Instagram

Quinta Stagione ep1-8

Mercoledì 11 Luglio 2007
Episodio 05.01 - 89
Titolo Originale : Prophet Five
Titolo Italiano : Il quinto profeta

trasmesso in USA il :29 settembre 2005
trasmesso in Italia il :12 luglio 2006


Scritto da : Alison Schapker, Monica Breen
Diretto da :Ken Olin


Guest Stars: Tyrees Allen (Gordon Dean), Nico Samano (Swat Team Leader), Bryan Friday (EMT #2), David Jean-Thomas (Butler), Dominic Comperatore (Doctor), David Marshall Grant (Ivan Curtis), Leon Russom (James Lehman), Art Chudabala (Dr. Parks)



Riassunto a cura di Sara G.:
L’episodio inizia con Sydney e Vaughn in macchina, fuori strada, dopo l’incidente che aveva chiuso la serie precedente; Syd si risveglia illesa e vede Vaughn al suo fianco svenuto e sanguinante; poi anche lei perde conoscenza.

Sydney si risveglia mentre i soccorsi portano via Vaughn in barella, lei rimane in macchina e un paramedico le dice di stare ferma ma Syd vuole uscire; il soccorritore vuole iniettarle un calmante anche se lei dice di stare bene ma nel frattempo sente dire ai paramedici che si occuperanno loro della ragazza e che è ancora viva; allora Sydney si insospettisce e scappa nel campo di grano adiacente mentre i finti soccorritori le sparano e la rincorrono; mentre si nasconde vede che Michael viene portato via in elicottero e si sofferma a guardare chi c’è alla guida di questo.

In ospedale Sydney viene sottoposta ad esami di routine anche se le sue condizioni sono ottimali; mentre è ancora in camera arriva Gordon Dean, dell’ufficio indagini speciali, che le chiede delucidazioni sul rapporto che lei ha consegnato sull’incidente; Sydney è irritata dal comportamento di Dean che fa domande inutili e non annota niente. Li raggiunge Jack Bristow che manda via Dean dicendo che Syd sarà lieta di collaborare ma non in questo momento perché ha avuto un esperienza traumatica, Una volta rimasti soli Jack dice a Sydney che deve rivedere la sua versione dei fatti perché Vaughn è stato messo sotto indagine per la sua condotta: si sospetta che sia un doppiogiochista e che l’incidente sia una copertura per il suo recupero.
Nel frattempo Vaughn si ritrova in una stanza legato ad una sedia e davanti a lui si presenta una persona che lo chiama Signor Mischeau.

In metropolitana Syd cerca di ricordarsi e di disegnare il viso della persona che ha visto sull’elicottero; poi si reca alla sede dell’APO e vede che c’è Dean che parla con suo padre.
Nel frattempo a Vaughn viene dato un pacchetto destinato a lui; Michael lo apre e ci trova un registratore con una canzone ; all’interno del registratore c’è un rotolo di carta; la persona seduta di fronte a lui chiede a Vaughn di leggere la serie di numeri scritta sopra e di dirgli dove si trova Leheman; Michael non sa chi sia e così viene torturato perché si convinca a parlare.
Intanto all’APO Weiss cerca di capire qualcosa sulla scomparsa di Michael e Syd gli chiede se sa perché sei anni fa, quando lei è andata alla CIA avendo scoperto la verità sulla SD6, era stata affidata a Vaughn; Weiss risponde che era stato Michael a volerlo e chiede a Sydney se anche lei sospetta che Vaughn abbia tradito.

Intanto a Vaughn fanno credere di avere catturato anche Syd e allora lui cede alle pressioni e chiede una matita per poter decifrare il codice.
Nel frattempo Dean vuole che Marshall lo faccia accedere al file personale di Vaughn per controllare i suoi spostamenti.

Syd si sfoga con Dixon e gli dice che pensa di essersi sbagliata su Vaughn; Dixon però le ricorda quando lui l’aveva sorpresa a tradire la SD6 e Syd le aveva detto di fidarsi ma lui non l’aveva fatto; Dixon aggiunge che se gli dovesse ricapitare le darebbe il beneficio del dubbio.
Intanto Vaughn riesce a liberarsi e costringe una guardia a dirgli dov’è Sydney; lui risponde che è scappata; Michael fugge da una botola sul soffitto e una volta libero chiama Syd; lei, che si trova all’APO, si rifugia in bagno per non farsi sentire; Michael le dice che le dirà tutto appena può, ma nessuno deve sapere che parla con lui. Le dice che gli serve l’orologio di suo padre, se può andare lei a prenderlo, ma Sydney risponde che ci deve pensare. Uscendo dal bagno si trova davanti Dean e suo padre che sono convinti che possa aver parlato con Vaughn e le dicono che non deve proteggerlo; alla fine Sydney cede e dice loro che devono andare a Città del Messico.
Gordon Dean organizza un blitz ma scopre che è un bluff architettato da Sydney; intanto Vaughn va a recuperare l’orologio di suo padre ma scopre che l’armadietto che lo custodiva è vuoto; qualche secondo dopo arriva Syd con l’orologio e chiede a Michael la verità iniziando dal nome; Vaughn le dice di chiamarsi Andrè Mischeau.
Le spiega che sette anni fa andò da lui una donna il cui padre era coinvolto in un progetto e gli disse che anche suo padre ne faceva parte: il progetto Quinto Profeta; Michael dice a Syd che suo padre prima di entrare alla CIA era una matematico e si chiamava Mischeau ( nel frattempo salgono su un ascensore); le dice che quando lei è andata alla CIA raccontando di una missione per acquisire un congegno costruito dallo stesso uomo che aveva dato avvio al progetto Quinto Profeta, per lui è stata la conferma della storia della donna che era andata da lui.
Ma qualunque cosa fosse, spiega Vaughn, suo padre voleva starne lontano, scappò e cambiò la sua identità e quella del figlio che aveva 18 mesi.
Syd e Michael sono in quel edificio per incontrare un uomo di nome Leheman che lui e Renée hanno cercato per anni perché pensano lavorasse con i loro padri; Vaughn spiega a Syd che la donna che ha lavorato con lui è Renée Rienne. Ad un tratto l’ascensore si ferma e inverte la marcia; si aprono le porte e Vaughn e Sydney devono fare vedere l’orologio del padre di lui per poter incontrare Leheman.
Nel frattempo all’APO Dean mette sotto pressione Jack e gli dice che qualificherà Vaughn come latitante e sua figlia Syd come complice.

Marshall va da Jack e gli spiega che ha criptato i file che ha dato a Dean in modo che non riesca ad avere accesso ai dati e Jack gli chiede gli originali.
Intanto Vaughn vuole sapere da Leheman del Quinto Profeta così lui gli racconta che mentre lavorava per il Pentagono, nel 1972, fu reclutato da una fondazione privata insieme ad altri scienziati; è proprio li che conobbe il padre di Vaughn. Coloro per cui lavoravano avevano dato loro la pagina di un libro chiamato “Profeta Quinto”, un testo del quindicesimo secolo scritto in un codice inviolabile. Dopo anni riuscirono a decifrare ciò che la pagina conteneva: parlava di proteine, amminoacidi, nuclotidi, sembrava genetica avanzata 500 anni prima del tempo.
Poco dopo la consegna del loro rapporto Mischeau lo contattò e gli disse che tutti gli scienziati coinvolti nel progetto stavano morendo uno dopo l’altro; lui allora decise di cambiare nome e di scappare.
Leheman vuole che Vaughn recuperi per lui il libro “Quinto Profeta”.
Micahel e Sydney vanno a Città del Capo, si imbucano ad una festa e con un diversivo riescono introdursi in casa in cerca della cassaforte. Syd scopre però che la scatola di derivazione è modificata e chiama Dixon che si fida di lei e la aiuta; intanto Vaughn incontra la figlia del proprietario della villa, ubriaca, che lo scambia per la nuova leva di suo padre (un certo Walter) e gli fa delle avances che lui rifiuta; la ragazzina se ne va scocciata, Michael riesce ad aprire la cassaforte, prende il libro ma la ragazzina ritorna e fa suonare l’allarme anti-intrusione.
Syd e Vaughn scappano dalla villa; mentre Sydney corre le suona il cellulare: è il dottore che l’aveva sottoposta agli esami dopo l’incidente e che le deve dire una cosa importante.
Sydney e Michael si ritrovano vicino alla scogliera, lei chiude la telefonata e prima di buttarsi con lui gli dice che aspetta un bambino.

Intanto Jack Bristow va a trovare Arvin Sloane che è detenuto; Arvin chiede a Jack notizie di sua figlia Nadia che però è sempre in coma e preme perché lo rilascino (dato che non l’hanno accusato di nulla) perché deve trovare una cura per sua figlia dato che è colpa sua se è in queste condizioni.
Jack gli dice che è li per chiederli se sa di tre viaggi di Vaughn a Marsiglia non registrati negli ultimi 12 mesi, mentre lui era a capo dell’APO; Arvin gli risponde che non ne sa niente ma che i movimenti di Vaughn coincidono con quelli di Renée Rienne (chiamata Il Corvo), ricercata per alcuni omicidi.
Nel frattempo Dean riesce, grazie ad una sua collaboratrice, a decriptare il file di Vaughn e scopre che uno dei suoi alias ha varcato la frontiera italiana la sera prima.
Intanto Syd e Vaughn sono in macchina nei pressi di una stazione in Italia per incontrare Leheman; parlano della gravidanza di Sid e Michael le dice che in verità non vorrebbe il bambino per quello che fanno e che vedono ogni giorno, però poi le dice che guardandola riesce a pensare solo a come sarà loro figlio e non vede l’ora di conoscerlo.

Leheman arriva, Vaughn scende dalla macchina per fare lo scambio ma vengono circondati da alcune auto da cui scende Dean insieme all’uomo che aveva rapito Vaughn dopo l’incidente; uccidono Leheman e intanto Syd, sentendo gli spari, corre verso di loro ma passa un treno che le copre la visuale; sparano anche a Vaughn che si accascia al suolo.
Dean recupera il libro e se ne va.
Michael viene portato in ospedale e viene operato.

Arriva anche Jack che rimprovera Syd dicendole che è stata sconsiderata ad appoggiare Vaughn, però lei gli spiega che aspettano un bambino; esce il dottore dalla sala operatoria e spiega che il danno provocato agli organi è significativo e che Vaughn è in rianimazione; Jack da a Syd tutto il suo appoggio e poi riceve una telefonata da Dixon che gli spiega che ha scoperto che Gordon Dean non è più nelle indagini speciali da due anni ed è dato per morto.
Syd va da Michael che si è svegliato e discutono sui nomi da dare a loro figlio: Syd propone Owen ma Vaughn risponde che sembra il nome di un criceto; allora lei propone Clementine ma Michael ribatte che è un frutto e anche una canzonetta; Sydney riprova con Isabel e a tutti e due sembra che Isabel Bristow Vaughn suoni bene. Vaughn è stanco e si assopisce; poco dopo però ha una crisi cardiaca; i dottori cercano di rianimarlo ma muore sotto gli occhi di Syd.

Al funerale la bara di Michael viene portata a spalla da tutti i suoi colleghi e amici mentre Syd rimane in disparte e guarda a lungo suo padre.


Curiosità :
Primo episodio della quinta stagione.
Greg Grunberg e Mia Maestro sono stati rimossi dai credits mentre Rachel Nichols, Elodie Bouchez e Balthazar Getty sono stati aggiunti.
Nonostante accreditato, Balthazar Getty non appare nell'episodio.



