Instagram

Intervista esclusiva a Neil Patrick Harris, tra i protagonisti di Beastly, il gothic fantasy con Alex Pettyfer e Vanessa Hudgens

Giovedì 05 Maggio 2011
Il prossimo 11 maggio uscirà nelle sale cinematografiche italiane  Beastly, il gothic fantasy con Alex Pettyfer e Vanessa Hudgens in cui viene rivisitata in chiave moderna la favola de La Bella e la Bestia. Il film, scritto e diretto da Daniel Barnz e tratto dal libro omonimo scritto da Alex Flinn, è uscito negli Stati Uniti venerdì 5 marzo incassando 10,115,000 $ nei primi tre giorni di programmazione.

La storia racconta di un ricco e bellissimo ragazzo di Manhattan, Kyle (Alex Pettyfer), che umilia pubblicamente una giovane compagna di scuola, Kendra (Mary-Kate Olsen), tanto misteriosa quanto apparentemente insignificante. Kyle non sa però che Kendra è in verità una strega: diventa così vittima di un incantesimo che gli sfigurerà il viso. L'unica possibilità di salvezza è che Kyle, entro due anni, trovi il vero amore.

Nel cast figura anche Neil Patrick Harris, nel ruolo del professore non vedente di Kyle (Pettyfer), che lo aiuta attraverso la sua esperienza a guardarsi con i propri occhi, non attraverso quelli degli altri e ad amare sé stesso prima di poter dimostrare amore per gli altri.
Per l'occasione, Telesimo vi propone un video in cui l’attore di How I met your mother - E alla fine arriva mamma!  parla del film e del suo originale ruolo che, come sempre,  interpreta in maniera brillante!

Per maggiori informazioni visitate la fanpage ufficiale: http://www.facebook.com/pages/Beastly-Il-film/100207466724707



BEASTLY

Beastly è un romanzo per ragazzi che insegna a guardare al di là delle false apparenze per scoprire la vera bellezza interiore. Il diciassettenne Kyle (Alex Pettyfer) è il principe bello, viziato, superficiale e incredibilmente popolare del suo liceo. Sicuro e pieno di sé, Kyle scioccamente sceglie come bersaglio delle sue umiliazioni Kendra (Mary-Kate Olsen), una compagna di classe che si veste dark e che si vocifera sia una strega. Kendra, per nulla turbata dal comportamento crudele di Kyle, decide di dargli una lezione: lo trasforma in un orribile mostro, il suo aspetto esteriore rispecchierà esattamente il suo modo di essere. Kyle ha un anno per trovare una ragazza che guardi oltre e che s’innamori di lui; se no ci riuscirà rimarrà per sempre “bestia”. La sua milgiore chance per dimostrare che l’amore va sempre al di là delle apparenze potrebbe essere Lindy (Vaness Hudgens), una comapagna di classe a cui Kyle non ha mai prestato attenzione.

Vanessa Hudgens
(High School Musical) ed Alex Pettyfer (Sono il Numero Quattro) sono le star di Beastly, della CBS Films, la casa di produzione cinematografica della CBS Corporation. Daniel Barnz (Phoebe in Wonderland) ha diretto questo film che è uscito negli Stati Uniti, in Canada e a Porto Rico il 4 marzo, 2011.

Susan Cartsonis (Sapori e Dissapori, Aquamarine, What Women Want) ha prodotto il film con la sua casa cinematografica Storefront Pictures. Roz Weisberg e Michael Flynn sono i produttori esecutivi. Oltre ad aver ricoperto il ruolo di regista, Barnz ne ha scritto la sceneggiatura basata sul romanzo di Alex Flinn che reca lo stesso titolo.


LA PRODUZIONE

Una rivisitazione de La Bella e la Bestia

Ci sono pochi luoghi in cui l’apparenza eserciti più fascino che in un liceo. Questo è ciò che ha pensato lo sceneggiatore e regista Daniel Barnz quando si è avvicinato per la prima volta ad un moderno romanzo per ragazzi ispirato alla fiaba classica La Bella e La Bestia. Erano gli inizi del 2008 e la BeastlyCBS Films aveva appena acquistato i diritti per la produzione cinematografica del romanzo per ragazzi Beastly di Alex Flinn. Il libro ha come protagonista un diciassettenne superficiale e popolare che a causa della maledizione di una compagna di classe si trasforma fisicamente assumendo così un aspetto poco attraente che rispecchia la sua bruttezza interiore. C’è un solo modo per rompere l’incantesimo: trovare una ragazza che lo ami nonostante il suo orribile aspetto. Flinn ha trovato il modo di rivisitare una vecchia storia d’amore per renderla adatta a una nuova generazione. Barnz ha capito che quei temi si sposavano perfettamente con l’esperienza del liceo.

“Al liceo tutti si sentono in qualche modo perseguitati” nota Barnz. “Hanno sempre la sensazione di essere diversi e di non sentirsi inseriti. Fondamentalmente queste differenze ti rendono più forte, ti rendono una persona migliore”. Il protagonista Kyle Kingson diventa un emarginato dopo aver sferrato un colpo particolarmente duro alla compagna di classe che si veste dark, Kendra. La ragazza, avendo poteri magici, decide di dargli una lezione – una lezione che lo costringe ad abbandonare la scuola e ad isolarsi. Nella sua successiva ricerca dell’amore, Kyle sarà costretto ad affrontare le sue nuove paure.

La produttrice Susan Cartsonis (Sapori e Dissapori, Aquamarine, What Women Want) si è prontamente espressa a proposito dei temi universalmente validi della storia. “Tutti vogliono credere nella loro capacità di cambiamento”, dice la Cartsonis. “C’è un messaggio predominante nella storia: non bisogna mai giudicare le persone a prima vista, bisogna andare al di là delle apparenze.” Beastly è il sesto libro pubblicato dalla scrittrice per ragazzi Alex Flinn. A prescindere dal suo  desiderio di rivisitare da un nuovo punto di vista un mito così ben conosciuto, la Flinn era interessata al concetto della seconda possibilità. “L’idea che qualcosa che fai in un singolo istante possa condizionare la tua intera vita mi intrigava, ed in particolar modo mi intrigava il fatto che sia un comportamento tipico dei ragazzi che di solito non considerano le conseguenze delle loro azioni.”

