato la famiglia. Il primario si chiede cosa sarebbe più imbarazzante per loro: che la gente sappia che Harvey è un pervertito, oppure che la gente sia informata che hanno permesso che il figlio morisse negando il consenso all’intervento? La signora Park firma il modulo.
Wilson blocca Cameron per una chiacchierata. L’uomo la informa che è passato tanto tempo da quando l’amico si è aperto totalmente con qualcuno: se lo ferirà, probabilmente si chiuderà in se stesso per sempre.
Quella notte ha luogo il tanto atteso appuntamento. Cameron chiede ad House di risparmiarle le chiacchiere e di dirle veramente cosa pensa di lei e della loro relazione. Greg spiega che è convinto lei viva con l’obiettivo di sistemare tutto quello che non è perfetto. Lei non lo ama veramente: ora che suo marito è morto di cancro, ha solo bisogno di un altro uomo sul quale riversare la sua necessità di fare la crocerossina.
Il mattino successivo, Harvey viene sottoposto all’intervento. Wilson, Chase e Foreman nel mentre vogliono apprendere maggiori dettagli in merito all’appuntamento della notte precedente, ma né Allison né il diagnosta offrono loro alcuna informazione. Il chirurgo alla fine informa i colleghi che non ha trovato alcun aneurisma, per cui lo staff si riunisce nuovamente in ufficio per discuterne: non hanno idea di cosa possa aver causato gli ictus. Il nefrologo chiede un’altra arteriografia e un ecocardiogramma, e anche una TAC total body.
Chase comunica ai colleghi che nell’appartamento di Harvey ha trovato scatole intere di mentine per l’alito, ma tutti loro si sono già accorti che l’alito del ragazzo puzza di vomito… Questo può significare un’osteomielite fulminante, ossia un’infezione della mandibola derivante da un trauma mai guarito adeguatamente. Il tessuto infetto provoca l’embolia al cervello; la placca metallica ha nascosto l’infezione dagli esami strumentali, e l’infezione della mandibola non è solitamente rilevabile dai test del sangue. House inserisce un ago nella mascella di Harvey e ne estrae del pus: decisamente c’è un’infezione, per cui devono rimuovere il tessuto e la placca.
Più tardi, Greg spiega al paziente e ad Annette che la pratica dello strangolamento deve finire. Harvey chiede debolmente se i genitori sono venuti a trovarlo…
Quella notte, nel suo ufficio, il diagnosta osserva alcune vecchie foto che erano rimaste nel suo portafoglio per molto tempo: qualcuno gli manca terribilmente…
In ambulatorio, House visita una vecchietta che lamenta forti dolori vaginali, soprattutto quando urina. Il medico riscontra delle lacerazioni: la nonnetta ha fatto sesso! La donna conferma, il suo Myron fa uso di viagra e ora vuole sempre fare sesso. Prima il loro rapporto era basato sul passare del tempo insieme, ma ora… Se lei non si concedesse, Myron andrebbe di certo dalla vicina di casa per ottenere ciò che vuole! Greg le prescrive del lubrificante, e Ramona gli chiede se può prescrivere qualcosa di più leggero per Myron. Il diagnosta rifiuta. In seguito Myron si presenta in ambulatorio, sostenendo che Ramona gli ha detto di passare per una ricetta. Il nefrologo replica che ha mentito, ma gli prescrive comunque il viagra. Myron si lamenta del fatto che non sa quanto potrà andare avanti in quel modo, oramai non ha più tempo neanche per giocare a golf… House gli consiglia di parlare con la donna, ma lui teme che la perderebbe. Greg gli procura quindi del placebo al posto del viagra, senza dirglielo, per sistemare le cose tra i due. Più tardi la coppia torna dal diagnosta: le pillole stavolta non hanno funzionato. Il primario svela gli altarini, manifestando il fatto che entrambi vogliono la stessa cosa: fare meno sesso. E’ lui però quello che resta sorpreso nell’apprendere che i due non sono sposati, ma amanti…
 
Musica: la canzone delle scene finali, mentre House guarda le foto del suo amore passato, è "Some Devil" di Dave Matthews.
 