Episodio 05.02 - 90
Titolo Originale : ...1...
Titolo Italiano : 1

trasmesso in USA il :6 ottobre 2005
trasmesso in Italia il :12 luglio 2006


Scritto da : J.R. Orci
Diretto da :Frederick E.O. Toye


Guest Stars: Marsh Mokhtari (Technician #2), Larry Cedar (Heinrich Roemer), Amanda Foreman (Carrie), David Marshall Grant (Curtis), Kathe E. Mazur (Doctor Lynn), Kevin Cooney (Ahern), David Pressman (I) (Walsh), Christian Gill (Lars)



Riassunto a cura di Sara G.:
Quattro mesi dopo la morte di Vaughn, Syd si trova a Londra in un pub e si rivolge alla barista dicendole che non è stato facile trovarla; la ragazza cerca di respingere Syd ma quando lei le dice che devono parlare di Vaughn e la chiama Renée si convince a darle retta; Syd le spiega chi è e le dice che sa tutta la storia. Reneè le spiega che lei lavora li perché i proprietari di quel pub sono gli uomini che hanno ucciso Michael e che ha intenzione di accedere al centro operativo che si trova sul retro del locale ma teme che la sua copertura sia saltata; inoltre dice a Syd che se ne deve andare ma lei insiste per partecipare.

Si recano sul retro ma vengono fermate da una guardia; comunque riescono ad entrare e ad accadere ai computer ma mentre cercano di copiare i dati questi si distruggono; prima di scappare però Sydney riesce a recuperare il disco fisso.
Syd vuole portare all’APO quello che hanno recuperato ma Renée non si fida; alla fine Syd la convince e le da un cellulare sicuro con cui contattarsi.
Tornata dalla missione Sydney si trova nello studio della sua ginecologa per fare l’ecografia, e in questa occasione, in cui vede per la prima volta il cuore del suo bambino battere, è completamente sola.

Nel frattempo all’APO scoprono che è stato Ivan Curtis ad uccidere Vaughn. Secondo Jack Bristow Dean e Curtis sono coinvolti in qualcosa di molto grosso ma, lavorando da 30 anni e non essendo mai stati scoperti, devono essere protetti da qualcuno in alto.
Jack poi annuncia che deve partire per Washington per reclutare un nuovo agente anche se Dixon non è d’accordo e non vede la necessità di introdurre una nuova persona nel gruppo.
Marshall scopre, grazie ad un video della sorveglianza recuperato da Syd da una fonte sconosciuta al gruppo, che Curtis è stato visto a Londra; ancora grazie alla registrazione riescono a rintracciare una telefonata che Curtis fa a Enrich Rumer (trafficante d’armi) in cui sollecita la consegna del suo ordine da 25 kg.

Sydney si reca allora da Arvin Sloane in prigione per chiedergli come si possa rintracciare Rumer dato che in passato Arvin aveva lavorato con lui; gli spiega che Curtis ha in programma un incontro con lui e quindi devono cercare di rintracciare la sua base operativa ed entrarci.
Sloane aiuta Syd; lei, Weiss e Dixon vanno ad Amsterdam e per contattare Rumer devono fingere di volere fare affari con lui; una volta dentro, mentre trattano, applicano un diversivo; Dixon riesce ad entrare nel circuito chiuso di tutte le telecamere e attraverso di esse Sydney riesce a vedere l’imminente arrivo di Curtis inatteso sia da Rumer sia da Dixon e Weiss.
Rumer lo incontra ma dopo avergli consegnato 25 kg di Nuridium viene ucciso dagli uomini di Curtis. Lo sparo allerta la sorveglianza, Curtis scappa ma trova ad aspettarlo in macchina Sydney; lei cerca di strappargli qualche informazione, soprattutto dove si trova Gordon Dean, ma Curtis non dice una parola neanche quando Sydney gli dice che ha ammazzato il padre di suo figlio.
Intanto Marshall scopre che il lotto di Nuridium confiscato a Curtis è una parte di quello rubato in Russia e probabilmente lui è già in possesso della rimanenza.
Weiss e Dixon spiegano a Syd che vogliono rilasciare Curtis ( inscenando una sua fuga) dopo avergli fatto inghiottire un tracciante, in modo che egli li porti al resto del Nuridium e ad una probabile bomba; Syd non è d’accordo ma poi decidono di agire in questo modo.
Mentre aspettano che il tracciante entri in circolo nell’organismo di Curtis, Weiss dice a Sydney che ha avuto una promozione e che dovrà trasferirsi a Washington per coordinare operazione segrete al CSN; Sydney ha un momento di esitazione perché si accorge che Weiss è uno dei pochi amici rimasti ma si dice felice per lui.

Nel frattempo Jack valuta la possibilità di reclutare un agente a detta degli altri un po’ ingestibile; lo cerca e lo trova in un bar coinvolto in una rissa: il suo nome è Thomas Grace.
Dopo 2 ore e mezza il tracciante è in circolo nell’organismo di Curtis ma Syd non riesce a localizzarlo; scopre così che Curtis non è sulla terra ma è in volo su un aereo diretto a Pyong-Yang e che trasporta Nuridium.

Intanto un aereo con a bordo Dixon, Sydney e Weiss affianca quello su cui viaggia Curtis; riescono a salire a bordo e, mentre Dixon e Weiss affrontano gli uomini di Curtis, Syd con l’aiuto di Marshall via radio, cerca di disinnescare la bomba che però si rivela non essere tale; il Nuridium infatti è collegato ad un contenitore con all’interno una persona e con un monitor che controlla i battiti cardiaci di questa. Mentre cerca di capire di che cosa si tratta Syd viene fermata da Curtis che però, messo alle strette da lei, piuttosto che rivelarle qualcosa si uccide buttandosi dall’aereo.
Finita la missione, all’ABO Jack spiega alla sua squadra che il Nuridium viene utilizzato per dare energia ad una speciale camera criogena che conserva il corpo della persona al suo interno, probabilmente morta di una malattia incurabile, finchè non verrà trovata una cura per il male che l’ha colpita; il corpo è ancora senza nome ed è custodito nei laboratori del DRS in attesa di analisi mediche.

Terminato il briefing Syd si trova da sola con il padre e si foga raccontandogli la sua angoscia nel vivere senza Vaughn e la sua impossibilità ad andare avanti; inoltre gli racconta che qualche giorno prima, quando era a fare l’ecografia, era sola mentre avrebbe dovuto esserci con lei Michael; suo padre le promette che la prossima volta la accompagnerà lui.

All’APO arriva la nuova recluta che si accomoda alla scrivania di Vaughn; Weiss lo vede e lo convince a spostarsi e a prendere il suo posto.
Weiss e Syd si salutano ma arriva Dixon e dice loro che il corpo che avevano recuperato è stato rubato dai laboratori del DRS.

Sydney chiama Renée Rienne e le dice che il corpo è sparito; Renée risponde che chiederà in giro per scoprire qualcosa di utile ma nel frattempo si allarga l’inquadratura e si vede che vicino a lei c’è la camera criogenia; in quel momento lo schermo che indica il battito cardiaco del corpo segnala che c’è vita e la mano della persona che c’è all’interno si muove.


Curiosità :
Michael Vartan è rimosso dai credits.
La sigla, dopo quella delle prime tre stagioni e quella della quarta, cambia ancora una volta.




Episodio 05.03 - 91
Titolo Originale : The Shed
Titolo Italiano : La scala

trasmesso in USA il :13 ottobre 2005
trasmesso in Italia il :12 luglio 2006


Scritto da : Breen Frazier
Diretto da :Tucker Gates


Guest Stars: Tyrees Allen (Gordon Dean), Amy Acker (Kelly Peyton), Ondrej Habinak (Russian officer), Dan Koz (baseball cap), David Pressman (Walsh), Jack Laufer (Alexander Dolzhenko), Alex Demir (guard), Hrach Titizian (lead scientist)



Riassunto a cura di Sara G.:
La puntata si apre a Istanbul dove in un laboratorio alcuni ricercatori lavorano con sostanze tossiche.
Una donna riesce a introdursi nell’area di ricerca e a rubare una fiala uccidendo gli scienziati.

Nel frattempo Syd si trova a casa sua, a Venice, e controllando la posta, si accorge che la rivista di Vaughn “Hockey trends” arriva ancora intestata a lui e allora decide di disdire l’abbonamento per telefono ma resiste alla tentazione di buttare la rivista e la conserva in un cassetto.

All’APO intanto Marshall viene a conoscenza del furto nel laboratorio di ricerca a Istanbul; ciò che è stato trafugato è un gas nervino chiamato Sostanza 33, sviluppato dai russi durante la guerra fredda. Marshall inoltre capisce che la donna che l’ha rubato è alle dipendenze di Dean perché è stata aiutata nella sua impresa da un hacker che lavorava con lo stesso computer che ha violato l’ASN qualche mese prima per ordine di Dean; Marshall rintraccia il computer a Praga e Jack manda Syd, Marshall e Tom Grace in missione proprio li per cercare di rintracciare il pc; non devono però rivelare la loro presenza che potrebbe mettere in allarme Dean e la sua organizzazione.
Sydney, però, non è convinta di Grace e non vorrebbe andare in missione con lui, ma preferirebbe Dixon che però è impegnato con Arvin Sloane: deve infatti scortarlo avendo ottenuto un rilascio temporaneo di 3 giorni per incontrare un suo contatto in Russia.
Syd ha però letto il file di Tom Grace e ribadisce a suo padre che non vuole andare in missione con lui:come si legge nel fascicolo infatti, Grace ha rifiutato negli ultimi anni operazioni in squadra preferendo lunghe missioni da infiltrato.

Nel frattempo Dixon parla con Sloane e si fa raccontare del suo contatto russo: si chiama Dolscenko; egli ha riferito ad Arvin che dopo l’incidente di Sovodka si pensava fossero stati uccisi tutti gli infetti, ma probabilmente alcuni sono stati tenuti in vita e studiati per trovare una cura; Dolscenko trafugherebbe il vaccino per Sloane in cambio di 300.000 dollari.
Intanto Grace, Syd e Marshall si recano a Praga, sì appostano fuori da un internet point dove pensano si trovi l’hacker di Dean; Marshall applica dietro una scatola di mentine un micro processore che clona l’hard-disk e che deve esse posizionato nelle vicinanze del computer; c’è un momento di indecisione nel decidere quale dei due agenti operativi debba andare ma poi si decide per Syd perché parla il cieco. L’hacker che individuano non però quello giusto ma c’è qualcun altro che sta sfruttando la connessione attraverso un palmare o un cellulare; Sydney individua una ragazza bionda che sta uscendo dal locale e sale su una Mini. Grace agisce di testa sua: parte all’inseguimento della ragazza e la blocca.

Nel frattempo a Omsk Sloane e Dixon aspettano Dolscenko che però dopo mezz’ora di ritardo chiama Arvin e gli da appuntamento da un’altra parte senza Marcus; Dixon decide di fidarsi e lo lascia solo.
Syd vuole fare qualche domanda alla ragazza e la sottopone anche ad un controllo dello stress vocale; lei appare confusa e si scopre che il suo nome è Rachel Gibson e si ostina a dire di essere una studentessa di architettura, Grace si accorge che la ragazza continua a muovere nervosamente l’orologio che ha al polso; glielo toglie e scopre che è un trasmettitore di Sos ; infatti Rachel continua a ripetere che da li a poco arriveranno agenti americani a recuperarla in quanto dice di essere un’agente operativo della CIA; Syd le risponde che loro sono la CIA ma Rachel ribatte che lei fa parte di una divisione occulta. Marshall li informa che dall’analizzatore vocale di stress sembra che Rachel dica la verità

A questo punto a Sydney viene il dubbio che la Gibson sia stata ingannata come è successo a lei; Syd racconta la sua storia a Rachel che coincide con quella della ragazza; vuole convincerla che l’hanno ingannata, che le hanno mentito e dice a Rachel che può provarlo. La trasmittente cha la Gibson aveva addosso dovrebbe trasmettere il segnale a Langley ( quartier generale della CIA) ma con un programma tracciante scoprono che non è così, ma che il segnale va a Praga, in un palazzo dove, dice Rachel, si trovano gli uffici provvisori dell’organizzazione di Dean.
Jack decide di avvalersi dell’aiuto di Rachel per carpire informazioni a Gordon Dean sull’organizzazione e per capire quando avverrà lo scambio della Sostanza 33; la Gibson deve fare finta di non sapere nulla e cercare di copiare dalla sua postazione la chiave del codice e di aprire una porta di accesso remoto al server di Dean aspettando poi che Marshall riesca a scaricare tutti i dati.
Nel frattempo Sloane si trova con Dolscenko che però gli tende una trappola; Dolscenko prende i soldi ma invece di consegnare ad Arvin la cura vuole vendicarsi perchè sua figlia era a Sovodka al momento dell’incidente ed è stata infettata dal virus; lo vuole uccidere ma Sloane lo convince .a lasciar perdere.