L’elemento catalizzatore della storia è la trasformazione di Kyle in “bestia”, ma il suo punto di forza è la storia d’amore fra Hunter (la “bestia” alter ego di Kyle) e la sua ex compagna di classe Lindy. Hunter corteggia senza freno Lindy (inizialmente). Lei, invece, si strugge segretamente per l’irraggiungibile fighetto della scuola. Alla Cartsonis piace che questa versione mostri un equilibrio tra i punti di vista femminile e maschile – un elemento peculiare visto che si tratta di una storia generalmente narrata solo dal punto di vista femminile. “Kyle deve imparare cosa serva effettivamente per corteggiare una donna” spiega la Cartsonis. “E Lindy è un po’ una ‘ragazza qualunque’ che non può fare a meno di vedere il bene perfino nel più stupido dei ragazzi – e solo qui questo comportamento effettivamente ripaga”.

Un regista che va al di là delle apparenze

La casa di produzione ha scelto Daniel Barnz come sceneggiatore e regista di Beastly dopo aver visto il suo film Phoebe in Wonderland al Sundance Film Festival nel 2008. E’ il debutto del suo lungometraggio; Phoebe è una giovane ragazza che sogna di partecipare alla rappresentazione scolastica di Alice nel Paese delle Meraviglie per evadere dal mondo regolato da norme che la circonda. In qualità di produttore esecutivo di Beastly Roz Weisberg dice: “Daniel ha dimostrato di essere in grado di gestire il delicato equilibrio di una storia basata sulla realtà ma che allo stesso tempo racchiude in sé elementi fantastici”.
La Cartsonis e la Weisberg seguirono il festival insieme a Barnz e furono immediatamente colpiti dalle sue idee riguardanti la sceneggiatura . “Beastly potrebbe facilmente trasformarsi nel genere dei fumetti o in un soggetto “soft” e sconfinare addirittura nel genere adolescenziale se l’approccio non fosse quello giusto” commenta la Cartsonis. “Daniel ha capito che, nonostante ci accingessimo a produrre un film per giovani preadolescenti (9-12 anni) e per ragazzine teenager, avevamo bisogno di una sceneggiatura sofisticata che non avrebbe messo a tacere il pubblico, ma che piuttosto gli avrebbe dato modo di ribellarsi.”
Mentre lavorava alla sceneggiatura, Barnz si è ritrovato a rivisitare le sue stesse esperienze al liceo e a fare ricerche su quelle della nuova generazione. “Non mi sono mai sentito così forte come ai tempi del liceo. Mi è piaciuto tantissimo ricordare quel periodo e rivivere tutta quella passione, tutto quel tormento e tutta quella eccitazione.”



Il mondo visivo di Beastly

Mentre il progetto muoveva i suoi primi passi verso la pre-produzione, Barnz ha preparato una presentazione, “una raccolta di stati d’animo” con CD e DVD di videoclip per mostrare la sua visione del film. Condividere questo materiale con tutti i settori della produzione è stato prezioso per Barnz e il suo team.
“Dopo aver preparato questo materiale, ho riunito tutti per trascorrere un weekend in ritiro. Abbiamo parlato in generale dei temi del film e poi abbiamo adattato le nostre idee astratte alle scene del film. Questo lavoro di preparazione fa sì che tutti siano coinvolti nel processo creativo.” Lo scenografo Rusty Smith è stato molto ispirato durante quei due giorni di ritiro. Come lui stesso afferma:
“Fondamentalmente non ci siamo posti alcun limite. Abbiamo parlato di cose personali e di ciò che abbiamo trovato interessante nel materiale. In queste iniziali 48 ore abbiamo sviluppato un linguaggio comune ed un modo di comunicare tra noi che era qualcosa di diverso da quasi tutto quello che io avevo fatto fino ad allora.”
La costumista Suttirat Larlarb, che ha lavorato a The Millionaire, film molto apprezzato dalla critica, è concorde nel ritenere che l’incontro di quel weekend sia stato produttivo e lungimirante. “Noi tutti abbiamo esposto ciò che avremmo voluto vedere nel film, a prescindere dai contrattempi fisici, logistici e strategici che spesso vengono fuori quando ci si accinge a girare. Una volta messe su carta le nostre idee, potevamo poi dedicarci a cercare i modi per renderle realizzabili nel corso della produzione.”
E’ toccato al direttore della fotografia Mandy Walkers aiutarci a realizzare visivamente le nostre idee. “Questo è un film tutto incentrato sull’aspetto esteriore e sulla capacità di vedere – la sua morale è che bisogna guardare al di là delle apparenze”, dice Barnz. Mandy e gli altri collaboratori sono riusciti davvero a cogliere le opportunità insite in questo concetto”.
Per la Larlarb disegnare i costumi per Beastly è stato un lavoro molto piacevole, ma non semplice come ci si potrebbe aspettare. Lei spiega: “La sfida consiste nel lavorare con attori molto belli e nel dover trasmettere il messaggio che la loro bellezza interiore deve in definitiva competere con la loro bellezza esteriore. I costumi avrebbero potuto facilmente andare contro uno dei messaggi insiti nel film e cioè quello secondo cui non conta affatto cosa indossi, ciò che conta è come sei interiormente. E’ stata una vera sfida raggiungere il giusto equilibrio tra il guardaroba che affascina gli spettatori ed il messaggio degli eletti che è allo stesso tempo il tema centrale di questo film e l’antitesi di abiti disegnati da un bravissimo costumista.”
Gli autori cinematografici sono stati particolarmente attenti alle luci e alla tonalità dei colori. “Ho girato vari provini, variando la luce, filtri e tecniche di laboratorio per il make-up, i mobili di scena, i colori della vernice, il guardaroba e così via…” Walker fa un elenco, “..finché Daniel non è stato
soddisfatto. Avevamo i giusti elementi che insieme ci avrebbero permesso di raggiungere il risultato che c’eravamo prefissi. La fotografia aveva bisogno di seguire il racconto e di far riecheggiare la sua storia d’amore.”
La Cartsonis condivide particolarmente per quanto concerne il colore. “Abbiamo parlato molto dei colori durante la pre-produzione. Abbiamo pensato ai modi in cui la tonalità di colore potesse cambiare dall’inizio alla fine del film. Tutti, dal costumista agli scenografi e all’operatore cinematografico, si sono espressi su come i colori potessero aiutare a raccontare la storia a livello visivo.
Per quanto riguarda l’atmosfera, Barnz sostiene: “L’arco visivo di questo film comincia con un ragazzo che pensa di vedere il mondo come realmente è, ma che in verità viene tratto in inganno da tutte le false apparenze e dallo splendore da cui è circondato. Quell’idea ha portato ad un mondo visivo nella prima parte in cui ci sono molte superfici splendenti e riflettenti. Abbiamo usato specchi e lucidi hard-edge. E’ tutto un po’ freddo. La seconda e la terza parte sono molto più organiche; l’architettura è antica e gli spazi sono pregni di storia mentre Kyle impara ad apprezzare differenti tipi di bellezza.”
L’architettura antica e gli spazi aperti che Barnz menziona sono stati dei vantaggi cruciali per la produzione che ha avuto luogo a Montréal mentre la storia è ambientata a New York City. “Montréal è antica e fiabesca tanto da essere spesso associata a New York City” dice. “Eravamo alla ricerca delle location e, quando siamo arrivati a Montréal, ci ha colpiti subito. Le strade ciottolose e l’architettura gotica racchiudevano in sé proprio l’atmosfera romantica che stavamo cercando”.
La Cartsonis condivide: “Fondamentalmente sembra una parte di New York che non hai mai visto, ma che avresti visto volentieri”. Una volta sistemato l’aspetto visivo del film, il prossimo passo consisteva nel trovare gli attori giusti per interpretare i ruoli.

