Instagram

La stagione 7 di CS.I. è anche sul telefonino!

Giovedì 22 Marzo 2007

CSI - Scena del Crimine - 7° stagione - Prima visione assoluta in Italia
Anteprima sul telefonino-TV di Vodafone, un nuovo agente e una guest star d’eccezione. Queste le sorprese della nuova stagione.

Su FoxCrime dal 22 marzo 2007 ogni giovedì alle 21.00 e in anteprima su FoxOne dal 19 marzo ogni lunedì alle 13:00.

Perché Grissom abbandona la scientifica di Las Vegas? E chi è Keppler?
Questi gli interrogativi che caratterizzano la settima stagione di CSI- SCENA DEL CRIMINE in onda su FoxCrime (canale 112 di SKY) in prima visione assoluta in Italia da stasera, ogni giovedì alle 21.00.
Ma un’altra sorpresa esclusiva attende gli appassionati della serie investigativa più amata e più vista di tutti i tempi: a partire dallo scorso 19 marzo, ogni lunedì alle 13.00, è infatti possibile seguire i nuovi emozionanti episodi in anteprima assoluta su FoxOne, il canale TV Mobile DVB-H di Vodafone SKY Tv che raccoglie i più grandi successi dell’intrattenimento Fox.

Partita lo scorso settembre negli Stati Uniti, la 7° stagione è stata presentata dall’emittente americana CBS con una campagna shock che ha lasciato di ghiaccio i suoi milioni di fan: come nella celebre copertina di Abbey Road dei Beatles, anche nella campagna di CSI tutti i protagonisti della serie sono fotografati mentre attraversano la strada in fila indiana. Gil Grissom (William Petersen) compare a piedi nudi, ritratto esattamente come Paul McCartney sulla copertina di quell’ultimo album inciso dal gruppo inglese. Un richiamo alla leggenda secondo cui McCartney appariva scalzo perché morto anni prima in un incidente stradale e quindi sostituito da un sosia.
Ed ecco il colpo di scena: all’undicesimo episodio (dal titolo evocativo Via da Las Vegas) Grissom lascia – seppur temporaneamente - la squadra CSI per dedicarsi all’insegnamento ma anche per allontanarsi da Sara Sidle (Jorja Fox) con la quale, pareva stesse per intraprendere una relazione sentimentale.

UNA NEW ENTRY ED UNA GUEST STAR D’ECCEZIONE
A sostituirlo, entrerà in scena un nuovo scienziato forense, Michael Keppler (Liev Schreiber, definito dal New York Times il miglior attore shakesperiano della sua generazione, e interprete di The Manchurian Candidate e Il Velo Dipinto), un poliziotto della East Coast dal carattere cupo e introverso che si lascia alle spalle un passato turbolento e cerca una nuova opportunità di vita e di lavoro a Las Vegas.
Ma queste non sono le uniche sorprese che la settima stagione di CSI, offre ai suoi appassionati. Il nono episodio, dal titolo Living Legend, è infatti impreziosito dalla partecipazione straordinaria di una guest star d’eccezione, Roger Daltrey, cantante del gruppo inglese The Who il gruppo di cui sono le sigle di apertura dei tre CSI con i brani Who are you?, Won’t get fooled again (in CSI Miami) e Baba O’ Riley (in CSI New York).

IL PRIMO EPISODIO
Per l’inizio della nuova stagione, FoxCrime propone giovedì 22 marzo alle 21:00 e alle 21:50, la prima e la seconda parte dell’episodio Built to kill, in cui Grissom e Catherine indagano sul cadavere di una donna trovato nel Cirque du Soleil. Grissom rinviene inoltre una miniatura della scena del crimine sul quale sta indagando e Catherine è convinta di essere in pericolo: qualcuno ha preso di mira lei e la sua famiglia.
Entrambi gli episodi saranno in onda in anteprima assoluta in Italia, il 19 marzo, e poi a seguire ogni lunedì alle 13.00, su FoxOne, il canale TV Mobile DVB-H di Vodafone SKY Tv che raccoglie i più grandi successi dell’intrattenimento Fox.

I PREMI

Lanciata nel 2000 dal network americano CBS, CSI- Scena del Crimine si è aggiudicata ben 27 nomination agli Emmy Award (di cui 3 vinti) e quattro nomination ai Golden Globes ed è diventata ben presto una delle serie tv più amate e seguite del panorama televisivo internazionale (attualmente è in onda in 74 paesi al mondo) raggiungendo nel 2005 il record assoluto di ascolti negli USA con oltre 30 milioni di telespettatori per l’episodio finale della 5° stagione diretto da Quentin Tarantino.