Rachel intanto ritorna al lavoro; si mette alla sua postazione e incomincia a copiare la chiave del codice; quando ha concluso prende l’ascensore per incontrare Syd in strada ma viene fermata dalla collega Peyton che scende con lei; la Gibson e Sydney riescono comunque a fare lo scambio grazie anche a Grace che distrae Peyton. La collega di Rachel però sospetta qualcosa e lo riferisce a Dean. Intanto Marshall accede al server di Dean e scopre che la Sostanza 33 verrà spedita la sera stessa a Budapest.

Nel frattempo Peyton e Dean controllano il computer di Rachel e scoprono la sua intrusione nel disco fisso; decidono di innescare una bomba per distruggere l’ufficio ed ogni prova della loro organizzazione. Sydney, Tom e Marshall si accorgono dell’esplosione imminente perchè le comunicazioni radio si interrompono; Tom Grace cerca di andare a recuperare Rachel ma non arriva in tempo e la bomba scoppia. Mentre accorre anche Syd, Tom trova la Gibson sotto le macerie, svenuta e ferita ma viva.


Curiosità :
Prima apparizione di Amy Acker nella serie, che diventa guest star ricorrente della stagione nel ruolo di Kelly Peyton. Lattrice è meglio conosciuta come Fred/Illyria di Angel, lo spin off di Buffy. Una curiosità: Amy aveva sostenuto in precedenza il provino per ottenre la parte di Nadia, ma aveva avuto la meglio Mia Maestro.




Episodio 05.04 - 92
Titolo Originale : Mockingbird
Titolo Italiano : Penelope

trasmesso in USA il :20 ottobre 2005
trasmesso in Italia il :19 luglio 2006


Scritto da : Drew Goddard
Diretto da :Frederick E.O. Toye


Guest Stars: Tyrees Allen (Gordon Dean), Amy Acker (Kelly Peyton), Joel Bissonnette (Keach), Benjamin Mouton (Croupier), Christopher Fairbanks (pit boss), Stephen Spinella (Harkin), David Pressman (I) (Walsh), Rowena King (Pierpont)



Riassunto a cura di Sara G.:
Siamo a Montecarlo; a bordo di una Jaguar arriva Sydney che si ferma, scende e consegna la macchina a Grace, che si finge parcheggiatore del casinò dove lei sta entrando; Syd indossa una parrucca castano- rosso e un cappotto azzurro, si dirige al tavolo da gioco, scambia parecchie migliaia di euro in fiches e incomincia a giocare; per portarsi fortuna continua a passare i dadi, che poi dovrà tirare, sul seno e sulla pancia. Intanto Tom parcheggia la macchina nei sotterranei e riesce ad entrare nel casinò.

Nel frattempo al tavolo da gioco Dixon, che si trova di fronte a Syd, la insulta dicendole che una donna nel suo stato dovrebbe stare a casa e non al casinò, e scommette contro di lei; Sydney vince e se ne va mentre le guardie si accorgono che sta barando.
Grace intanto continua a darsi da fare nel sotterraneo e tira fuori qualcosa dal bagagliaio della macchina.

Sydney viene fermata e scortata nel retro dove viene fatta sedere; le si rimprovera di sfruttare il fatto che è incinta e suo figlio per truffare e non destare sospetti, lei risponde che non è come le altre mamme e spara dei narcotizzanti al direttore del casinò e alle guardie.
Esce dalla stanza e cerca il caveu; una volta trovato Syd fa un buco nel vetro che lo protegge e chiama via radio Tom ( che si fa chiamare Serpente); lui le spiega che ha bisogno ancora di un po’ di tempo.
Syd riesce ad entrare e cerca una cassetta di sicurezza; intanto dice a Grace che le serve il codice; lui è pronto: ce l’ha scritto su un quotidiano (probabilmente “Le Monde”) che tiene in mano e glielo detta; Sydney lo digita sulla tastiera della cassetta di sicurezza, che si apre e, dopo aver ritirato il pacco, se ne va.

Grace intanto va alla macchina, chiude qualcosa nel bagagliaio e la riporta a Syd che sta uscendo dal casinò; si scambiano l’auto e una volta a bordo Sydney si toglie la parrucca.
Nel frattempo Jack all’APO riceve la telefonata di Syd (che si fa chiamare come sempre Fenice) che lo informa che la missione si è conclusa bene con l’unica eccezione di aver perso 900.000 dollari al gioco e gli dice che si avvicina all’imbarco. Una volta riattaccato con suo padre, Sydney viene fermata da un poliziotto, mentre si nota che dietro di lei si mette i coda un camion; scende un grosso magnete attaccato ad una gru che solleva la macchina di Syd a circa 60 metri dal suolo; lei è spaventata, il suo cellulare suona: è Gordon Dean che le dice che Syd ha qualcosa che le appartiene, le dice che rivuole Penelope; Sydney dice di non capire, di non sapere assolutamente chi sia Penelope ma Gordon Dean le dice che deve essere consegnata entro 1 ora a lui altrimenti la macchina verrà fatta schiantare a terra.

C’è un flash-back: 72 ore prima Rachel, che si trova negli uffici dell’APO, viene raggiunta da Syd con un panino e un bicchiere d’acqua; le consiglia di riposarsi un attimo, di lasciare stare i rapporti che sta scrivendo e di mangiare qualcosa; la Gibson si rifiuta dicendole che in questi giorni le è crollato il mondo addosso, che quello che le sembrava essere un lavoro onesto si è rivelato solo un inganno che ha contribuito ad uccidere delle persone, che quello che credeva essere il suo capo è un criminale e che i suoi colleghi sono morti per colpa sua; Syd le dice che l’esplosione non è stata colpa sua ma di Gordon Dean: è stato lui ad innescare la bomba; Rachel insiste nel finire i suoi rapporti dicendo tutto ciò che sa perché prima terminerà, prima tutto sarà finito. Sydney le dice che non deve chiamarla agente Bristow, ma Syd e che le informazione che lei fornirà all’APO saranno preziosissime perché aiuteranno a prendere i responsabili di quello che è successo; Rachel dice che è appunto per questo che deve andare avanti. Sydney vuole spiegazioni su un nome che appare spesso nei suoi resoconti ma che non riesce a collegare a nessuno in particolare: questo nome è Penelope; Rachel le dice che è un abitudine scrivere quel nome, che Panelope è lei, è il suo nome in codice.

Nel frattempo Dean parla con una persona seduta davanti a lui, nel suo ufficio, dicendogli che ha una missione adatta alle sue capacità; discutono di approccio ad una persona nota e Dean dice a questo agente che ha a disposizione tutte le risorse di cui dispongono. Lui gli dice che lo terrà informato.
Peyton va da Dean e gli spiega che ha bisogno di soldi, che gli uffici satellite di Cleveland, Seattle e Chicago sono stati abbandonati e che a Saint Lewis hanno battuto la CIA solo di 1 ora e che questa non ha trovato niente. Peyton gli porge il computer perché ha i trasferimenti fondi pronti per tutte le strutture e serve solo il suo codice per il benestare; Dean lo digita nascondendolo a Peyton che gli da del paranoico, ma lui gli risponde che è per questo che ancora li.

All’APO intanto Marshall riesce a rintracciare Dean attraverso i movimenti bancari; Dean ha consolidato tutti i fondi e li ha depositati in un unico conto chiamato 17\10; Rachel dice che è stata lei a crearlo (il 17\10 è il suo compleanno) e che è il conto protetto alle isole Cayman.
Syd propone di togliere il denaro all’organizzazione di Dean in modo da fermare anche lui ma Rachel risponde che hanno a che fare con un conto trabocchetto che non si pirata, ma per accedervi bisogna trovarsi all’interno della banca. Per accedere al conto bisogna saper rispondere a delle domande pre-ordinate da Dean nel suo protocollo che si trova però nel server andato distrutto a Praga e probabilmente era anche l’unica copia esistente.
Syd però spiega a Rachel che non tutto è andato distrutto; che le autorità ceche hanno iniziato a indagare sull’esplosione e mostra a Rachel l’inventario della scena del crimine: hanno già catalogato diversi server br-46; le spiega che Marshall sarebbe in grado di recuperare i dati e quindi di recuperare anche la lista di domande ma le autorità non consegneranno i server fino a fine indagini. Syd deve tornare a Praga e dice a Rachel che deve andare anche lei; la Gibson però non vuole, è spaventata, non vuole frugare nell’edificio in cui sono morti tutti i suoi colleghi per colpa sua ma Syd le dice che non glielo chiederebbe se ci fosse un altro modo per agire e che deve tornare in quel palazzo per forza.

Intanto inizia il processo ad Arvin Sloane: il magistrato assegnato al suo caso gli ricorda che non ha diritto ad un legale. La commissione ha riesaminato il suo caso e il dipartimento di giustizia vaglierà l’opinione della commissione per il verdetto. Prima di decidere però il magistrato vuole fare a Sloane alcune domande; gli chiede quali erano i termini dell’accordo d’indulto che ha firmato circa un anno prima con il dipartimento di giustizia e Arvin risponde che era suo compito supervisionare una divisione occulta della CIA e per fare questo ha ottenuto in cambio il condono dei suoi crimini; il magistrato gli legge la scheda con i crimini che ha commesso e si chiede come si possa giustificare un indulto che le restituisca la libertà; Sloane risponde che dal fascicolo si nota come tutte le accuse a suo carico siano state studiate scrupolosamente prima di essere archiviate e che quindi il magistrato dovrà chiedere al dipartimento di giustizia per ottenere risposta alla domanda; il magistrato ribatte che trovandosi li, faccia a faccia, possono chiarire queste cose adesso.
Nel frattempo Dixon e Grace si trovano alle isole Cayman e aspettano l’emissario della banca per le tre; devono pazientare e aspettare che Syd, che si trova già a Praga, esamini la scena del crimine e trovi quello che serve. Dixon spiega a Grace che incontreranno l’emissario sulla spiaggia perchè li scorterà da li alla sede segreta della banca; intanto si siedono sotto un ombrellone e aspettano.

Nel frattempo a Praga, Syd e Rachel entrano nell’edificio dove si trovava l’ufficio di Dean ma la Gibson esita, convinta però da Syd che le spiega che la loro parte è facile: devono solo trovare il protocollo e trasmetterlo a Dixon e Tom. Syd le spiega che il modo migliore per affrontare queste situazioni difficili è diventare qualcun altro: da questo momento non sono Sydney Bristow e Rachel Gibson ma fanno parte dell’Intelligence Ceca Anti-terrorismo; niente può sconvolgerle.
Quando entrano Rachel si impone di restare calma e di pensare di essere qualcun altro che vive queste cose ogni giorno; riesce a concentrarsi e, immaginandosi l’ufficio quando ancora ci lavorava, guida Syd verso il cumulo di macerie dove una volta si trovava il server.
Intanto Dixon e Grace vengono raggiunti dall’emissario della banca che si presenta in anticipo.
Marcus chiama Syd, mentre Rachel trova il server, e le fa capire che hanno meno tempo del previsto per trovare il protocollo e le risposte alle domande.
Una volta aperto il server Rachel si accorge che ci sono attaccati dei brandelli di carne umana, Syd si rende conto che la Gibson viene colta dal panico e le dice di lasciare stare, che ci avrebbe pensato lei. Rachel vuole uscire ma Syd la persuade a restare dato che le deve dire che cosa deve fare; Syd deve recuperare nel server il quinto hard drive da sopra e nel frattempo lei deve preparare il computer per leggere i dati contenuti in esso.