1.21 - Episodio 21

Three stories
Il caso House

 
Scritto da: David Shore
Diretto da: Paris Barclay
Trasmesso in USA il: 17 maggio 2005
Trasmesso in Italia il: 21 settembre 2005
 
Guest stars: Sela Ward (Stacy Warner), Stephanie Venditto (Brenda), Bobbin Bergstrom (infermiera #2), Nicole Bilderback (studentessa), Carmen Electra (se stessa), Andrew Keegan (studente), Josh Zuckerman (studente), James Saxenmeyer (trentenne), Andi Eystad (pallavolista), Ingrid Sanai Buron (infermiera #3)
 
Il caso HouseHouse cerca di sottrarsi ad una lezione in cui dovrà parlare agli studenti di medicina del lavoro del diagnosta, ma alla fine accetta di presenziare non senza essersi lamentato con Cuddy e aver ottenuto da lei l’abbuono di due ore di ambulatorio. Mentre si sta recando in classe, Greg viene fermato da una donna del suo passato, Stacy: questi ha bisogno del suo aiuto per un caso, e gli illustra la cartella clinica di suo marito. Questo dettaglio desta l’interesse del diagnosta, non sapeva che lei si fosse sposata… Analizzando sintomi e storia clinica, il medico si convince che la diagnosi sia piuttosto semplice: cattiva digestione, oppure calcoli renali.
Stacy fa pressione sull’amico perché le dia una risposta precisa: il marito soffre di dolori addominali e debolezza, ma tre medici diversi non hanno riscontrato nulla che non vada in lui. La donna lo prega di aiutarla, ma il nefrologo replica che non è sicuro di volere che suo marito sopravviva…
House si reca alla lezione: ha di fronte un pubblico di studenti del terzo anno, per cui decide di presentare loro tre casi fittizi, tutti lamentanti dolore alla gamba. Uno dei tre finirà in coma… Gli studenti iniziano ad ipotizzare delle diagnosi, e Greg li indirizza verso l’approccio corretto per affrontare i casi: mai fidarsi dei pazienti, investigare per conto proprio e non interessarsi troppo a loro. Infine, tener presente che qualche volta puoi sbagliarti di grosso, e di conseguenza addirittura uccidere il paziente.
Durante la pausa caffè, il nefrologo discute del caso del marito di Stacy con Wilson: quest’ultimo è convinto che ci deve essere per forza qualcosa che non va in lui, dato che la donna è così disperata da aver cercato direttamente il suo ex… Il diagnosta replica che era convinto non si sarebbe mai sposata! Gli studenti nel mentre interrompono la chiacchierata, e riportano il primario in classe. Aggiungono quindi nuove ipotesi su come trattare i pazienti, e House continua a cambiare le circostanze dei tre casi: usando l’esempio di un agricoltore morso da un serpente, Greg spiega la sua routine medica. Prima di tutto bisogna trovare il tipo di serpente e somministrare un antiveleno; se il paziente ha una reazione avversa, scoprire quali altri serpenti potrebbero essere i responsabili. Tra il pubblico, chi cercherebbe il serpente giusto tra i campi e chi semplicemente somministrerebbe altre tipologie di antidoti? Metà della classe vota per la prima opzione, l’altra metà per la seconda. Il diagnosta li informa che metà di loro ha appena salvato il paziente, l’altra metà l’ha ucciso.
L’insegnante continua ad aggiungere dettagli sui tre casi: una delle cure funziona, l’altra no. Un paziente risponde al trattamento, l’altro forse è solo un drogato che cerca una dose. Gli studenti diligentemente prendono appunti sui casi e sul metodo da seguire, oltre ovviamente ad ipotizzare cure e patologie. House torna a parlare dell’agricoltore: dopo averlo informato che sta per morire a causa del morso del serpente, l’uomo chiede cos’accadrà al suo cane. Questo fa capire che è stato il cane a morderlo, non un serpente… Passando oltre, il presunto drogato sta facendo pipì di colore marrone, e in essa vi sono tracce di sangue. Cosa potrebbe essere? I suoi reni stanno smettendo di funzionare a causa della morte dei muscoli, che rilasciano mioglobina tossica per l’organo. Purtroppo, dato che tutti gli studenti di medicina prescriverebbero solo antibiotici e riposo, il paziente morirà in tre giorni: hanno sbagliato, e l’hanno ucciso. Devono imparare ad affrontare anche quest’eventualità.