Un cast affascinante

Questa versione del mito de La Bella e la Bestia è diversa da tutte le altre che l’hanno preceduta – un modo di girare del tutto nuovo richiedeva un volto nuovo. Trovare l’attore giusto che interpretasse il ruolo di Kyle Kingson è stato l’impegno primario. Ed è stata una vera sfida. “L’abbiamo cercato in tutto il mondo”, dice Barnz. “Dopo una ricerca estenuante, finalmente abbiamo trovato Alex.”
Nato e cresciuto nel Regno Unito, Alex Pettyfer non era del tutto sconosciuto ad Hollywood.
All’età di 15 anni ha interpretato il ruolo di Alex Rider in Stormbreaker recitando al fianco di Mickey Rourke e di Alicia Silverstone, ma in Beastly sarebbe stato il suo primo ruolo da protagonista in un film romantico hollywoodiano; Pettyfer è stato entusiasta quando ha ricevuto la notizia che era stato scelto per interpretare il ruolo da protagonista. Pettyfer riassume in poche parole; “Uno dei momenti più belli di tutta questa esperienza è stato quando mi hanno comunicato che avevo ottenuto la parte”.
Gli autori cinematografici avevano trovato l’uomo perfetto per interpretare il ruolo da protagonista. “Scritturare Alex è stata la scelta migliore” dice Barnz. “Lui è così carismatico. Ha un fascino incredibile ed è un vero talento naturale. Inoltre la sua vita interiore è molto complessa dal punto di vista emozionale e riesce a trasportarla nel personaggio in maniera straordinaria.” A Pettyfer è piaciuto il percorso evolutivo di Kyle: “E’ molto ossessionato dalla sua vanità, ma alla fine si lascia andare così tanto da innamorarsi di un’altra persona. Oltre a crescere relazionandosi con gli altri, scopre le sue vere qualità interiori. E’ un personaggio ammirevole e intrigante da interpretare.”
Nello scegliere Vanessa Hudgens per il ruolo di Lindy, Barnz si rifà ad un criterio analogo, le sue qualità ricalcavano perfettamente quelle del personaggio da interpretare. “Quando ho incontrato Vanessa per la prima volta, sono rimasto immediatamente colpito dalla sua intelligenza, la sua passione e il suo entusiasmo” , ricorda Barnz. “Si tratta di un ruolo molto diverso da quelli che lei ha interpretato in passato e non c’è niente di più entusiasmante per un regista del fatto che lei volesse davvero sfidare se stessa e crescere come attrice.”
BeastlyLa Hudgens conferma che è stato proprio il fascino di Beastly a permetterle di sviluppare i vari registri espressivi di attrice. “Sono stata coinvolta molto più emotivamente di quanto non mi sia mai successo prima ” nota la Hudgens. “Sono riuscita davvero a spiccare il volo in questo ruolo.”
In realtà Lindy Taylor non è di certo l’indifesa e fragile ingenua del mito. “Lindy è innanzitutto e principalmente una persona tremendamente forte” spiega la Hudgens. “Ha una corazza esteriore estremamente dura e nonostante sia emarginata in una scuola di ricchi, non se ne fa un problema. Lindy ha imparato a usare ciò che la rende diversa dagli altri per rafforzare se stessa, non vuole diventare una vittima di circostanza”.
L’impegno e la bravura della Hudgens nell’interpretare il personaggio vengono apprezzate da Pettyfer. “Vanessa vi sbalordirà in questo film”, commenta Pettyfer. “E’ una ragazza meravigliosa e di grande talento. Ho trascorso un periodo straordinario lavorando con lei.”
A quanto sembra il sentimento era reciproco. “Il modo in cui Alex ha interpretato il suo ruolo è davvero eccezionale” dice la Hudgens. “E’ stato molto bello lavorare con lui.”
Questa reciproca intesa è stata trasportata in scena. “Tra Vanessa ed Alex c’è un feeling incredibile”, dice la Cartsonis. “Mentre interpretano i loro ruoli, traspare molto romanticismo tra loro.”
Oltre ai suoi due protagonisti, Beastly vanta un cast eccezionale composto sia da attori di grande esperienza che da attori nuovi ed entusiasti. Una delle attrici più note dell’intero cast è Mary-Kate Olsen che interpreta il ruolo di Kendra.
Scritturare la Olsen è stato un sogno divenuto realtà per Barnz. “Mary-Kate è un’attrice che mi ha affascinato sin dall’inizio. Kendra è un personaggio dell’altro mondo, quasi un essere soprannaturale e richiede qualcuno che abbia un aspetto esteriore straordinario e chi poteva interpretare quel ruolo meglio di Mary-Kate Olsen?”