Tom e Marcus intanto entrano nella banca che si trova in un tendone in spiaggia; si siedono mentre due guardie puntano loro delle pistole alla testa.
Syd recupera l’hard drive e lo passa a Rachel che lo collega ( anche se è un po’ riluttante);
intanto l’emissario della Cayman Trust inizia con alcune domande prese a caso tra le 300 possibili, Dixon cerca di prendere tempo e riferisce la domanda Syd che gli comunica la risposta, continuano così fino a che, ad una domanda, Rachel non trova risposta perché i dati sono danneggiati; Dixon e Grace prendono tempo mentre la Gibson si ricorda che la domanda in questione era una frase che Dean ripeteva qualche volta; si concentra e si ricorda la risposta che per fortuna è quella giusta: Marcus e Tom hanno accesso ai fondi.
Rachel e Syd escono dall’edificio.

Intanto Peyton si accorge che il conto 17\10 è stato prosciugato, lo dice a Dean che pensa che l’unica capace di fare una cosa del genere è Rachel Gibson e così capiscono che è ancora viva e che la CIA la tiene in custodia.

Nel frattempo Sloan, al suo processo, racconta della Omnifarm, cioè dell’associazione benefica dedita a cause umanitarie in tutto il mondo che ha diretto per un anno, ma il magistrato lo accusa di averla usata come copertura per un progetto di ingegneria genetica che ha quasi causato un genocidio globale; Arvin controbatte spiegando che per anni il suo scopo nella vita era stato quello di perseguire il dominio, che di certo non tenta di negare i suoi misfatti ma il governo ha condonato le sue azioni; adesso, spiega, è ravveduto perchè 2 anni fa ha saputo di avere una figlia e da allora la sua vita è cambiata. Dal quel momento ha voluto impiegare ogni istante della sua vita per scontare le sue colpe. Il magistrato comunque è scettico e le risponde dicendogli che 4 mesi fa ha tradito la sua agenzia partecipando ad un complotto che ha causato la morte di migliaia di persone a Sovodka, ma Sloane ribatte che non ha tradito la sua agenzia ma che ha dovuto agire così per dimostrare la sua credibilità a Elena Derevko; questo, dice, è provato dalla testimonianza degli agenti coinvolti nella missione. Il magistrato però, non crede alle sue giustificazioni come hanno fatto i suoi colleghi e lo mette al corrente del fatto che il procedimento in atto è una pura formalità e che alla fine dovrà scontare le sue colpe.
Jack, che era con Sloane in aula, lo raggiunge una volta riportato in cella; gli spiega che la migliore delle ipotesi è che tutto avvenga rapidamente e si concluda con un trasferimento in un penitenziario federale ma, se andrà così, Sloane non avrà tempo di sistemare quello a cui sta lavorando e quindi di trovare una cura per Nadia. Arvin dice a Jack che darà a lui la procura legale per Nadia e che spera che farà di tutto per salvarla come se fosse sua figlia; Jack le da la sua parola.
Intano all’APO Dixon spiega alla task-force che la missione alle Cayman è stata un successo e che quindi Dean ha paura perché si stanno avvicinando sempre di più alla sua organizzazione; infatti Echelon ha intercettato una chiamata che Dean ha fatto a Muroe, un socio in affari che Gibson ha segnalato nel suo rapporto; nella chiamata Muroe riprende Dean che ha perso tutti fondi ma lui gli risponde che è solo un intoppo e che si continua come previsto; Dean chiede a Muroe dove ha portato i suoi archivi e lui gli risponde che sono al sicuro in un casinò a Montecarlo; Jack pensa che si a importante che l’APO recuperi gli archivi per prima.

Intanto Arvin Sloane, in cella, sta scrivendo una lettera a Nadia, quando riceve una visita: questa persona ( le stessa reclutata da Dean) gli offre l’aiuto di coloro per cui lavora, che hanno il potere di influenzare la decisone del comitato su Sloane, naturalmente in cambio di qualcosa.
All’APO si pianifica la missione a Monte Carlo: l’agente Grace deve inserirsi nella rete a fibre ottiche da una cabina di manutenzione nel parcheggio; intanto Marshall elabora dei dadi truccati che serviranno a Sydney. La cassette di sicurezza però hanno un fermo elettromagnetico che sembra impossibile da escludere; a questo punto interviene Rachel che si offre di farlo decifrando gli algoritmi; per riuscirci però deve trovarsi all’interno dell’edificio e quindi decide di andare anche lei in missione.
A Monte Carlo si rivedono le sequenze che abbiamo visto ad inizio episodio, solo che questa volta è svelata la presenza di Rachel, nascosta nel bagagliaio dell’auto di Sydney.
Ci ritroviamo quindi con Syd in macchina sospesa a 60 metri da terra, al telefono con Dean e con Rachel chiusa nel bagagliaio.
Dean ribadisce a Syd che se non consegneranno Penelope alla stazione ferroviaria della Trentesima Strada entro mezz’ora la macchina verrà fatta schiantare a terra; Syd chiama suo padre e gli riferisce tutto.

Jack manda Dixon e Grace a recuperare Syd; entrano nella cabina di comando della gru ma vengono scoperti da una videocamera posizionata sopra i comandi; Dean allora lascia cadere la macchina di Syd per qualche metro e una volta fermata la richiama: le dice di far allontanare gli agenti e vuole che Penelope lo chiami per confermargli che sta arrivando alla stazione. Rachel inizialmente si rifiuta di chiamare Dean ma poi Syd la convince; mentre è al cellulare però suona la sirena di una nave così che Dean capisce che anche Rachel si trova sulla macchina con Syd. Sydney incita Rachel a sfondare il sedile a calci in modo da raggiungerla; con il piede di porco che si trova nel baule rompe il vetro davanti a lei e si attacca al magnete, con Rachel appesa alle sue gambe, poco prima che Dean faccia schiantare l’auto a terra.

Intanto continua il processo a Sloane con la lettura del verdetto: al di la delle aspettative di Jack, presente alla lettura, Arvin viene rilasciato.
Di ritorno dalla missione a Monte Carlo, sull’aereo, Rachel appare tesa mentre tutti dormono; Syd le spiega che dovrà stare in custodia fin a quando non saranno sicuri che è fuori pericolo, fino a quando non prenderanno Dean che la ritiene una minaccia; ma purtroppo non finirà con lui perché Rachel non sarà mai al sicuro fino al momento in cui non li prenderanno tutti, nessuno escluso; mentre Syd spiega queste cose a Rachel si vede Arvin Sloane che esce dal tribunale incrociando la persona che l’ha contattato offrendogli l’aiuto dei suoi capi.


Curiosità :
Nonostante sia accreditata, Elodie Bouchez non compare nell'episodio.




Episodio 05.05 - 93
Titolo Originale : Out of the box
Titolo Italiano : Allo scoperto

trasmesso in USA il :27 ottobre 2005
trasmesso in Italia il :19 luglio 2006


Scritto da : Jesse Alexander
Diretto da :Jay Torres


Guest Stars: Tyrees Allen (Gordon Dean), Jennifer Hetrick (Senator Lewis), Joel Bissonnette (Keach), Annie Quinn (Daughter), Patrick Bauchau (Luc), Sean Smith (storage manager), Patrick Gorman (flashback Desantis), Balthazar Getty (Thomas Grace), Ashlyn Sanchez (Young Renee)



Riassunto a cura di Sara G.:
L’episodio si apre in Germania a Francoforte, in un deposito dell’esercito americano. Una persona con il volto coperto riesce ad entrare nell’edificio e a rubare qualcosa custodito in un armadio di medicinali; fugge e una volta all’esterno toglie il passamontagna svelando la sua identità: è Renée Rienne.

Intanto Syd, a casa sua, sta facendo yoga e si scopre che ha ospitato Rachel. Lei si è appena svegliata e chiede a Syd se va tutto bene; lei le risponde di si e che crede che il suo bambino sarà cintura nera di Karaté; poi si fa aiutare da Rachel per alzarsi da terra. Le due colleghe si confidano e Syd dice a Rachel che è emozionata ma anche terrorizzata all’idea di avere questo bambino perché sa che cambierà la sua vita per sempre e inoltre lei non ha idea di come si faccia il genitore, soprattutto da sola; inoltre invita Rachel a restare a casa sua quanto vuole così si sosterranno a vicenda e la ragazza le dice che secondo lei sarà una grande mamma.

Nel frattempo Jack incontra Arvin, che si gode la libertà e che gli chiede di farlo tornare all’APO con un ruolo subordinato; Jack rimarrebbe il direttore della task-force mentre Arvin metterà a disposizione i suoi contatti e allo stesso tempo potrà accedere alle risorse della CIA per trovare la giusta terapia per Nadia. Jack gli spiega che ha già fatto richiesta per un suo reinserimento e sta aspettando solo la risposta che non è ancora arrivata perché qualcuno sta interferendo.
Nel frattempo Renée ha tolto il corpo dalla camera criogenica e ne controlla le funzioni vitali.
All’APO si viene a scoprire dell’attacco al deposito americano a Francoforte, dove un incursore solitario ha rubato dell’atropina ZX che, come spiega Dixon,è uno stimolante sperimentale usato sul campo di battaglia per rianimare i soldati gravemente feriti; inoltre l’incursione ha sorprendenti similitudini con il furto del camera criogenica al DRS.

Intanto Tom Grace riesce ad avere i video della sorveglianza del deposito e scoprono che l’incursore è il Corvo ( Renée Rienne). Jack lo dice a Syd che crede che Renée avesse una ragione precisa per fare quello che ha fatto e suppone quindi che non abbia fiducia in lei. Dato che Vaughn si fidava della Rienne, Syd convince suo padre a non catturarla ma a mantenerla come alleata; così decide di incontrarla faccia a faccia per chiederle spiegazioni.
Jack chiede all’agente Grace di accompagnare Syd a Marsiglia, praticamente di farle da scorta anche se in veste ufficiosa.

A Marsiglia, Syd arriva a casa di Renée (in verità un capannone super sorvegliato); intanto la Rienne sta iniettando la ZX al corpo che ha rubato, Syd la chiama e le dice che devono parlare; lei però si è già accorta che sono li, arriva alle spalle e disarma Tom. Mentre Syd cerca di convincerla che non vogliono catturarla, Tom intravede una persona alla finestra, lo dice a Renée e lei corre a cercarla.
La persona fino ad allora addormentata, un uomo, punta un coltello alla gola di Renée e vuole sapere chi è; Renée ripete continuamente a Syd e Tom, che nel frattempo sono accorsi, di lasciarlo stare, che è innocuo, che non le farà del male e poi rivolgendosi all’uomo gli dice che lei è Renée, che è sua figlia.
Renée aggiorna suo padre, gli dice che sono nel 2006 e lui le spiga che sono passati 23 anni da quando l’hanno rinchiuso in quella camera; Syd approfitta per chiedergli se sa chi gli ha fatto questo e lui le risponde che è stato De Santis; si ricorda di essere stato catturato e torturato, ma del resto non ricorda nulla. Syd insiste e gli chiede se De Santis fa parte del Quinto Profeta, ma il papà di Renée incomincia a sanguinare dall’orecchio e ha delle convulsioni. Lo sedano e Syd chiede a Renée se sa perché era in quel congegno; lei le ribadisce di non sapere niente ma le spiega che doveva tirarlo fuori.
Intanto Sloane esce dall’ospedale dove è ricoverata Nadia e incontra il contatto tra lui e Dean; arriva una macchina, Arvin sale e all’interno trova proprio lui ad aspettarlo ( Sloane fino a quel momento non sapeva ancora che Dean ha partecipato al suo rilascio). Gordon Dean riferisce a Sloane che una persona ostacola il suo rientro nell’APO: questa è la senatrice Lewis (la direttrice del comitato dell’Intelligence), e gli dice che è compito suo persuadere la senatrice a vedere le cose dalla sua ottica.