L’ultimo caso coinvolge una pallavolista di liceo che soffre di tendinite. Un esame più approfondito mostra un nodulo nel collo; la risonanza rivela purtroppo un osteosarcoma localizzato nel femore. Deve essere rimosso chirurgicamente, ma se fosse troppo grande o si fosse espanso, dovranno amputare la gamba. Per qualche strana coincidenza, l’agricoltore ha contratto un’infezione batterica necrotizzante dal morso del cane: i tessuti danneggiati devono essere rimossi dalla gamba dell’uomo, e anche questo intervento potrebbe terminare con un’amputazione.
In una delle camere dell’ospedale, Cuddy informa il drogato che la risonanza ha rilevato un problema: dovranno amputagli la gamba… In classe invece Cameron, Foreman e Chase osservano la lezione dal retro: mentre House spiega che la risonanza del drogato ha mostrato che la causa del dolore alla gamba è un aneurisma il quale, con un coagulo, ha portato ad un infarto dell’arto, i tre dottori si rendono conto che i tre pazienti fittizi in realtà sono un unico paziente: proprio House!
In un flashback, Cuddy cerca di convincere l’uomo di prima che l’intervento è necessario: questi è Greg. Il paziente rifiuta di dare il consenso all’amputazione della gamba, seppure con Stacy al suo fianco che gli chiede di operarsi. In classe, tutti i posti vuoti iniziano a riempirsi: il nefrologo spiega che le amputazioni proteggono i medici; se eliminano più tessuto possibile, minimizzano le possibilità che la patologia causi problemi più seri.
Nel flashback, il diagnosta non vuole acconsentire ad essere operato. Vuole tentare un bypass per ripristinare la circolazione, ma Stacy non riesce a credere che sia così ostinato. L’intervento di bypass va a buon fine, con un catetere che ha passato il coagulo. Come promesso, però, il dolore postoperatorio è lancinante, a causa della morte del tessuto muscolare. A letto, il primario analizza i propri parametri vitali: non gli piace che il livello di potassio stia crescendo, per questo chiama un’infermiera e chiede una dose di gluconato di calcio. Prima che l’infermiera la inietti, il paziente entra in arresto cardiaco, e Cuddy lo raggiunge per defibrillarlo.
In classe, House spiega che il paziente è rimasto tecnicamente morto per più di un minuto. In un flash, si vedono i momenti in cui lui era incosciente: gli appaiono l’agricoltore e la pallavolista, con le protesi alla gamba… Ancora a lezione, Wilson chiede all’amico se pensa che le visioni del paziente mentre era incosciente fossero reali, e Greg pensa che la luce bianca spesso nominata nei racconti di chi ha rischiato di morire sia semplicemente una reazione chimica che si innesca quando il cervello smette di funzionare. Foreman e Cameron chiedono come mai lui sia convinto di questo e non di qualcos’altro, e il primario replica che è più semplice pensare che la vita non sia solo un test.
In un flashback, Stacy si trova accanto al suo amato, che lotta contro il dolore. Lo prega di acconsentire all’amputazione, ma lui insiste che non può affrontare una cosa del genere. Se avesse un paziente nella medesima situazione, lo presserebbe finché non otterrebbe il consenso, perché lui resiste? Stacy informa Lisa che il nefrologo ha chiesto di essere posto in coma farmacologico per poter riposare senza sentire dolore, e il direttore sanitario replica che è possibile… Ma Stacy ha un piano: dato che è lei che decide per il diagnosta in caso lui non potesse farlo, quando entrerà in coma chiederà di farlo amputare. Cuddy è d’accordo con lei, sebbene non sia convinta che quella sia la tattica corretta..
Cuddy fa entrare il paziente in coma, poi Stacy le chiede se ci sono procedure diverse dall’amputazione per aiutare il suo fidanzato. Il direttore sanitario spiega che potrebbero operarlo e rimuovere il tessuto muscolare morto: ci sono alcuni rischi di sindrome da rivascolarizzazione, ma l’avvocato acconsente a questa terapia. In classe, House informa gli studenti che a causa della rimozione di troppo tessuto, la funzionalità dell’arto non è stata mai più ripresa completamente. Inoltre, per aver aspettato troppo tempo, il paziente continua a provare dolore cronico. Gli studenti iniziato a discutere in merito ai diritti di Stacy e alla sua decisione…
Il primario si chiede ad alta voce quando finisca la lezione; Cuddy, che lo stava ascoltando non vista, replica che è stato venti minuti prima. Il diagnosta esce dalla stanza.
Nel suo ufficio, Greg telefona a Stacy, e le lascia un messaggio: il mattino successivo visiterà suo marito.
 