 

I PERSONAGGI

Gil Grissom (William Petersen)
Per Gil Grissom lo scopo degli ultimi 15 anni di vita è stato quello di contribuire a portare la sezione di Las Vegas dalla quattordicesima alla seconda posizione nella classifica dei dipartimenti di polizia scientifica del paese. A sedici anni frequenta ufficiosamente come apprendista, l’obitorio della Contea di Los Aneles. Conclusi gli studi a 22 anni, diventa il più giovane coroner nella storia della contea, un lavoro che lo impegna notte e giorno. Otto anni dopo, un cacciatore di teste lo recluta per dirigere l’Ufficio Field Services di Las Vegas. La filosofia con cui ha sempre approcciato il suo lavoro è questa: “Se vuoi imparare qualcosa in materia di investigazioni scientifiche, prima devi conoscere tutto il resto.” Per Grissom quello del CSI non è un mestiere, ma piuttosto un’espressione della sua persona, la perfetta sintesi tra personalità e professione. La sua specialità forense è l’entomologia.

Michael Keppler (Liev Schreiber)
Michael Keppler è nato da una famiglia di origine irlandese a Trenton nel New Jersey alla fine degli anni ’60. Rimasto orfano di padre a tre anni, Keppler è stato costretto a crescere velocemente diventando ben presto il duro del quartiere. A scuola Keppler si innamora di Amy - una delle più brave atlete dell’istituto e sogna di trasferirsi a Manhattan e di sposarsi. Ma inaspettatamente Amy si suicida. Keppler non si riprenderà facilmente dal lutto, e quando sta già per prendere una brutta strada, accorre in suo aiuto Frank, il padre di Amy. Keppler si concentra seriamente sugli studi e si laurea brillantemente in chimica al John Jay College of Criminal Justice. Dopo la morte della madre, Keppler lascia Trenton si trasferisce a Filadelfia dove inizia nuova vita: trova lavoro come detective e sposa una donna carina ma poco stimolante. Keppler trascorre 5 anni di relativa calma, ma ben presto gli incubi del passato riaffiorano alla mente e comincia a soffrire di insonnia. Il matrimonio naufraga. Nonostante tutto, Keppler continua una vita professionale esemplare, ma il segreto che si tiene dentro lo spinge a fuggire di nuovo e si fa trasferire Baltimora. Poco tempo dopo arriva la chiamata che temeva di più. In eterna fuga, Keppler è costretto a trasferirsi ancora: questa volta a Las Vegas dove spera di seppellire definitivamente il passato.

Catherine Willows (Marg Helgenberger)
Catherine Willows è nata in un ranch in Montana, figlia maggiore di una famiglia di allevatori, ma la vita rurale non ha mai fatto per lei. A sedici anni va via da casa. Vive a Seattle per un anno con il suo ragazzo aspirante rockstar, guadagnandosi da vivere come cameriera. Dopo qualche storia sentimentale burrascosa, si trasferisce a Las Vegas dove si guadagna da vivere come spogliarellista. Gli uomini la adorano e i soldi affluiscono veloci. Catherine li usa tutti per studiare e per finanziare la carriera del suo nuovo boy-friend Eddie, aspirante produttore musicale. I due finiscono per sposarsi. Quando il turbolento matrimonio finisce, Eddie la lascia con dieci dollari in banca, e una bambina piccola. Catherine raccoglie i cocci, per amor suo e della figlia. Se è diventata una CSI non è per combattere i torti del mondo ma perché questo lavoro la fa sentire come un bambino che ricostruisce dei puzzle. Ama la sfida e l’eccitazione delle indagini. E’ specializzata nell’analisi delle tracce di sangue.


Warrick Brown (Gary Dourdan)
Warrick Brown è l’unico dei CSI ad essere nato e cresciuto a Las Vegas. Non ha mai visto un padre in vita sua. Sua madre è morta quando aveva solo sette anni, lasciandolo alle cure della nonna materna. Warrick pare letteralmente nato per vivere a Las Vegas. Adora l’ambiente dei casinò, l’azione e il pulsare della città. Nel Tribunale della Contea di Clark si muove a suo agio esattamente come nelle sale scommesse. Per rilassarsi fa il DJ nei club e scrive canzoni. Essendo a Las Vegas da tutta una vita, Warrick conosce almeno una persona in ogni bar, club e hotel della città, e usa le sue conoscenze per spostarsi tra i due mondi. Da ragazzo ha avuto molte donne, ma la prima volta che si è innamorato davvero si è ritrovato con il cuore a pezzi. Ora guarda le donne con una certa diffidenza. La sua specialità è l’analisi audio-visiva.