Non ci è voluto molto a convincere la Olsen ad interpretare il ruolo. “Ero già una sostenitrice accanita di Daniel dopo aver visto Phoebe in Wonderland al Sundance Film Festival”, dice la Olsen.
“Penso che sia un vero genio, quindi sono stata molto entusiasta di incontrarlo per parlare di Beastly. La sua concezione dei personaggi e della trama così come la sua visione globale del film mi ha entusiasmata.”
La Olsen si è divertita sul set di Beastly. “E’ stato un meraviglioso ambiente di lavoro perché tutti noi attori ci siamo adoperati al massimo per aiutarci l’un l’altro”, ricorda la Olsen. “E’ stato davvero piacevole sapere che potevo contare sull’aiuto delle persone con cui stavo lavorando.”
Anche l’attore veterano Neil Patrick Harris è un attore fondamentale all’interno del cast, interpreta il ruolo di Will, l’insegnante cieco di Kyle. Barnz è stato molto entusiasta quando Harris ha accettatto la parte. ”Neil è una persona straordinaria e un attore fantastico. Ha fatto molte scelte diverse conferendo a Will molte sfumature. E’ un ruolo difficile perché Will deve essere allegro ma nello stesso tempo esprimere pathos. Neil riesce a interpretare il ruolo con il giusto equilibrio.” E’ stato l’equlibrio tra gli elementi di luce e di ombra a suscitare l’interesse di Harris per Beastly.
“Quando ho saputo che il personaggio era cieco, ho trovato che questa sfida fosse particolarmente interessante”, dice Harris che ha davvero interpretato il ruolo senza l’uso della vista. “Tuttavia ciò che ha colpito la mia attenzione è stato il fatto che il ruolo di Will sarebbe stato costituito da elementi comici e non.”
Peter Krause è un attore complesso ed è per questo che scritturarlo per interpretare Rob Kingson, il meno che premuroso padre di Kyle, è stata la scelta perfetta. Barnz spiega: “Sono sempre stato un grande fan di Peter. Lui è un attore straordinario. Peter conferisce grande umanità al ruolo del padre distaccato di Kyle. Riesci immediatamente a capire che è un genitore che si prende cura di suo figlio ma che è allo stesso tempo anche molto assente”.
Krause è stato coinvolto nel film per due ragioni. “In primo luogo è meraviglioso contornarsi dell’entusiasmo dei giovani attori perché scoprono le cose per la prima volta. E in secondo luogo spero che questo film spinga la gente a riflettere sulla differenza tra la bellezza interiore e quella esteriore, questo è un importante messaggio di vita.”
L’attrice LisaGay Hamilton interpreta il ruolo della governante di Kyle, Zola. La Hamilton ha letto la sceneggiatura e ha firmato immediatamente il progetto. “E’ una sceneggiatura meravigliosa che cerca di comunicare davvero qualcosa e spero che riusciremo nell’obiettivo. Ma anche a livello più essenziale è una storia fantastica.” LisaGay ha conferito al suo ruolo un’intelligenza molto naturale” dice Barnz.
“Zola ha un ruolo predominante nel film. LisaGay ha questa straordinaria energia e una eccezionale capacità di comunicare senza che apra la bocca.”
Uno dei volti più nuovi tra gli interpreti dei ruoli secondari di Beastly è quello di Dakota Johnson che interpreta Sloan, l’ex ragazza di Kyle. Attrice con un notevole pedigree hollywoodiano (sua nonna è Tippi Hedren, sua madre è Melanie Griffith e suo padre è Don Johnson), la Johnson ha recentemente fatto il suo esordio sul grande schermo con l’acclamato successo Social Network (dove recita al fianco di Justin Timberlake).
“Sloan sta con Kyle all’inizio del film e, in un certo senso, lei non è altro che la versione femminile di Kyle” spiega la Johnson. “Sembra che non le importi di ciò che dicono di lei perché nel suo mondo tutto è figo, come lei dice. E, solo quando Kyle scompare dal suo mondo, Sloan si rende conto dell’influenza negativa che esercitava su di lei. ”
Barnz ricorda la prima volta che ha incontrato la Johnson. “Dakota è venuta all’audizione e ci ha colpiti immediatamente. Ha letto le battute e io ho detto: “Abbiamo trovato la nostra Sloan. Non vedo l’ora di vedere che la sua carriera continui a prosperare.” L’attore Erik Knudsen, canadese di nascita, interpreta il ruolo di Trey, il migliore amico di Kyle. “La mia esperienza sul set è stata fantastica” dice Knudsen. “Alex è un ragazzo straordinario e un attore fantastico e Vanessa, Mary-Kate e Dakota sono probabilmente le persone più dolci del mondo. Abbiamo trascorso tutti un periodo meraviglioso.”