Curiosità: Questo episodio ha vinto un premio “Humanitas” di 15.000 dollari, per “la sua acuta analisi del dolore e della confusione che coinvolge una persona quando qualcuno che ama la delude”.
David Shore ha vinto l’Emmy come migliore sceneggiatura in un drama per quest’episodio.

 
1.22 - Episodio 22

Honeymoon
Un uomo solo

 
Scritto da: Lawrence Kaplow, John Mankiewicz
Diretto da: Fred Keller
Trasmesso in USA il: 24 maggio 2005
Trasmesso in Italia il: 21 settembre 2005
 
Guest stars: Sela Ward (Stacy Warner), Currie Graham (Mark Warner), Mark Holmes (autista d’ambulanza),  Revital Krawetz (donna) 
 
Dr. House Un uomo soloHouse e Stacy escono insieme a cena, attendendo l’arrivo del marito di lei: ancora una volta Mark è in ritardo, poiché sta cercando di evitare di incontrarsi con Greg. Quando finalmente l’uomo arriva, annuncia di aver già consultato altri medici, perché non intende sprecare il preziosissimo tempo del diagnosta: essi pensano che soffra solamente di stress, per cui Mark annuncia di stare bene. I due cominciano a litigare gentilmente, e la rivalità tra loro emerge… Il battibecco sfocia in competizione, e i due si sfidano a chi beve più in fretta la birra; Mark improvvisamente inizia a sentirsi strano e sviene: il primario l’ha drogato per riuscire a portarlo in ospedale per un controllo.
Cameron e Foreman leggono la cartella di Mark: soffre di dolori allo stomaco, e l’umore varia senza apparenti ragioni; tuttavia gli esami non hanno mostrato nulla di anomalo. Il nefrologo, non sforzandosi affatto di nascondere il disprezzo per il paziente, ordina altri test; in corridoio, Wilson ricorda all’amico del suo passato con Stacy, e lo consiglia di occuparsi del caso come se fosse uno qualsiasi. Sia freddo e distaccato, insomma.
Cameron spiega a Mark che la TAC addominale è risultata negativa, per cui l’uomo decide di lasciare l’ospedale. Foreman intanto informa House che il chirurgo è stato fermato: Allison non riesce a credere che il capo abbia prenotato una laparotomia esplorativa per un paziente che nemmeno pensa di essere ammalato.
Greg raggiunge Stacy nella sala d’attesa. Dall’intervento non si è evinto nulla, tranne la dilatazione della vescica, ma il medico chiede di poter visionare il video. Dopo qualche minuto, nota qualcosa: sveglia il resto dello staff e chiede di raggiungerlo, ma essi non vedono nulla di strano nel fotogramma dello schermo.
Il primario allora mostra loro un’intera sequenza per fare un confronto, e subito notano qual è la stranezza: ci sono tremori nelle fibre muscolari, ossia segni di epilessia addominale. Si tratta quindi di un problema neurologico.
Più tardi, Foreman giunge in ufficio con l’EEG di Mark: ci sono piccole anomalie nelle onde cerebrali, perciò i suoi nervi assonici stanno morendo. Le cause più probabili di questo tipo di patologia sono le encefaliti o l’Alzheimer; il diagnosta chiede ai colleghi di controllare la casa della coppia per riscontrare eventuali ulteriori cause.
Cameron si trova in laboratorio, quando Stacy chiede di essere informata in merito alle opinioni dei medici sul caso del marito. Allison ammette che l’Alzheimer è l’ipotesi più coerente; poi chiede all’avvocato com’era House prima dell’incidente alla gamba. Stacy replica che era più o meno lo stesso di adesso… Nel frattempo il test per l’Alzheimer è pronto: il risultato è negativo.
Chase e Foreman si trovano a casa di Mark e Stacy: ci sono una mountain bike che non viene usata da un po’ e un materassino da yoga. Recentemente il paziente ha cambiato quindi il suo tipo di allenamento… Chase scova un flacone di anfetamine nascosto nel retro del cassetto della scrivania, sotto alcuni documenti; porta poi il reperto a Greg. Sebbene l’uso regolare di anfetamine possa spiegare i sintomi, il diagnosta non è d’accordo: la licenza del medico prescrivente recentemente è stata sospesa perché ha prescritto illegalmente dei farmaci a ragazzi del liceo; dato che Mark è un consulente scolastico, è più probabile che le abbia confiscate ad uno studente. Senza alcuna traccia di encefalite o di Alzheimer, il diagnosta ordina una PET per controllare eventuali alterazioni dell’attività metabolica della corteccia cerebrale.