A Marsiglia Tom telefona all’APO e gli spiega la situazione critica del papà di Renée ma non sapendo perché era all’interno della camera non possono aiutarlo; Dixon prova a chiamare il DRS per chiedere se hanno trovato qualcosa nel crio-contenitore che possa aiutarli. Tom spiega a Dixon che è stato fatto il nome di Aldo De Santis e Rachel racconta che conosce quel nome perché Dean le ha fatto trasferire alcuni suoi file dall’Università di Milano ad un deposito privato a San Francisco.
Jack dice a Tom che cercheranno di recuperare i file ma intanto loro da Marsiglia devono contattare un dottore che può recuperare il padre di Renée sotto falso nome e fargli un check up completo.
Tom lo dice a Reneè che non si fida ma Syd la convince; mentre Grace va a recuperare il furgone per trasportare il papà di Renée, salta la corrente e intravede un gruppo di uomini armati che fa irruzione nel deposito; cerca di chiamare Syd ma non riesce e allora decide di raggiungerla anche se si accorgono di lui.

Nel frattempo nel rifugio di Renée suona il telefono; una voce la mette al corrente del fatto che lei ha qualcosa che appartiene a loro e che ha venti minuti per consegnarlo.
Arriva Tom che mette al corrente le due ragazze della situazione; decidono di prepararsi ad uno scontro armato. Dagli schermi che trasmettono le immagini delle telecamera piazzate all’esterno si accorgono che chi li ha circondati sta cercando di far loro perdere i sensi immettendo gas nei condotti dell’aria; decidono quindi di isolarsi in camera da letto.
All’APO intanto Marshall parla con Rachel e si accorge che è molto in gamba; insieme devono piratare la rete del deposito di San Francisco per arrivare ai file di De Santis. Arrivati sul posto Mashall presenta Carlotta, un ragnetto meccanico che può fare fotografie strato per strato, come una TAC, in modo che si possano fotografare i file di De Santis senza toglierli dal contenitore in cui sono custoditi.
Rachele e Dixon entrano nel deposito facendo finta di essere interessati a lasciare in custodia un pezzo molto prezioso; riescono ad accedere alla stessa stanza in cui sono custoditi i file di De Santis e a lasciare la valigetta che nasconde al suo interno Carlotta.
Da un camioncino appostato all’esterno Marshall riesce a manovrare il ragnetto che trova i file e li fotografa.

Nel frattempo, a Marsiglia, Syd cerca di trovare una frequenza radio per trasmettere un SOS; Sydney chiede a Renée di raccontarle la verità, e soprattutto se sa perché vogliono suo padre: lei le spiega che quando era piccola era molto malata e la medicina che doveva prendere costava parecchio; suo papà, per riuscire a pagare la medicina, rispose ad un annuncio su un giornale e qualche giorno dopo tornò a casa con molti soldi ma terrorizzato; subito dopo fecero i bagagli: lui non le disse niente ma lei capì che suo padre fuggiva da qualcuno. Un giorno a Ginevra li trovarono: suo papà la nascose nell’armadio della stanza dove vivevano e le disse di non uscire da li qualsiasi cosa avesse visto o sentito. Renée vide suo padre che veniva sedato e portato via; scoprì in seguito che l’uomo che lo catturò era De Santis: agiva per vendicarsi del fatto che il papà di Renée gli avesse sottratto i suoi studi clinici per venderli. Renée pensò che suo padre fosse morto e, quando fu più grande, incominciò a indagare sul Quinto Profeta per vendicarsi.
Intanto l’agente Grace riesce a stordire una guardia e a prendere il suo posto; mascherato come loro si avvicina al deposito di gas e lo fa saltare.
Nel frattempo il papà di Renée si riprende, Tom torna e dice che a causa dell’esplosione chi li tiene in ostaggio si è arrabbiato ancora di più; la Rienne insieme a Tom decide di affrontarli lasciando Syd con suo padre.

In un palazzetto del ghiaccio Sloane osserva la senatrice Lewis che ammira sua figlia pattinare; non riuscendo a convincerla con le buone, cioè raccontandole di Nadia, la minaccia facendole vedere delle foto scattate alla figlia da molto vicino.
A Marsiglia i militari che tengono in ostaggio Syd, Tom, Renée e suo padre se ne sono andati ma Tom scopre che, attaccata alla camera criogenica che conteneva il corpo, c’è una trasmittente che ne segnala la posizione ma non capisce come si sia attivata; l’agente Grace vuole sfruttarla per inserirsi nella frequenza radio e chiedere aiuto.

All’APO intanto Dixon dice a Jack che ha avuto i risultati dei dati che il DRS ha ricavato dal crio-contenitore e Jack gli dice di inserirlo nell’indice dato che Marshall e Rachel stanno catalogando i file recuperati da San Francisco.
Dixon inoltre riferisce a Jack che ha ricevuto una telefonata dall’ufficio della senatrice Lewis; Marcus ha saputo che avevano autorizzato il reintegro di Sloane nell’APO; Jack gli spiega che è stato lui e fare richiesta e di fronte ai dubbi di Dixon afferma che secondo lui l’unico scopo di Sloane è quello di aiutare sua figlia e lui è felice di essergli utile; inoltre avendolo all’APO sotto gli occhi possono controllare meglio le sue attività.

Intanto Rachel e Marshall esaminano il file di Luke Gurço, il padre di Renée, riuscendo a scoprire che al momento della cattura era sano. Il file rivela che De Santis si occupa di manipolazioni dei collegamenti neuronali e genetiche. Dixon riferisce loro che dalle analisi del DRS sul contenitore si capisce che le funzioni cerebrali di Gurço, mentre si trovava nella camera criogenica, erano limitate e che riceveva dal contenitore anti-proliferativi e inibitori della calcio-neurina che, come spiega Marshall, è un immuno soppressore: impedisce al sistema immunitario di aggredire se stesso, come quando un paziente di un trapianto rigetta un organo. Il problema è che dai file risulta che Gurço non è stato sottoposto ad alcun trapianto. Studiando l’eco-encefalogramma, Rachel e Marshall si accorgono che c’è qualcosa che non va e confrontando la tac risalente a prima del rapimento con quella recente del DRS si accorgono che sono due cervelli diversi e si evince quindi che l’uomo conservato nel crio-congelatore non è Luke Gurço, ma un'altra persona; nel frattempo Dixon scopre che Syd e Tom non hanno mai raggiunto il dottore che dovevano contattare e inoltre non rispondono ai cellulari.
A Marsiglia intanto Syd è rimasta sola con colui che crede essere il padre di Renée che vuole convincerla a lasciarlo andare dato che quei militari sono li per lui, dando la possibilità a loro di salvarsi. Gurço dice a Syd che vuole farlo per proteggere Renée ma lei gli risponde che se lo uccideranno per Renée sarà un brutto colpo; Gurço spiega a Syd che se avessero voluto ucciderlo, una volta rintracciato il segnale e quindi scoperta la sua posizione, l’avrebbero fatto già saltare in aria; è per questo che pensa che lo vogliano prendere vivo; Syd capisce che Gurço si è tradito e infatti gli chiede a quale segnale si riferisce.

Gurço allora prende una pistola che aveva nascosto e costringe Syd ad uscire dalla camera con lui; appena fuori ci sono Tom e Renée; Gurço vuole far credere loro che è stata Syd a cercare di ucciderlo; Sydney le dice del segnale e che quella in realtà è un’azione per recuperarlo. Renée chiede a suo padre come faceva a sapere del segnale e Syd le dice di chiedergli dove l’aveva nascosta vent’anni prima quando De Santis l’aveva catturato.
Gurço cerca di prendere tempo perché non sa cosa rispondere; in quel momento un elicottero distrugge la parete del deposito dove si trovano e lancia al finto Gurço un giubbotto di salvataggio; mentre gli altri sono impegnati in un conflitto a fuoco Gurço riesce a scappare.
Poco dopo Syd spiega a Renée che un elicottero dell’APO ha seguito quello che li ha attaccati: dopo essere atterrate, le persone che viaggiavano su di esso, sono ripartite su un jet privato diretto in Corea del Nord; Syd inoltre le spiega che non si sa ancora quale sia la vera identità del finto Gurço.
Renée spiega a Syd che ha avuto torto a non essersi fidata subito di lei e la ringrazia.
Intanto a Kaesong, Corea del Nord, Dean entra in una stanza dove il finto Gurço è sottoposto ad esami e lo saluta chiamandolo dottor De Santis; gli dice inoltre che la procedura non dovrebbe avere effetti collaterali.
De Santis racconta che la ragazza è viva, si fa chiamare Renée Rienne e lavora con la CIA ; Dean gli risponde che quindi non deve essere difficile tenerla sotto controllo.

Nell’ultima scena si vede Sloane che fa ritorno all’APO e trova Jack Bristow ad aspettarlo.




Episodio 05.06 - 94
Titolo Originale : Solo
Titolo Italiano : Assolo

trasmesso in USA il :10 novembre 2005
trasmesso in Italia il :19 luglio 2006


Scritto da : Jeffrey Bell
Diretto da :Jeffrey Bell


Guest Stars:
Amy Acker (Kelly Peyton), Tyrees Allen (Gordon Dean), Purva Bedi (Fiancee), Ian Patrick Williams (Dad), Sathya Jesudasson (Fiancée's Mother), Boyuen (General), Emil Lin (Embassy Guard No. 1), Vanna Salviati (Armenian Woman), Ron Bottitta (Janos Vak), Darcy Shean (Sales Clerk), Trevor Duke (Eric), Kaye Kittrell (Mom), Jordan-Claire Green (Nicole)



Riassunto a cura di Sara G.:
L’episodio si apre nel salotto di una famiglia; una ragazza bionda sta usando il computer, vicino a lei siede sua mamma. Sul divano sono seduti il papà e il fratello, che guardano un programma sportivo.
All’improvviso si intravede un ombra che passa furtivamente dietro di loro; moglie e marito discutano circa una persona che non risponde ai messaggi sulla segreteria, che è in viaggio di lavoro in Europa e che non chiama a casa. A un certo punto viene staccata la luce e la famiglia viene portata via. L’inquadratura finisce su una foto esposta sul caminetto: è di Rachel.
I Gibson sono fatti accomodare in una stanzetta e dietro il vetro unidirezionale ci sono Syd e loro figlia Rachel che li guardano; Rachel chiede a Syd che cosa sa la sua famiglia e lei le risponde che sanno solo di essere in una struttura governativa e che sono li per essere protetti. Rachel è convinta di aver rovinato loro la vita ma Syd le spiega che i suoi famigliari sono in pericolo e che questa è la cosa migliore da fare per loro; Rachel ha paura perché non potrà più nemmeno chiamarli e crede di non riuscire ad andare avanti da sola; Syd le risponde che lo farà perché non ha altra scelta, per garantire un mondo più sicuro per le persone che ama.
Sydney le consiglia di entrare e di far vedere ai suoi genitori che sta bene e lei decide di andare.

Nel frattempo Sloane racconta a Dean che la famiglia Gibson è stata affidata al programma di protezione e mette in chiaro che non ha nessuna intenzione di fare del male a Rachel e alla sua famiglia ma Dean gli risponde che se dovrà farlo per il bene di Nadia lo farà. Poi chiede a Arvin se conosce un certo Janos Vak, ideatore d’armi; Sloane le risponde di no e quindi Dean gli ordina di sfruttare l’APO per trovarlo.

Poco dopo, alla sede dell’APO, Sloane guarda il file su Vak che gli ha passato Dean.
Jack informa la sua squadra che ha chiesto a Sloane di leggere la documentazione che ha fornito la Gibson; Arvin spiega loro che l’organizzazione di Dean è ben protetta e inoltre dice che ha individuato nel rapporto un nome familiare, quello di Vak, ideatore di armi di origine ungherese, che sta lavorando sulla sua ultima ossessione: la tecnologia Lazo; Syd spiega che la difesa ne è preoccupata perché è un programma che potrebbe intercettare elettronicamente un missile in arrivo e fargli cambiare direzione.
Secondo il rapporto di Rachel sono 6 mesi che Dean sta cercando di contattare Vak e Jack è d’accordo con Sloane che suggerisce di trovarlo per primi e di usarlo come esca per catturare Gordon Dean.
Jack dice a Syd di contattare la Rienne, per capire se potrebbe infiltrarsi nella malavita algerina e scoprire dove di trova Vak.