L’aspetto della Bestia

Kyle Kingson subisce una notevole trasformazione sia dal punto di vista fisico che emotivo, da studente liceale incredibilmente popolare viene tramutato in una “bestia” socialmente isolata. L’aspetto della bestia è stata una priorità importantissima per Barnz fin dal momento in cui ha firmato il progetto. “Quando ho incontrato per la prima volta la casa di produzione, mi hanno chiesto: ‘Che aspetto deve avere la Bestia?’ Ho risposto: ‘Non ne sono ancora esattamente sicuro, ma so che non dovrà avere la pelliccia’. E alla fine questa frase si è trasformata in un ufficioso slogan per questo film - “Niente  pelliccia!”
BeastlyNon ci sarebbe stata traccia degli aspetti convenzionali della bestia che ricordassero le precedenti versioni de La Bella e la Bestia. “In tutte le rappresentazioni tradizionali di questo mito il personaggio che interpreta la bestia prende sembianze animalesche” spiega Barnz. “Non volevamo seguire questo sentiero già battuto. Per me, l’elemento essenziale della storia di Beastly è questa persona bella e affascinante costretta ad assumere un brutto aspetto. Così ho cercato di immaginare cosa volesse dire per Kyle essere brutto e lasciare che fosse il punto di partenza per creare il suo aspetto esteriore. E’ stato questo il mio approccio concettuale nei confronti dell’aspetto esteriore del protagonista.”
La Cartsonis aggiunge: “L’aspetto della bestia è una combinazione del peggior incubo di Kyle e di ciò che Kendra pensa sia la più appropriata punizione per il genere di cose che lui ha detto di lei in particolare e che dice delle persone in generale”.
Barnz ha collaborato con Tony Gardner, special make-up and creature effects designer, per farsi un’idea di come sarebbe dovuto essere l’aspetto della bestia. Per Gardner, la cui stimata carriera è iniziata con il video di Thriller di Michael Jackson e con Aliens: Scontro Finale di James Cameron, l’aspetto esteriore della bestia doveva rispecchiare la bruttezza interiore di Kyle. Come Gardner spiega: “Doveva essere la personificazione di tutto l’odio e il disgusto che Kyle aveva manifestato nei confronti degli altri. Prende di mira le persone per il loro aspetto, il loro modo di vestire, il loro portamento. Tutto questo gli si ritorce contro in questa maledizione. Kyle viene privato delle cose che gli piacciono di se stesso – perde i suoi capelli, il suo colorito muta, i suoi denti diventano gialli e la pelle malata. Deve accettare tutte le cose per le quali ha preso in giro gli altri, come i tatuaggi e i piercing. Se prestate particolarmente attenzione, noterete le parole che usa nelle primissime scene del film in alcuni di questi tatuaggi. E così, nel vero senso della parola, porta addosso un po’ di tutta la cattiveria che ha usato per offendere gli altri.”
Secondo la Hudgens il risultato finale è straordinario. “Il make-up della bestia è incredibile. La prima  volta che l’ho vista sono rimasta molto colpita. La cosa particolarmente straordinaria è che quando Alex era truccato da bestia riusciva ad interpretare fino in fondo questa nuova persona, diventava completamente consapevole di sé.”
Anche Pettyfer ha notato l’effetto che aveva il make-up sulla sua interpretazione. “Il make-up mi ha permesso di entrare nei panni della bestia e di vedere il mondo attraverso i suoi occhi” si meraviglia Pettyfer.
Purtroppo il processo per diventare una bestia non era semplice come infilarsi un paio di scarpe. Per essere trasformato da bellissimo Kyle a bestia fisicamente ripugnante, Pettyfer trascorreva più di tre ore al giorno sulla poltrona del make-up.
“Il processo è stato incredibilmente complesso” dice Gardner. “Innanzitutto Alex ha dovuto radersi completamente la testa ed eliminare tutte le sopracciglia, trasformandosi in una tabula rasa. Poi abbiamo applicato quattro prostetici di silicone grandi e translucenti per coprire testa e collo. Sono state rimodellate le sue sopracciglia e la sua fronte, sono state aggiunte le profonde ferite e sono state applicate le venature che ricordano l’aspetto di un albero. Poi sono state create tredici cicatrici sulla testa e sul collo. Una volta create e mimetizzate le cicatrici, tutti i vari elementi sono stati resi omogenei con il make-up ed è stato aggiunto il colore. Poi abbiamo dovuto incollargli un orecchio (perché risultasse asimmetrico rispetto all’altro) e poi aggiungere gioielli di metallo al naso, alla fronte e all’orecchio. Inoltre, come simbolo di vanità, sono stati inseriti dei piccoli frammenti di specchio nella pelle di Alex, il che vuol dire che ogni giorno undici pezzi di vetro dovevano essere sistemati perfettamente all’interno delle ferite più grandi che solcavano il suo viso.”

Un esame più approfondito

Oltre ad offrire al pubblico un viaggio visuale e romantico, Beastly contiene un implicito messaggio ovvero quello della irrilevanza dell’aspetto esteriore. “Da un punto di vista più essenziale, penso che il pubblico la interpreterà davvero come una storia il cui tema è la bellezza che si cela al di là dell’aspetto esteriore” spiega Barnz. “Spero che promuova l’idea che l’apparenza può ingannare e che la vera bellezza risiede interiormente.” Sebbene il messaggio sia facilmente adattabile a molti tipi di relazioni, Beastly si riferisce preminentemente alla relazione amorosa – e più specificatamente all’idea che una relazione autentica non si basa sull’attrazione fisica.
“Personalmente credo nell’amore vero” dichiara Pettyfer. “E penso che la speranza di questo film sia risvegliare questa convinzione nel pubblico.”
La Hudgens condivide pienamente e spera che il messaggio di Beastly abbia la giusta risonanza.
“Molto spesso le cose vengono percepite in un certo modo ed è piacevole quando riesci a vederle da un punto di vista diverso. E Kyle fa proprio questo e tutti noi dovremmo provare a farlo nel mondo reale.”