Foreman inietta dei marcatori chimici a Mark, che permetteranno di rilevare l’attività cerebrale. Il paziente viene quindi fatto entrare nello scanner, ed Eric gli pone alcune semplici domande in merito alla sua vita. Il primario però interrompe l’esame e inizia a chiedere a Mark del giorno del suo matrimonio: il paziente replica aspramente che Stacy indossava l’abito bianco, e che non hanno mai lasciato l’hotel parigino in cui alloggiavano per tutte le due settimane della loro luna di miele.
Quella notte, House si reca sul tetto. Stacy lo trova, arrabbiata perché a Mark sono state poste domande su di lei. House spiega che stava cercando di testare i parametri operativi del sistema limbico, ma l’avvocato non se la beve… Greg ammette di non sapere cosa c’è che non va nel marito, tutti i test sono negativi. L’uomo sembra perfettamente sano, tuttavia il suo cervello sta morendo comunque. Stacy è devastata dalla notizia, ma il diagnosta le promette che non mollerà, devono attendere che ci sia qualche cambiamento.
Mark chiama le infermiere e la moglie: non sente più i piedi e le mani. E’ paralizzato, e i medici si ritrovano in ufficio per trovare eventuali cause di questo nuovo sintomo. Comprendendo che la paralisi è periferica, il nefrologo suggerisce la sindrome di Guillain-Barré; Foreman replica che i test sono già stati effettuati, e che non hanno trovato gli anticorpi. Il diagnosta si chiede se il paziente magari abbia contratto il virus, ma non stia producendo gli anticorpi: Eric comprende, questo significherebbe che Mark è malato, ma il suo corpo non reagisce, per questo dovrebbero sopperire a questa mancanza. Purtroppo però senza anticorpi non potranno avere la certezza della diagnosi… House pensa che se le cure funzioneranno, allora hanno ragione; se il paziente muore, si tratta di qualcos’altro.
Cameron spiega a Mark, che nel frattempo è collegato ad una macchina per la plasmaferesi che gli pulisce il sangue, come intendono procedere. Il paziente in seguito nota Greg chiamare Stacy fuori dalla stanza, ed inizia a diventare paranoico in merito alla moglie, che secondo lui la lascerà. Successivamente inizia a soffocare, e il diagnosta entra nella stanza ordinando due milligrammi di ativan per calmarlo. Non si è trattato di una reazione allergica, solo un attacco di panico. In corridoio, il nefrologo chiede a Stacy qualcosa in merito ai bigliettini d’auguri che la coppia riceve: non provengono da nessuno degli amici di un tempo. Inoltre trova strano che non abbia raccontato al suo vecchio amico James Wilson che si era trasferita… L’avvocato intende arrivare al punto, vuole sapere se lo ama ancora e abbandonerebbe il marito morente per lui? Forse Wilson ha ragione, devono stare lontani l’uno dall’altra.
House annega i dispiacere nell’alcol, e Wilson lo raggiunge. Sebbene Greg l’abbia chiamato, James è di fretta perché si trovava nel bel mezzo di una cena della moglie. Il diagnosta racconta che Mark non sta rispondendo ai trattamenti, e tra l’altro lui ne è felice. Tuttavia, non è sicuro che sia così perché spera di tornare con Stacy, o perché vuole che lei soffra. L’oncologo non sa consigliarlo.
Il mattino successivo, il diagnosta chiama nuovamente Stacy all’esterno della stanza del marito per parlare. Le confida che secondo lui sono una bella coppia, specialmente perché lui l’ha portata a Parigi, la città dei suoi sogni. Stacy replica che non sono stati a Parigi per la luna di miele: dato che doveva lavorare, hanno passato un paio di notti a New York… Il nefrologo si interessa alla cosa, e chiede quando Mark abbia cambiato la sua attività sportiva passando dalla bici allo yoga. L’avvocato replica che è successo circa un mese prima, e il primario scappa via. Entrato in ufficio, prende la PET del paziente e la mostra ai colleghi: mentire è un processo creativo, ed è più complicato che dire la verità; cos’ha mostrato la PET quando House ha chiesto della luna di miele? Il cervello ha subito un coinvolgimento minimo, come se avesse detto la verità, ma dato che Mark a Parigi non c’è stato, significa che lui è convinto di averlo fatto.