A fine briefing Arvin ferma Syd per ringraziarla per la sua testimonianza e le racconta che ogni giorno va a trovare Nadia, ma non riesce mai ad entrare nella sua stanza e a guardarla attaccata a tutte quelle macchine per colpa sua; Syd si dice sicura che lui farà qualsiasi cosa per salvarla.
A Marsiglia intanto Renée fa irruzione in un covo della malavita argentina e dopo aver immobilizzato gli uomini dice loro che sta cercando Janos Vak.

Nel frattempo nella palestra dell’APO Rachel si allena al sacco mentre entra Tom; lei le chiede di aiutarla a allenarsi perché non è disposta a prenderle in missione; Tom le da retta e da a Rachel alcuni consigli: picchiare sleale in modo da infliggere più dolore possibile; lei gli dice che non crede di essere in grado di farlo e allora Tom le dice in malo modo di tornarsene a casa dato che non ha intenzione di rendersi utile. Tom ottiene l’effetto desiderato perché Rachel gli sferra un pugno in pieno viso; lui le dice che va meglio e la invita a rifarlo ma in quel momento gli suona il cellulare: li aspettano ad un briefing tra 15 minuti.

Poco dopo Syd, in sala riunioni, spiega che Renée ha localizzato il trafficante d’armi algerino e ha scoperto che la tecnologia Lazo non è più solo una teoria. L’algerino ha riferito che Vak, tre mesi prima, si è messo in contatto con un ufficiale cinese che vuole acquistare l’arma e dal quel momento non si è più visto. L’ufficiale Song è di stanza al consolato cinese a Bombay e il mese prossimo sposerà una donna indiana, così il consolato darà una festa di fidanzamento in suo onore. Un contatto di Dixon nell’intelligence indiana gli ha riferito che l’ufficiale custodisce la copia in codice di tutti i documenti e i rapporti in una cassaforte nel suo studio. Syd dovrà acquisire le informazioni nella cassaforte, Dixon e Grace faranno da supporto, mentre Marshall e Gibson forniranno la tecnologia operativa.

A Bombay Tom e Syd entrano insieme alla festa di fidanzamento (lei indossa un vestito tipico indiano) e Dixon riferisce loro che c’è un problema: l’ufficiale non è ancora sceso; è chiuso nel suo studio e a giudicare dalla faccia della futura sposa non ha intenzione di scendere. Dixon e Syd decidono di agire come in un'altra missione, anche se Tom è un po’ confuso e non capisce cosa vogliono fare. Dixon distrae la fidanzata dell’ufficiale e la guardia in modo che Syd riesca ad accedere al piano superiore.
Sydney riesce ad entrare nello studio, dove trova Song; lo stordisce e cerca di accedere alla cassaforte. Marshall però non riesce ad aiutarla perché l’edificio in cui si trova la cassaforte è troppo schermato; Rachel decide di rendersi utile e di andare a piazzare un ripetitore più vicino al palazzo.
La Gibson, che si fa chiamare Oracolo, riesce ad aiutare Marshall; Syd riesce ad aprire la cassaforte e a recuperare il pacco. Mentre Rachel fa ritorno al furgoncino viene sorpresa da una guardia del consolato e invece di affrontarla scappa; chiede aiuto via radio a Tom Grace che la raggiunge e stordisce l’inseguitore; intanto Syd e Dixon escono dall’edificio.

Quando torna a casa Syd si reca in un negozio di articoli per bambini; è seduta su una sedia a dondolo e guarda malinconica un papà con la sua bambina; i suoi pensieri sono interrotti dalla commessa che le dice che oggi giorno sono molti i padri che partecipano attivamente anche a questi aspetti della vita dei loro figli, e chiede a Syd se anche il padre del suo bambino sta facendo la sua parte; lei le risponde che è molto bravo ma che vorrebbe fare di più.

Intanto Sloane entra in un negozio dove, nel retro, lo aspetta Gordon Dean.
Dean gli dice che doveva riferirgli del consolato cinese ma Arvin gli risponde che non lo riteneva opportuno e che gli farà sapere, quando lo scopriranno, dove si trova Janos Vak.
Intanto all’APO Marshall individua Vak: è su una piattaforma petrolifera nel Mar della Cina e ci starà fino a quando non avrà terminato il software. Syd chiede a Dixon come devono agire ma lui le spiega che l’incarico è stato dato a Rachel Gibson e che loro saranno solo di supporto. Sydney sembra un po’ perplessa e chiede perché; Marcus le spiega che il governo cinese ha sospeso ogni licenza a chi opera sulla piattaforma: nessuno può accedervi fino a quando Vak non avrà terminato il suo lavoro. L’unica eccezione concessa è che Vak riceva compagnia femminile una volta ogni due week end.
Syd va a sfogarsi con suo padre e gli dice che a suo parere Rachel non è pronta, non ha avuto il tempo di addestrarsi. Jack le risponde che, non potendo mandare lei e dovendo agire in fretta, non ha altra scelta. Jack Bristow dice a sua figlia che lei dovrà essere per Rachel quello che Vaughn era per lei nelle sue prime missioni alla CIA e lei accetta.

Marshall mostra a Rachel i supporti tecnologici per la missione: un rossetto che a contatto con la pelle di Vak lo farà addormentare e una spazzola per capelli che nasconde un punteruolo per il ghiaccio.
Intanto Sloane incontra Dean e gli riferisce dove si trova Vak e che l’APO manderà la Gibson sulla piattaforma; inoltre lo informa che quando avranno quello che vuole attueranno uno scambio.
Peyton intanto sente che sarà Rachel ad andare in missione, mentre Dean, non fidandosi di Sloane, vuole mandare lei a recuperare il software sulla piattaforma; Peyton riferisce però che potrebbe essere imbarazzante incontrare Rachel perché la credeva sua amica, ma Dean le da l’ordine di ucciderla nel caso dovesse incrociarla.

Rachel è su un motoscafo che, solcando il mare del sud della Cina, la porta sulla piattaforma petrolifera dove si trova Vak: il suo alias ricorda la Sydney dei tempi d’oro.
Una volta a bordo viene accompagnata dalle guardie alla camera di Vak e mentre cammina c’è un flash back in cui Syd le da consigli su come si deve comportare e le dice che saranno in contatto audio tutto il tempo come faceva Vaughn con lei.
La Gibson entra nella stanza di Vak, si comporta abbastanza bene anche se commette qualche sbadataggine ( quasi rivela il suo vero nome e fa cadere sotto il letto il rossetto narcotizzante) ma recupera immobilizzando al letto Vak promettendogli un giochino sessuale. Una volta toltasi dai piedi l’ungherese scarica il software, distrugge l’originale e scappa.
Intanto arriva sulla piattaforma anche la sua ex collega Peyton decisa a rubare il software ma quando trova la stanza di Janos Vak è troppo tardi: Rachel è già fuggita.
La Gibson però si accorge che qualcuno a ucciso i soldati di guardia e inoltre che la sua barca è sparita; allora Syd manda Dixon e Grace a recuperarla in elicottero.
Rachel si imbatte però in Peyton che la tiene sotto tiro; la nuova agente della CIA è stupita perchè dava la sua ex collega per morta; Peyton le spiega che non la ucciderà a patto che lei le dia il software; sembra che Rachel ceda ma mentre rovista nella borsa estrae il punteruolo del ghiaccio e ferisce Peyton che, dopo questo attacco è decisa ad ucciderla. Lottano, Peyton ha decisamente la meglio fino a quando le guardie della piattaforma le individuano e aprono il fuoco; Rachel salva la vita a Peyton proteggendola dai proiettili. Finalmente poco dopo arrivano Marcus e Tom: Peyton decide di rinunciare al software e scappa mentre Rachel viene tratta in salvo.

Dean e Sloane si incontrano di nuovo: Arvin è arrabbiato perché Dean ha interferito con la missione e gli riferisce bruscamente che non avrà l’arma; Gordon Dean gli risponde a tono e Sloane cede quando lui tira in ballo Nadia e gli fa capire che centra anche lei in questa storia.

A fine missione, all’APO Rachel riceve i complimenti di Syd e lei la ringrazia per la voce guida; Sydney le spiega che a volte, in alcune missioni particolarmente difficili, era solo la voce di Vaughn che la faceva andare aventi e Rachel le dice che avrebbe voluto conoscerlo. Syd se ne va, Rachel vede che Grace la sta guardando, si gira e si sorridono.

Intanto Sloane si reca all’ospedale da Nadia: questa volta ha il coraggio di sedersi al suo capezzale e di prenderle la mano.

Rachel all’APO finisce di lavorare e si sofferma a guardare una foto della sua famiglia; nello stesso momento Syd, a casa sua, accosta alla pancia una registrazione della voce di Michael.


Curiosità :
Chissà in quanti a fine episodio si sono chiesti perchè Sydney dice a Rachel "Ci vediamo domani". Non vivevano insieme?



Episodio 05.07 - 95
Titolo Originale : Fait Accompli
Titolo Italiano : Fatto compiuto

trasmesso in USA il :17 novembre 2005
trasmesso in Italia il :25 luglio 2006


Scritto da : Andi Bushell
Diretto da :Richard Coad


Guest Stars: Amy Acker (Kelly Peyton), Carl Gilliard (Agent #1), Ali Dean (Arabic Shiek), Lorenzo Caccialanza (Chancellor), Erik Betts (Artifact Thief), Alex Ball (Delivery Man), Tyrees Allen (Gordon Dean), Keone Young (Professor Choy), Mia Maestro (Nadia), Angus Macfadyen (Joseph Ehrmann)



Riassunto a cura di Sara G.:
Roma: Syd, che indossa una parrucca bionda, cammina lungo un corridoio dell’ università romana accompagnata dal rettore dell’istituto che le si rivolge chiamandola Signora Borghese; dalla discussione tra i due si capisce che è li per vedere una collezione privata da poco aperta al pubblico.
Nel frattempo Renée Rienne si trova nei sotterranei dello stesso edificio ed è in contatto attraverso un’auricolare con la Bristow. Sydney finge un capogiro e, mentre viene sorretta dal rettore dell’università, gli sfila dalla giacca un mazzo di chiavi; poi lo prega di portarle un bicchiere d’acqua: quando questo si allontana, sfila dal mazzo la chiave che le serve e, facendone una copia, la trasferisce a Renée che la utilizza per entrare in un archivio. Per arrivare a quello che stanno cercando alla Rienne serve però anche il numero di archiviazione.

C’è un flash-back: Sydney chiede alla Rienne che cosa devono cercare a Roma; Renée le spiega che sa solo che il pacco è destinato a Gordon Dean, che verrà lasciato all’università di Roma custodito in una scatola spedita all’archivio del museo; il pacco arriverà da Milano, da parte di un alias di nome Demasi.

All’università romana, Syd ha la lista delle spedizioni all’archivio e, mentre sta cercando il numero di catalogazione del pacco spedito da un certo Marcello Demasi, si sente chiamare: alza la testa e si trova davanti un suo vecchio professore che la impegna in una conversazione; Renée la sollecita perché vuole il numero e Syd riesce a comunicarglielo. Non riesce però a liberarsi del professore che le chiede se è sposata ( lei gli risponde che lo è da poco) e le dice che sembra felice ( lei gli risponde che è così).
Mentre Renée fatica a trovare il pacco, entra nell’archivio un uomo che prende ciò che la Rienne sta cercando; dopo un combattimento tra i due, Renée ha la meglio e si impossessa dell’oggetto, che si rompe e rivela nascosta al suo interno una scheda.
Mentre Renée si dirige al punto di recupero, Syd è ancora bloccata con il suo vecchio docente; inoltre vede arrivare il rettore con il bicchiere d’acqua: con un sotterfugio (chiede al professore il biglietto da visita per distrarlo) riesce a distogliere l’attenzione dell’uomo da lei e a dileguarsi.
Quando ritrova la Rienne, questa le chiede chi l’aveva trattenuta e Syd le risponde che è una persona che appartiene ad un'altra vita.