IL CAST

Vanessa Hudgens
“Lindy Taylor”

BeastlyVanessa Hudgens ha iniziato la sua carriera nel mondo del musical all’età di otto anni. Rendendosi subito conto dell’incredibile futuro che le si prospettava, ha instancabilmente inseguito il suo sogno con molto successo. I suoi primi ruoli nelle produzioni di Evita, Carousel, Il Mago di Oz, The King and I, The Music Man, Cinderella e Damn Yankees hanno dato a Vanessa l’opportunità di dar prova della sua incredibile bravura nel cantare e nel recitare. E’ stata così apprezzata da arrivare ben presto al cinema. Ha debuttato nel lungometraggio Thirteen di Catherine Hardwicke recitando al fianco di Holly Hunter ed Evan Rachel Wood. Subito dopo ha ricoperto il ruolo di coprotagonista nel film d’azione e avventura Thunderbirds e ha partecipato come guest star alla serie televisiva “Zach e Cody al Grand Hotel” della Disney Channel. Per quanto riguarda le sue altre esperienze televisive ricordiamo le sue apparizioni in Quintuplets, The Brothers Garcia., Still Standing e Rubbery Homicide Division. Tuttavia è stato il ruolo interpretato da Vanessa in High School Musical di Disney Channel a farle guadagnare tanta gloria e attenzione. Ha interpretato il ruolo di Gabrielle Montez, la dolce ragazza combattuta tra la sua attrazione per il giocatore di basket Troy Bolton e le audizioni per iI musical della scuola. Suscitando grande clamore nei critici e nei fan, la Hudgens è stata vista anche nei film di grande successo High School Musical 2 e High School Musical 3: Senior Year. Più recentemente ha preso parte al film Bandslam e ha ricevuto il plauso della critica. Dopo Beastly la Hudgens apparirà nel film Sucker Punch di Zack Snyder. Sebbene abbia impiegato la maggior parte del suo tempo a recitare, Vanessa è riuscita anche a dedicarsi all’attività di cantante e di artista. Ha esordito con il suo album solistico V, un’avvincente varietà di stili rock, elettronico e R&B – e ha fatto una tournée con il gruppo musicale The Cheetah Girls. Continuando su quella scia, l’anno scorso ha pubblicato il suo secondo album Identified con la HollywoodRecords.
La Hudgens vive a Los Angeles.

Alex Pettyfer
“Kyle Kingson”

BeastlyAlex Pettyfer ha iniziato la sua carriera di attore nel 2005 nella versione televisiva di Tom Brown’s Schooldays con i coprotagonisti Stephen Fry e Jemma Redgrave. Ebbe la sua grande occasione all’età di 15 anni quando riuscì a prevalere su centinaia di giovani attori e ad aggiudicarsi il ruolo di Alex Rider nel film Stormbreaker della Weistein Co, recitando al fianco di Mickey Rourke ed Alicia Silverstone. Dopo Stormbreaker, Pettyfer ha interpretato il ruolo da protagonista in Wild Child recitando al fianco di Emma Roberts, la protagonista è una ragazza ribelle che viene spedita in un collegio inglese. Pettyfer recita nel nuovo film della Dreamworks Sono il Numero Quattro interpretando il ruolo del protagonista. Diretto da DJ Caruso (Disturbia) e prodotto da Michael Bay e Steven Spielberg. Sono il Numero Quattro. Pettyfer è anche coprotagonista nel film Now di Andrew Niccol con Amanda Seyfried, Justin Timberlake e Cillian Murphy, l’uscita è prevista per settembre 2011.
Nato e cresciuto nel Regno Unito, Pettyfer vive attualmente a Los Angeles.

Mary-Kate Olsen
“Kendra”

Come attrice, imprenditrice e stilista Mary-Kate Olsen è riuscita ad imporsi tra le giovani donne più influenti nella industria della moda e dello spettacolo. Nel 2008 la Olsen si è guadagnata l’acclamazione della critica con un ruolo minore nel film Fa’ la Cosa Sbagliata, dove ha recitato al fianco di Ben Kingsley. La sua eccezionale interpretazione è stata ritenuta dal New York Times come una delle “Performances to Watch” (interpretazioni da non perdere) del 2008. Nel 2007 Mary-Kate ha partecipato alla serie comica televisiva di otto episodi Weeds in onda su Showtime e che ha ottenuto delle nomination agli Emmy. Nel 2006 Mary-Kate ha creato, insieme a sua sorella Ashley, The Row, un brand di lusso. The Row ha preso il suo nome dalla “Savile Row” di Londra, celebre sartoria di alto livello che da tre secoli confeziona abiti raffinati per aristocratici e uomini di Stato. The Row gode già di una buona reputazione tra la clientela femminile sofisticata e i suoi capi vengono indossati da attrici come Lauren Hutton, Kate Hudson e Gwyneth Paltrow. The Row ha lanciato una collezione maschile nell’autunno 2009. La collezione è disponibile in più di 80 negozi specializzati in tutto il mondo. Mary-Kate si è associata alla L’Koral Industries per presentare la sua prima collezione contemporanea chiamata Elizabeth and James nell’autunno 2007. Nel 2008 il brand ha cominciato a produrre anche articoli di gioielleria con il designer Robert Lee Morris e nell’estate 2009 ha lanciato una collezione di calzature dello stilista Steve Madden. La linea Elizabeth and James è stata creata per la giovane donna contemporanea ed è venduta in oltre trenta Paesi in tutto il mondo. Nel gennaio 2005 Mary-Kate ne ha preso il pieno possesso e ha assunto il ruolo di copresidente del Dualstar Entertainment Group, la compagnia di intrattenimento e tendenze nata 14 anni fa. Il Dualstar Entertainment Group ha distribuito i suoi prodotti nei Paesi di tutto il mondo compresi Stati Uniti, Canada, Australia, Francia, Regno Unito, Spagna, Germania e molti altri. Abile fotografa e amante dei dettagli, Mary-Kate porta il suo occhio esperto nel Dualstar Entertainment Group contribuendo a guidare la realizzazione di abiti, home décor, prodotti di bellezza ed altro. Nell’aprile 2006 Mary-Kate, insieme ad Ashley ha fatto il suo debutto nella campagna pubblicitaria primaverile di Badgley Mischka. Questa campagna ha segnato la sua prima partnership con una casa di moda di lusso ed è stata anche la prima volta che gli stilisti hanno coinvolto attrici nella loro campagna pubblicitaria. Mary-Kate Olsen ha debuttato in televisione all’età di nove mesi interpretando il ruolo di Michelle Tanner nella serie Tv Gli Amici di Papà in onda sulla ABC insieme a sua sorella Ashley. Le due sorelle si imposero velocemente come forza trainante nel mondo dell’intrattenimento per bambini realizzando numerosi altri progetti televisivi, home video, film, libri e album musicali raggiungendo risultati senza pari in tutto. Lo stile eclettico e di tendenza di Mary-Kate ha catturato l’attenzione delle riviste internazionali ed è stato esaminato dettagliatamente nella rubrica Sunday Styles del New York Times. L’anno scorso la rivista Forbes ha inserito sia Mary-Kate che Ashley al quinto posto nella lista delle Top 20 under 25 che guadagnano di più. Nel supplemento Spring della rivista Time del 2004 “Donne nel campo della moda: Chi ha più potere? Mary-Kate ed Ashley, insieme, occupano il quarto posto, sono subito dopo Rose Marie Bravo, amministratore delegato di Burberry, la stilista Miuccia Prada e l’editrice di Vogue Anna Wintour. Mary-Kate ed Ashley sono state definite “Le più potenti giovani donne di Hollywood” dal The Hollywoood Reporter che per quattro anni di seguito le ha anche inserite nella sua “Power 100”, la lista delle donne più influenti di Hollywood. Nell’aprile del 2004 a Mary-Kate ed Ashley è stata dedicata una stella sulla Hollywood Walk of Fame, sono state le due donne più giovani in assoluto a riceverla.
Attualmente Mary-Kate vive tra New York e Los Angeles.