Nick Stokes (George Eads)
Figlio più piccolo di una famiglia numerosa, Nick Stokes è erede di una tradizione familiare: prima di essere nominato giudice, suo padre era stato procuratore distrettuale, e ora è impegnato da due anni nella Corte Suprema del Texas; sua madre ha sempre lavorato come avvocato d’ufficio.
Con una famiglia del genere Nick cerca di controbilanciare le ambizioni, tacite ma pressanti, dei suoi genitori e volendosi dimostrare all’altezza delle loro aspettative, sceglie di entrare nei CSI per trovare un compromesso. Professionalmente obiettivo, sente di avere comunque una responsabilità sociale a cui tenere fede, ma fa il suo lavoro senza aver niente da dimostrare. Le prove parlano da sole, e tutti devono rispettare le verità che raccontano, dai pubblici ministeri ai giudici. Pur avendo la possibilità di rimanere in Texas, Nick ha preferito spostarsi. Una parte di lui adora la sua famiglia e il suo nome, ma l’altra vuole starsene per conto suo, piantare le sue radici e sviluppare una sua identità. E’ esperto di analisi dei capelli e delle fibre.

Sara Sidle (Jorja Fox)
Sara Sidle è nata e cresciuta sulla Tamales Bay, non lontano da San Francisco. Figlia unica di una coppia di ex hippy che gestiscono un bed & breakfast, Sara ha sempre sentito il bisogno di uno scenario più ampio. Da bambina tutto in lei era sovradimensionato: intelligenza, energia, curiosità. A diciotto anni trova finalmente il posto giusto in cui sentirsi a casa: approdata ad Harvard, qui trascorre quattro anni studiando fisica. Successivamente trova lavoro nell’ufficio del coroner di San Francisco, dove rimane cinque anni ed acquisisce una preparazione in scienze forensi. Trasferitasi in seguito alla scientifica di San Francisco, viene contattata da Grissom che la vuole a Las Vegas. Capace di risolvere qualunque problema, l’unico che non riesce a gestire sono gli altri e il suo modo di relazionarsi con loro. Per questo si rifugia nel lavoro: la sua determinazione nel fare carriera è rigorosa, forse più che per gli altri CSI. Nei CSI è esperta di analisi dei materiali e degli elementi.

Greg Sanders (Eric Szmanda)
Dal primo momento in cui, a soli sette anni, Greg Sanders ha tenuto in mano il suo primo gioco da piccolo chimico, ha sempre saputo che da grande avrebbe voluto fare lo scienziato. Si iscrive al Club Scientifico delle superiori, e si diploma in chimica al college. Il suo sogno è quello di scoprire una nuova teoria o un nuovo elemento a cui poter dare il suo nome. Dopo anni di impegno per avere la chance di lavorare sul campo con i CSI, sotto l’attenta supervisione di Grissom e dei suoi colleghi Sanders, riesce finalmente a passare dal lavoro di tecnico di laboratorio. Talora eccessivamente zelante, Sanders si rende conto che la sua nuova posizione professionale potrà insegnargli moltissimo. E’ appena stato promosso CSI, dopo una lunga carriera di analista chimico.

Dr. Albert Robbins (Robert David Hall)
Figlio di una madre single in un’epoca in cui tutti i suoi compagni vengono da famiglie con due genitori, Albert Robbins si è sempre sentito in disparte. Sua madre è infermiera e spesso Robbins trascorre la notte nell’ospedale locale. I medici e le infermiere lo “adottano” e oltre a permettergli di scorazzare liberamente nella struttura, vista la perenne carenza di personale, gli permettono di aiutarli nelle varie attività. Da bambino rifornisce gli scaffali dell’ospedale, da adolescente inizia a dare una mano negli interventi chirurgici più semplici, finché il ragazzo finisce per conoscere l’ospedale meglio di molti medici. Al termine della specializzazione al Johns Hopkins, Albert apre una clinica e per vent’anni lavora come medico generico, finché le perenni ristrettezze finanziarie e i metodi aggressivi delle nuove e potenti organizzazioni sanitarie assicurative, lo costringono a chiudere i battenti della clinica. Diventa Assistente del Coroner del dipartimento di polizia di Arlington, in Virgina, e nel giro di due anni diventa Coroner. Molti anni di duro lavoro di polizia lo fanno sentire svuotato: decide così di intraprendere quello che a lui appare come un cambiamento di carriera molto naturale (la medicina, dopo tutto, si occupa di vita e di morte), e insieme a sua moglie e ai tre figli si trasferisce a Las Vegas. Qui si sente finalmente libero di perseguire i suoi interessi, sia lavorativi che familiari.