Instagram

Criminal Minds: rivelato cosa è successo davvero al personaggio di Thomas Gibson

Lunedì 21 Novembre 2016

Criminal Minds

Criminal Minds: rivelato cosa è successo davvero al personaggio di Thomas Gibson
L’attore era stato licenziato dalla serie dopo un alterco sul set
di EW.com
traduzione di Valeria Runcio

Seguendo il licenziamento di Thomas Gibson da Criminal Minds in agosto, i fan hanno finalmente un finale per il suo personaggio Aaron Hotchner. Nell’episodio trasmesso mercoledì scorso negli States,  il procedurale poliziesco della CBS ha rivelato che...

SPOILER

Hotch non ha avuto un incarico speciale, ma è stato assegnato al programma di Protezione Testimoni.

Rossi (Joe Mantegna) lancia la notizia alla squadra quasi all’inizio di “Elliott’s Pond”, che è stato diretto da Matthew Gray Gubler (Dr. Spencer Reid). “Dobbiamo parlare,” inizia Rossi. Viene fuori che Hotch ha deciso di lasciare la BAU ed entrare nel programma di Protezione Testimoni dopo che Peter Lewis, noto come Mr. Scratch, inizia a pedinare suo figlio, Jack (Cade Owens), a calcio.

“Lui sta bene, ma non è stato mai assegnato ad una missione speciale,” dice Rossi. “Questo dovevamo saperlo per la copertura delle indagini.”

Rinunciare al suo posto era un sacrificio che Hotch ha fatto per proteggere suo figlio, spiega Rossi: “Peter Lewis non si fermerà, ecco perché Hotch e Jack sono entrati nel programma.”

Decidendo che “non metterà più Jack in pericolo”, Hotch rassegna le dimissioni. Sicuri che è lontano al momento del discorso di Rossi, ma la richiesta finale di Hotch è garantita dal direttore. Emily Prentiss (Paget Brewster) diventa il suo successore come capo del BAU. Senza perdere un colpo, Garcia (Kirsten Vangsness) riassume i pensieri di tutti: “Grazie all’universo per i lati positivi.”

Gibson è stato licenziato dallo show dopo due settimane di sospensione per un alterco con lo sceneggiatore-produttore Virgil Williams. Più tardi la CBS ha spiegato che Gibson sarebbe apparso nei primi due episodi della dodicesima stagione.

La sua ultima interpretazione è andata in onda il 5 ottobre, “Sick Day”. L’episodio vede Hotch lavorare in una sala conferenze e dire a J.J. (A.J. Cook) di prendersi una settimana di riposo dopo che è stata scioccata da un caso, chiudendo con l’ultima battuta di Gibson nella serie: “Non è una richiesta”.

“Il mio orgoglio e la mia reputazione sono compromessi, ma alla fine so che il buon lavoro sarà quello che le persone ricorderanno”, Gibson ha detto a People a settembre. “Ho solo bisogno di altre opportunità di fare un buon lavoro ed essere un bravo ragazzo.”