Peter Krause
“Rob Kingson”

Nato a Minneapolis nel Minnesota, Peter Krause è meglio conosciuto per aver partecipato all’acclamata serie TV drammatica Six Feet Under in onda sulla HBO, nel ruolo di Nate Fisher. Peter ha ricevuto la nomination per tre Emmy Awards, due Golden Globe e due SAG Awards (Screen Actors Guild Awards) per la sua interpretazione in Six Feet Under. Inoltre ha ricevuto due SAG Awards (Screen Actors Guild Awards) come membro del cast di Six Feet Under . Peter attualmente fa parte del cast di Parenthood, serie della NBC, dove recita al fianco di Lauren Graham, Dax Shepard ed Erica Chistensen. Il dramedy è una rivisitazione in chiave contemporanea della serie televisiva di Ron Howard del 1989 i cui interpreti principali erano Steve Martin e Dianne Wiest e che era tutto incentrato sulla vita di una famiglia del Midwest. Peter ha inoltre interpretato un ruolo in Dirty Sexy Money della ABC e nella miniserie di fantascienza The Lost Room e nel film indipendente Civic Duty. Nel 2004 Peter ha debuttato a Broadway interpretando uno dei ruoli principali in Dopo la Caduta di Arthur Miller, per la regia di Michael Mayer. Successivamente ha interpretato il ruolo dell’antagonista recitando al fianco di Naomi Watts e Mark Ruffalo nel film I Giochi dei Grandi. Peter ha cominciato a recitare al liceo e sebbene si fosse iscritto al Gustavus Adolphus College di St.Peter nel Minnesota alla facoltà di Medicina, si è poi laureato in Letteratura Inglese. In seguito ha deciso di continuare nella recitazione ed è stato ammesso a un master of Fine Arts dall’Università di New York dove ha recitato nelle produzioni di Macbeth, Zio Vanya, Le Armi e l’Uomo. Due mesi dopo aver conseguito la laurea, Peter ha fatto il suo debutto televisivo partecipando al varietà di successo di Carol Burnett Carol and Company, ha poi partecipato alla fortunata serie Cybill. Precedentemente era già noto per aver interpretato il ruolo di Casey McCall nella serie Sports Night molto apprezzata dalla critica.

LisaGay Hamilton
“Zola”

Le numerose esperienze in ambito teatrale di LisaGay Hamilton, che ha studiato Arti Drammatiche alla Juilliard School, includono il ruolo di Isabella in Misura per Misura al New York Shakespeare Theatre Festival, al fianco di Kevin kline e Andre Braugher, e l’interpretazione di Grace in Lezioni di Piano della compagnia di Broadway di Augustus Wilson. La Hamilton si è guadagnata una nomination agli Ovation Awards come migliore attrice per il personaggio di Veronica in Valley Song di Athol Fugard al Mark Taper Forum di Los Angeles. L’interpretazione di questo ruolo ha inoltre fatto guadagnare alla Hamilton un Obie Award, il Clarence Derwent Award e inoltre una nomination al Drama Desk Award visto che la piece era stata rappresentata al Manhattan Theatre Club e al McCarter Theatre. Di recente ha recitato a Broadway in Gem of the Ocean di August Wilson. Per quanto riguarda i titoli in campo cinematografico la Hamilton ha recitato in Fino a Prova Contraria di Clint Eastwood, Palookaville, Drunks, Al Vertice della Tensione, inoltre ha interpretato il ruolo di Ophelia in Hamlet di Campbell Scott e ha partecipato ai film di Jonathan Demme Beloved e The Truth about Charlie recitando rispettivamente al fianco di Mark Wahlberg e di Thandie Newton. Inoltre ha interpretato un ruolo in Nove Vite da Donna diretto da Rodrigo Garcia, in Honeydripper diretto da John Sailes, in The Tourist dove ha recitato al fianco di Hugh Jackman ed Ewan MacGregor, ne Il Solista diretto da Joe Wright, in Mother and Child che ha avuto successo al Toronto Film Festival e, ancora una volta diretto da Rodrigo Garcia e, ancora più recentemente in Take Shelter, che è stato presentato al Sundance Film Festival 2011. Qui ha recitato al fianco di Michael Shannon, il film sarà distribuito dalla Sony Pictures Classics. La Hamilton ha interpretato il ruolo della protagonista al fianco di Sam Waterston in A House Divided, una produzione che ha ricevuto elogi sperticati e svariati riconoscimenti. E’ un’attrice nota al
grande pubblico per l’interpretazione di uno dei personaggi principali della serie drammatica di David Kelley, The Practice, in onda sulla ABC, di cui ha anche diretto un episodio. Il documentario della Hamilton Beah: a Black Woman Speaks che lei ha diretto e co-prodotto insieme a Jonathan Demme è andato in onda per la prima volta sulla HBO e ha vinto un premio come Miglior Documentario all’Afi Awards e un Peabody Award e ha ricevuto una nomination come Miglior Documentario dalla Commissione dell’Emmy e I’Image Award. LisaGay attualmente interpreta la moglie di Andre Braugher nella fortunata serie di Ray Romano Men of a Certain Age in onda su TNT.