Arvin Sloane si reca a fare visita a Nadia che è mantenuta ancora in coma farmaceutico; discute con uno dei medici che l’hanno in cura che gli spiega che sua figlia non reagisce alla terapia a cui adesso è sottoposta attraverso una sostanza sperimentale e gli dice che nessun medicinale infonde in loro la speranza di una guarigione dato che quando provano a risvegliarla dal coma, Nadia è sempre preda degli stessi comportamenti violenti. Il dottore dice a Sloane che qualsiasi trattamento potrebbe farle più male che bene e che è ora che lui pensi ad un ricovero alternativo, più confortevole per sua figlia; Arvin risponde che non ha intenzione di arrendersi. Poco dopo che il dottore se ne è andato gli squilla il telefono: è Dean che le chiede di Nadia; Sloane si spazientisce e Gordon Dean gli spiega che lo ha chiamato perchè Sydney gli ha sottratto una carta di accesso che vuole riavere entro 48 ore.
Chiusa la telefonata, Gordon Dean e Kelly Peyton escono da un edificio: Kelly chiede a Dean se pensa di aver fatto la cosa giusta, se non è troppo rischioso fare quello che sta facendo perché è possibile che l’organizzazione intuisca i suoi piani, e che non deve essere paranoico perché lui è troppo importante perché lo facciano fuori; Dean replica che comunque dormirebbe più tranquillo dopo aver fatto questa cosa, come se fosse un’assicurazione sulla vita. Dean se ne va lasciando la Peyton che lo guarda con aria di sfida.

Intanto all’Apo Jack riferisce a Sloane che la missione di Syd ha avuto successo e lui gli spiega che lo sapeva già: gliel’ha riferito Dean.
Nel frattempo a casa di Syd, Rachel le spiega che Marshall ha esaminato la carta di accesso che ha recuperato e che crede che serva appunto per accedere ad una rete sicura: a questo punto bisogna scoprire di che rete si tratta.
Suonano alla porta: sono due uomini con un pacco e Syd dice loro di portarlo in una stanza in fondo alla casa; spiega a Rachel che è un lettino. Rachel le dice che la stanza andrebbe risistemata ma comunque decidono di andare al lavoro ( nonostante Syd abbia la giornata libera); Rachel però le propone di montare subito il lettino ma Syd le fa capire che non è ancora pronta. Subito dopo Sydney riceve una telefonata e si reca all’Apo. Li incontra Sloane e Jack: Arvin le spiega che è stato contattato circa un mese fa dal Quinto Profeta e che le persone per cui lavora Dean l’hanno fatto uscire di prigione in cambio di una sua infiltrazione nell’Apo; spiega che ha deciso di riferirlo alla sua agenzia adesso perché è molto improbabile che Nadia migliori; dato che considera Syd e Jack come persone di famiglia, ha deciso di uscire allo scoperto per poterli aiutare a catturare Dean, sapendo quanto dolore lui abbia arrecato soprattutto a Sydney e a Rachel.
Sloane spiega loro che deve restituire la carta d’accesso a Dean e che quindi loro possono usare questo incontro come una opportunità per catturarlo e per poi farlo parlare della sua organizzazione.
Jack gli dice di contattarlo: Arvin dice a Dean che ha quello che vuole e lui gli spiega che si incontreranno in un ippodromo; Dixon riferisce al team che secondo lui, anche se Dean si fida di Sloane, è comunque prudente, e infatti ha deciso di incontrarlo in un luogo affollato dove sarebbe più facile un’eventuale fuga. Rachel spiega che, secondo lei, Dean sarà scortato da due uomini, quasi invisibili.
Decidono di dare il comando della missione a Grace in quanto è l’unico agente a disposizione che Dean non ha mai visto.

Una volta a Dubai, all’esterno dell’ippodromo, Syd istruisce Sloane sulla missione e gli da la vera carta di accesso perché è sicura che Dean controlli la sua autenticità e inoltre gli spiega che lei lo seguirà da lontano. Arriva Rachel e dice loro che è tutto pronto; prima di andare Arvin dice a Syd che spera che catturando Dean aiuterà lei a salvare suo figlio.
Mentre Sydney, molto elegante con un grosso cappello e grossi occhiali per non frasi riconoscere eventualmente incrociasse Dean, prende posto sugli spalti, Tom è al bancone del bar e beve da una fiaschetta. Intanto, una volta seduta, Syd posiziona il microfono nascosto nella borsa per ascoltare Sloane e Dean e si munisce di binocolo. Sloane prende posto.
Dixon , travestito da sceicco, vede Dean arrivare e informa gli altri; Tom, sporcandosi il collo con del liquore, va a sbattere contro Dean fingendosi ubriaco; lo importuna fino a quando Gordon Dean chiama uno dei suoi uomini per farselo levare di torno, così che Grace, una volta che Dean si è allontanato ( con alle costole Dixon), riesce a mettere fuori gioco una delle guardie del corpo.
Intanto si cerca il secondo uomo, e Dean arriva da Sloane che gli consegna la scheda che lui prontamente controllata. Syd, dalla sua postazione, individua la seconda guardia e Dixon la stordisce. Si presenta però un problema: mentre Jack riferisce a Dixon e a Grace di procedere, c’è un interferenza nelle auricolari con cui si tengono in contatto, così che loro non capiscono cosa devono fare. Dean ha quindi il tempo di mettersi in contatto con i suoi uomini, che però non rispondono: si insospettisce e dice a Sloane di seguirlo.
Rachel, capita la situazione, decide allora di intervenire; mentre Dean mette k.o. Sloane , lei li raggiunge e decide di affrontare Dean; lui la provoca dicendole che non è in grado di sopportare una missione, che è un’incapace; lei gli risponde che si sbaglia e dopo aver lottato con lui lo stordisce con due badilate ( la seconda su consiglio di Syd).
Dean viene portato all’Apo e viene rinchiuso in una stanza per gli interrogatori; intanto Syd informa Renée degli ultimi sviluppi.
Sydney va da Dean e gli dice che vogliono sapere per chi lavora e che programmi hanno (in mano ha una siringa). Lui le spiega che non sa per chi lavora e che loro, arrestandolo, gli hanno tolto l’unica possibilità di venirne a conoscenza attraverso la carta di accesso. Il potere delle persone per cui lavora, spiega Dean, deriva dal loro anonimato e lui aveva intenzione di riequilibrare i conti. Le riferisce che le informazioni che Syd cerca sono custodite in un centro di comunicazione a cui si può accedere attraverso la carta, ma minaccia di non dire quale a meno che non gli diano 10 milioni di dollari, documenti per autenticare mezza dozzina di false identità e nuove protesi dentarie: cioè chiede di essere fatto sparire. Syd gli dice di scordarselo ma lui le spiega che la carta non sarà più valida tra meno di 12 ore e quindi le suggerisce di considerare l’offerta. Sydney gli inietta in vena una sostanza che, come spiega Marshall, è una specie di LSD che gli farà avere delle allucinazioni che lo spaventeranno talmente da farlo parlare.

Nel frattempo Sloane, su un molo, viene affiancato da un uomo che non conosce e che gli chiede un favore: dice di sapere che Dean è in mano all’Apo e gli chiede di eliminarlo. Sloane lo manda all’inferno e gli dice ce non hanno più potere su di lui ma l’uomo gli risponde che hanno molto da offrirgli. Poco dopo gli suona il cellulare e l’uomo incita Sloane a rispondere. Arvin si precipita all’ospedale: Nadia si è risvegliata e non mostra segni del virus che l’ha colpita.
Intanto all’Apo, Dean ha allucinazioni troppo forti e Marshall suggerisce di mandare qualcuno a calmarlo, a farlo sentire protetto: ci va Syd che cerca allo stesso tempo di tranquillizzarlo e di farlo parlare. Dean, anche se un po’ confuso, le dice che la carta di accesso è fatta per collegarsi alla rete della Glenheim Corp. di Seattle; inoltre le confessa che lui non voleva uccidere Vaughn me che qualcuno ha insistito per farglielo fare e le ordina di affrettarsi perché hanno dei piani anche su di lei. Ad interromperli arriva Jack che dice a Syd di uscire da li, che c’è una novità su Nadia e checontinuerà lui.

Intanto Nadia cerca di parlare con suo padre anche se è molto affaticata; chiede del dottore perché sente che c’è qualcosa che non va: in preda alle convulsioni e con la minaccia di un collasso, viene sedata; quando arriva Syd ormai è tornata in coma farmaceutico.
Fuori dalla camera Syd e Arvin parlano con il dottore che spiega loro che il risveglio senza segni della malattia è stato un caso e probabilmente non si ripeterà. Syd dice a Sloane che ha fatto il possibile per lei ma a questo punto non c’è soluzione; lui la ringrazia.
A Seattle, sui palazzi della Glenheim Corp., Dixon e Grace cercano di accedere alla rete del Quinto Profeta che però, come spiega Marshall, è mobile e cioè, dice Rachel, i dati viaggiano su reti satellitari sfruttando segnali altrui; quelli della Glenheim non sanno di essere utilizzati per questo e non troveranno la rete fin quando non la cercheranno; la rete, spiega Jack, viene ridirezionata spesso, come precauzione, e quindi quella è la loro unica possibilità per accedere ai dati dell’organizzazione.
Marshall scopre che una delle trasmissioni dei dati arriva al Credit Marquis, la copertura dei servizi segreti francesi, e inoltre vede che c’è un collegamento anche con la SVR russa, con il CDC e con MI6: risulta quindi che i server sono governativi.

Sloane intanto entra all’Apo e riesce ad accedere alla stanza dove è tenuto Dean; Arvin le fa ingurgitare qualcosa mentre Dean gli dice che lui ha i codici di accesso per aiutarli a distruggere il Quinto Profeta. Nel frattempo Marshall trova 12 nodi nella rete che crede di poter isolare ma si sbaglia: cerca di by-passare il codice che però ha un guardiano criptato che deve essere eluso; Marshall spiega di non essere in grado di farlo in soli 6 minuti e allora Syd decide di andare da Dean per farsi dare il codice di accesso; quando arriva, però, lo trova morto.
Poco dopo Jack le spiega che secondo i medici Dean si è tolto la vita con una pillola di cianuro impiantata nella mucosa della guancia; Syd dice di non capire il motivo per cui si è suicidato dato che la mattina stessa pretendeva l’immunità, voleva vivere. Syd poi dice a suo padre che ci sono 12 fonti che compongono il Quinto Profeta, come era stato per l’Alleanza e si chiede da dove devono iniziare se Il Quinto Profeta è stato in grado di infiltrarsi nei maggiori governi del pianeta; Jack le dice che hanno già iniziato.
Syd chiede a suo padre se ha programmi per la serata e lui le domanda che cosa ha in mente.

Nel frattempo Kelly Peyton è seduta in una macchina con lo stesso uomo che ha dato a Sloane il compito di uccidere Dean, e brindano con lui al suo successo. L’uomo le dice che, come concordato, la cellula di Dean è sua ma la avverte che se dovesse tradire un’altra volta, pagherà in prima persona.
Intanto si avvicina a loro una macchina con a bordo Sloane: Arvin vuole sapere quando Nadia guarirà; l’uomo del Quinto Profeta gli dice che avverrà presto ma che ci sono altre cose che Sloane deve fare per loro.

La sera, a casa di Syd, suo padre la aiuta a montare il lettino; Sydney è stupita dall’inaspettata capacità di Jack, ma quando cercano insieme di portarlo in camera, il lettino non passa dalla porta e quindi devono ricominciare da capo.


Episodio 05.08 - 96
Titolo Originale : Bob
Titolo Italiano : Bob

trasmesso in USA il :7 dicembre 2005
trasmesso in Italia il :25 luglio 2006


Scritto da : Monica Breen, Alison Schapker
Diretto da :Donald E. Thorin Jr.


Guest Stars: Ntare Mwine (Masari), Caroline Goodall (Elizabeth Powell), Michael Phenicie (Lukas Basarov), David Anders (Sark)



Riassunto a cura di Sara G.:
Siberia: su un treno che attraversa paesaggi innevati un uomo entra in uno scompartimento e posiziona qualcosa sotto un sedile; se ne va e prende posto nel vagone successivo. Poco dopo lo scompartimento precedente si illumina di una fortissima luce: l’uomo si alza, apre la porta che divide i due scompartimenti e cammina in mezzo a decine di corpi carbonizzati; raccoglie quello che aveva posizionato poco prima sotto un sedile e se ne va.