Greg riassume tutti i sintomi: dolori addominali, polineuropatia, paranoia e ora ricordi fittizi. Secondo il diagnosta Mark soffre di Porfiria Intermittente Acuta, che non viene rivelata dagli esami se non nel bel mezzo di un attacco. Altri sintomi sono la sensibilità alla luce, che potrebbe spingere una persona ad abbandonare la mountain bike per uno sport da fare dentro casa, come lo yoga. Il nefrologo ordina quindi di somministrare ematina e glucosio, ma Cameron fa notare che se il paziente non soffre di PIA, l’ematina causerà danni renali. L’unico modo per confermare la malattia è un campione di urine prelevato durante un attacco, ma come possono fare a capire quando ne arriverà uno? La patologia ha dei fattori scatenanti precisi, come i barbiturici, l’alcool ed elevati livelli di proteine: il primario somministrerà tutti e tre, e starà a vedere cos’accadrà. Stacy chiede di restare sola col marito per un minuto.
Più tardi l’avvocato informa House che Mark non intende sottoporsi al test, ma lo prega di procedere ugualmente. Greg rifiuta, e questo porta i due ad una lite in merito al loro passato. Stacy infatti pensa che il primario voglia che il marito muoia perché possano tornare insieme, ma lui ribatte che dovrebbe tentare di obbligare Mark ad accettare, visto che è brava in questo. Stacy vuole sapere se questa è la vendetta per quanto accaduto anni prima con la sua gamba: lei gli ha salvato la vita! Il nefrologo replica che sta solo rispettando le decisioni del paziente. Stacy afferma che il suo interlocutore sovverte sempre le volontà dei pazienti, e li obbliga a sottoporsi alle cure, l’unica differenza diversi anni prima è che è stata lei a farlo con lui.
Mark continua a rifiutarsi di farsi scatenare un attacco. Tuttavia, dato che è ancora paralizzato, House sta per iniettargli le sostanze nella flebo quando Foreman si intromette, togliendo il tubo dalle mani del capo. Cameron fa notare che devono avere un ordine del tribunale per non rispettare le volontà di Mark, e anche Chase entra nella conversazione sostenendo il paziente. Il primario inizia ad andarsene, ma mentre gli altri sono distratti velocemente inocula le sostanze nella coscia di Mark: per un momento, non accade nulla, ma improvvisamente il corpo del paziente inizia ad essere scosso dagli spasmi. Greg ordina a Chase di prelevare le urine dal catetere, ma alla fine infila un ago direttamente nella vescica e ne estrae un campione, poi permette a Cameron di iniettargli dell’ativan, che calma le convulsioni.
Nel laboratorio, lo staff esamina le urine di Mark: sono ancora gialle, quindi non si tratta di PIA. Il nefrologo allora punta un raggio di luce sulla provetta, per stimolare l’ossidazione, e improvvisamente il liquido muta di colore: devono subito somministrare al paziente glucosio ed ematina.
Qualche tempo dopo, Mark recupera la funzionalità degli arti: la cura ha avuto successo! Quella stessa notte, Stacy raggiunge il diagnosta nel suo ufficio, e ammette che prova ancora qualcosa per lui, è sempre stato così. Tuttavia non possono tornare insieme, perché durante la loro relazione lei si sentiva sola. E ora, con Mark, non è più così.
Il giorno successivo, Cuddy intercetta House nell’atrio: dato che il marito di Stacy avrà bisogno di essere monitorizzato per un po’ di tempo, le ha chiesto di lavorare per l’ospedale come consulente. L’avvocato però accetterà solamente se il primario è d’accordo, e questi replica che non ci sono problemi.
 
Musica: la canzone che si sente nel bar, dove House e Wilson si incontrano, è "I Call It Love", di Windy Wagner.
La canzone della scena in cui Stacy va a trovare House in ufficio è "Delia", dei Blind Willie McTell.
La canzone delle scene finali dell’episodio è "You Can't Always Get What You Want", dei Rolling Stones. La stessa è stata usata per le scene conclusive del pilot.
 
Curiosità: alla fine dell’episodio si vedono entrambi i lati di una pillola di Vicodin mentre questa vola nell’aria. La pastiglia non mostra alcun segno, ma il Vicodin normalmente riporta una V in corsivo su di esso, indipendentemente dalla casa farmaceutica che lo produce.
 
Quando Stacy si reca in laboratorio per parlare con Cameron, tiene in mano una tazza di caffè in una posizione che fa ritenere sia piena. Chiaramente però è vuota, si nota da numerose inquadrature.