All’Apo Marshall ha intercettato delle trasmissione del MI6 sul test e la vendita di un prototipo di MPB, una bomba a micro-impulsi che, quando scoppia, carbonizza gli organismi presenti nelle vicinanze lasciando il resto intatto. Dixon spiega che è stato informato che in Siberia, qualche giorno prima, c’è stato un incidente su un treno e, anche se dal governo trapelano poche informazioni, si crede che fosse il test di cui ha intercettato Marshall; Grace è scettico in quanto, dice, è impossibile che gli inglesi comprino una MPB violando qualsiasi trattato. Dixon suggerisce che, per il momento, è meglio non contattare nessuno dell’Intelligence britannica, aspettando di sapere di chi ci si può fidare; Syd e Jack, infatti, sono in Inghilterra per indagare mentre i rimasti dovranno passare in rassegna tutte le intercettazioni per vedere se può essere sfuggito qualcosa.

In un giardino di un cottage nello Yorkshire, Syd è seduta ad un tavolo a bere il thé con una vecchietta che la stordisce di chiacchiere; con una scusa si allontana e si avvicina ad una signora offrendole un tovagliolo e dicendole che l’aveva dimenticato. La signora bionda la fissa con circospezione per un momento e poi entra nella casa li vicino. In una stanza trova Jack ( che pigia qualche tasto su un piano), gli chiede se suona ancora e lui le risponde che ha smesso tanto tempo fa. La signora gli spiega che non doveva contattarla li, che suo marito (ambasciatore francese) non sa qual è il suo vero lavoro, non sa che è una spia inglese. Jack le spiega, però, che credono che qualcuno insieme al MI6 stia cercando si acquisire una bomba a micro impulsi; crede che all’interno dell’Intelligence britannica ci sia un elemento corrotto, un doppio-giochista; nel frattempo Sydney distrae il marito di Elizabeth che la sta cercando.

Jack spiega ad Elizabeth che la rete del Quinto Profeta è enorme e che sembra che abbia infiltrati in varie agenzie di Intelligence e che crede che questa arma possa aiutarli a scoprire di più sull’organizzazione. Elizabeth è un po’ titubante perché dovrebbe indagare sulla sua agenzia dall’interno (si tratterebbe di tradimento), ma Jack la convince raccontandole che nella faccenda è coinvolta anche Sydney e facendo leva sulla loro amicizia di vecchia data.
All’Apo Jack spiega che alla sua fonte non risulta che l’acquisizione della bomba sia stata autorizzata dal MI6 ma non è riuscita comunque ad identificare il doppiogiochista; il suo contatto britannico ha scoperto l’identità dell’ingegnere che ha ideato l’arma: tale Lukas Bazarov, professore all’università di San Pietroburgo; in quel momento l’ingegnere si sta recando ad un congresso a San Paolo del Brasile dove parlerà ad una conferenza sulla micro dinamica teorica. La fonte di Jack sostiene che Bazarov entro 48 ore riceverà una trasmissione che gli comunicherà ora e luogo della vendita della bomba MPB. Sarà Rachel ad andare in missione: dovrà accedere al portatile di Bazarov per immettervi un programma spia, mentre Marshall resterà all’Apo a decifrare il contenuto della trasmissione.
Mentre Rachel fa le valigie la raggiunge Syd che le chiede se è veramente convinta ad andare e lei le risponde che è contenta di dare una mano alle indagini; Syd le consiglia però di fare qualcosa per divertirsi e rilassarsi e Rachel promette che una volta tornata da questa missione si impegnerà a farlo.

Una volta a San Paolo, Rachel va in Hotel, lo stesso della conferenza, e si presenta con il nome di Lydia Sand; mentre è alla reception sente un uomo dietro di lei che si lamenta con il personale dell’hotel dato che, giorni prima, gli avevano assicurato la possibilità di cambiare stanza mentre ora gliela negano. Rachel sale sull’ascensore per andare in camera sua ma mentre si chiudono le porte, l’uomo che poco prima aveva sentito lamentarsi sale con lei: è Sark, vecchia conoscenza di Syd e della CIA in generale; naturalmente Sark non conosce Rachel essendo lei una novellina, e anche Rachel non ha idea di chi sia lui. Arrivati al piano scoprono di avere le stanze adiacenti; una volta dentro entrambi fanno la stessa cosa: registrano i movimenti di Bazarov attraverso una telecamera; inoltre Sark parla al telefono con un certo Benjamin e gli dice che avrà i dati della trasmissione entro domani.
Poco dopo, nella hall dell’albergo, Rachel ferma Bazarov e gli chiede un autografo sul suo articolo che stava leggendo; una volta in camera Rachel scansiona e fa un calco dell’impronta digitale di Bazarov, mentre Sark in camera sua ordina del cibo al servizio in camera.
Dal monitor entrambi vedono che Bazarov sta andando a farsi una doccia: Rachel riesce ad entrare in camera dell’ingegnere, si collega al computer ma mentre sta per terminare il suo lavoro, sente bussare alla porta e annunciare il servizio in camera. Entra Sark con un carrello, si dirige al computer (intanto Rachel è nascosta fuori dalla finestra, in bilico sul cornicione del palazzo).
Sark completa ciò che stava facendo e se ne va; Rachel rientra in camera quando sente la porta richiudersi ma nello stesso momento si accorge che Bazarov ha terminato la doccia; agendo in fretta e cercando di mantenere il sangue freddo, la Gibson si collega al computer, installa il programma spia ed esce dalla camera.

Una volta nella sua stanza chiama Grace e gli spiega che è andato tutto bene; gli chiede cosa deve fare a questo punto e lui le dice di tenere a portata di mano il palmare che le comunicherà quando è in corso la trasmissione; per il resto della serata può rilassarsi.
Rachel scende allora al bar dell’hotel; mentre beve un cocktail le si siede accanto Sark, che si presenta con il nome di Bob Brown. Per un po’ chiacchierano del più e del meno, dei propri lavori ( ma naturalmente entrambi rimangono sul vago): lui le spiega che è un free-lance e tratta in commercio internazionale.
Una volta davanti alle loro camere, si baciano e inizia una specie di balletto per scegliere la stanza in cui andare, dato che entrambi hanno molto da nascondere; cede Sark ed entrano insieme in camera sua.

Sark e Rachel sono a letto, sotto le lenzuola, e chiacchierano; lui si alza per andare a farsi una doccia e lei guarda il passaporto e i biglietti dell’aereo (per Nassau, Bahamas) che Sark tiene sul comodino. In quel momento le squilla il palmare nella borsetta: con una scusa riesce ad andarsene e Sark non fa pressioni dato che anche a lui sta arrivando la trasmissione.
Rachel invia i dati a Marshall e torna all’Apo; qui Syd si accorge che è di buon umore e la Gibson le confida dell’avventura con un uomo che ha incontrato in hotel, ma le dice che appunto si tratta solo di una cosa di una notte dato che lui la conosce come Lydia. Le raggiunge Jack che riferisce loro che Marshall è riuscito a scoprire che il doppiogiochista incontrerà Bazarov in Spagna; ci andranno Jack e il suo contatto al MI6.

Una volta li Jack e Elizabeth aspettano il doppiogiochista e installano una telecamera in modo che anche all’Apo possano seguire quello che succede.
Intanto arriva Bazarov, su un camion che trasporta la bomba; secondo Marshall, date le dimensioni, l’ordigno dovrebbe avere un raggio di deflagrazione di 20 miglia. Nel frattempo arriva qualcun altro che affianca il camion di Bazarov; scende un uomo di colore che Syd riconosce essere Benjamin Masari, capo del RLF, gruppo terroristico che ha attaccato obiettivi occidentali in Africa. Jack e Elizabeth scoprono quindi che è un’imboscata a Bazarov e poco dopo perdono il collegamento con l’Apo. Da allora Syd non riesce più a contattare suo padre; mentre tutti si danno da fare per capire cosa è successo, Sloane riguarda le immagini dell’agguato: probabilmente Masari ha voluto battere sul tempo il doppiogiochista del MI6 e questo fa pensare quindi che tra loro non ci sia legame. Discutendone arrivano alla conclusione che forse Rachel non era la sola nell’hotel a intercettare la trasmissione dei dati di Bazarov. Studiando con attenzione le registrazioni della sicurezza dell’albergo di San Paolo scoprono che nello stesso momento i cui c’era Rachel, si trovava li anche Julian Sark che si pensa lavori per Masari. Grace non conosce Sark e chiede spiegazioni; Syd gli riferisce che è una vecchia conoscenza della CIA, così che anche Rachel viene a conoscenza della vera identità del suo amante. Sydney si accorge che la Gibson ha qualcosa che non va e intuisce quello che deve essere successo; Rachel comunque la rassicura di non essere stata usata da lui per ottenere informazioni perché non è mai entrato nella sua stanza e le riferisce del biglietto aereo per Nassau che si trovava sul comodino di Sark.

Alle Bahamas Julian Sark trova Rachel (che chiama Lydia) ad aspettarlo fuori dall’aeroporto; si accorge che dietro di lei c’è anche Sydney e capisce tutto all’istante. Syd gli spiega che suo padre e un’altra agente sono tenuti in ostaggio da Masari, e che quindi vogliono trovare la sua base operativa; Sydney propone a Sark di collaborare con loro.
Intanto Masari raggiunge la cella dove Elizabeth e Jack sono tenuti prigionieri: vuole sapere da loro a chi stavano trasmettendo le immagini riprese quando sono stati scoperti; l’agente inglese risponde che erano immagini delle vacanze, la Costa del Sol in inverno. Masari prende Elizabeth e la minaccia con una pistola per far parlare Jack; le spara alla mano sinistra e minaccia di sparare anche all’altra se non parlano. Masari viene però interrotto da una telefonata di Sark, dall’Apo, che gli propone di fare uno scambio; il capo del RLF si convince e comunica a Sark di farsi trovare da li a 24 ore nella sua base in Turchia.
Dixon costringe Syd a non partecipare alla missione e lei, anche se riluttante, rimane all’Apo.
In Turchia con Sark vanno anche Rachel, Grace e Dixon.

Nel frattempo Marshall e Sydney si fanno compagnia mentre aspettano notizie.
Sark e Dixon arrivano alla base di Masari a bordo di una Jeep; sotto di essa sono appesi Grace e la Gibson.
Julian Sark viene ricevuto da Benjamin Masari: ha fretta di andarsene e gli fa subito vedere i soldi; qualcosa va storto e Masari minaccia Sark con una pistola mentre Dixon capisce che deve esserci un problema e affronta le guardie che lo tengono sotto tiro; Grace e Dixon entrano nella base, lasciando Rachel a coprire l’ingresso. Riescono a liberare Jack e Elizabeth ma non trovano Masari e Sark. Rachel allora decide di andare a cercarli e una volta giunta nell’ufficio di Masari trova Sark ammanettato alla bomba MPB a micro impulsi, innescata. Rachel cerca di fermare il conto alla rovescia aiutata da Marshall mentre Sark le racconta che Masari ha pensato ad un tradimento ed è scappato con i soldi. Rachel è confusa ed indecisa in quanto non ha mai fatto prima una cosa del genere: il primo tentativo non fa esplodere la bomba ma non la disinnesca; Rachel riprova in un altro modo e questa volta è quello giusto; poco prima di tagliare il filo si prende qualche secondo per dirne quattro a Sark.

A missione terminata Dixon e Grace chiedono a Sark il numero del suo conto per versarvi la sua parcella. Sark però non vuole niente e se ne va incrociando Rachel.
All’Apo Syd è al telefono con suo padre, rimasto a casa a riposarsi, e si assicura che stia bene. Poi vede arrivare Marcus e gli corre incontro per abbracciarlo; intanto Jack seduto al piano incomincia a suonare.


Curiosità :
Nonostante sia accreditata, Elodie Bouchez (Renee) non appare nell'episodio.