Neil Patrick Harris
“Will”

Attore di egual successo sia di cinema che di teatro. Neil Patrick Harris continua a dimostrare la sua versatilità creativa. Attualmente possiamo ammirarlo nei panni del donnaiolo Barney Stinson nella quinta stagione della sitcom di successo Alla Fine Arriva Mamma, questo ruolo gli ha fatto guadagnare quattro nomination agli Emmy Awards, due nomination al Golden Globe ed un People’s Choice Award come attore preferito della commedia televisiva. Il Barney interpretato da Harris è famoso per i suoi slogan esilaranti, per la sua passione per gli abiti e per i suoi infallibili modi di rimorchiare le donne. Recentemente Harris ha vinto i suoi primi due Emmy Awards per aver partecipato come guest star alla serie televisiva Glee che è stata molto apprezzata dalla critica ed ha condotto la 63ma edizione del Tony Awards. Oltre ad aver condotto il Tony Awards nel 2009, Harris è stato conduttore e anche produttore della 61ma edizione dei Primetime Emmy’s Award. E’ stato incluso tra gli “intrattenitori dell’anno 2008” dall’Entertainment Weekly, Harris è stato anche incluso nella Lista dei Top 100 del Time 2010, un elenco annuale di pensatori, leader, artisti ed eroi più importanti del mondo. Harris ha ottenuto popolarità sul piccolo schermo nei panni dell’adoratissimo personaggio da cui prende il titolo l’opera Doogie Howser M.D., un ruolo che gli ha fatto guadagnare una nomination al Golden Globe. Creata da Steven Bochco e David E. Kelley la commedia Beastlydrammatica televisiva, andata in onda per quattro stagioni, raccontava la storia di un brillante medico adolescente che affronta i problemi di tutti i ragazzi della sua età. Per quanto riguarda gli ulteriori titoli televisivi di Harris, questi includono la serie comica in onda sulla NBC Stark Raving Mad dove ha recitato al fianco di Tony Shalhoub, la miniserie della CBS Giovanna d’Arco con Leelee Sobieski & Peter O’Toole, The Man in the Attic della Showtime, il classico della TNT La Straniera dove ha recitato al fianco di Faye Dunaway, My Antonia con Jason Robards ed Eva Marie Saint, The Wedding Dress con Tyne Daly, e il miglior telefilm del 2005 della CBS The Christmas Blessing. Inoltre ha fatto numerose apparizioni come guest star in Glee, Will and Grace, Ed, Sesamo Apriti e Boomtown. A seguito dello sciopero degli sceneggiatori americani del 2007-2008, Neil ha ricoperto il ruolo del protagonista arci-cattivo e disperato per amore - non ricambiato - nella miniserie musicale sul web Dr. Horrible’s Sing-Along Blog di Joss Whedon, vincitrice dell’Emmy Award. La serie trasmessa sul web ha debuttato raggiungendo il primo posto nella classifica di download dei video iTunes da cui è stata tratta una colonna sonora di successo. Il successo musicale lo si deve a Nathan Fillion e Felicia Day. Avendo suscitato interesse negli utenti online, Neil è entrato anche nel cast del programma di successo trasmesso sul web Prop 8: The Musical, recitando al fianco di Jack Black, John C. Reilly ed Allison Janney. Veterano del teatro, Harris reciterà presto nel ruolo del protagonista Bobby in Company, musical di Stephen Sondheim al Lincoln Center. Harris ha partecipato a tre produzioni di Broadway inclusi il duplice ruolo di Balladeer/Lee Harvey Oswald nel musical Assassins vincitore del Tony Award. Ha anche interpretato il ruolo dell’imprevedibile pretendente di Anne Heche in Proof che ha vinto il premio Pulitzer e l’esuberante Emcee in Cabaret allo Studio 54. Per citare altri trascorsi della sua carriera teatrale, ha interpretato alcuni ruoli in All My Sons di Arthur Miller, produzione della Geffen Playhouse, in The Paris Letter al teatro Kirk Douglas, in Tick tick… BOOM! tenutosi al Menier Chocolate Factory di Londra, in Romeo e Giulietta al teatro Old Globe di San Diego, in Sweeney Todd al Lincoln Center di New York e nella produzione di Rent realizzata a Los Angeles che gli ha fatto vincere un Drama Desk Award. Sfruttando la sua esperienza teatrale dietro le quinte e associandosi con la produzione vincitrice del premio Pulitzer, Harris ha fatto il suo debutto nella regia dei musical con la recente rappresentazione all’Hollywood Bowl di Rent di Jonathan Larson, con Nicole Scherzinger, Vanessa Hudgens e Wayne Brandy. Nel luglio 2007 Harris aveva debuttato come regista teatrale con la sceneggiatura originale di I am Grock al teatro El Portal di North Hollywood, successivamente ha combinato la sua passione per la magia e quella per il teatro dirigendo The Expert at the Card Table al Fringe Festival di Edimburgo del 2008. Harris completa il suo talento teatrale e televisivo conquistando lo stesso successo sul grande schermo. Presto debutterà come regista cinematografico con Aaron & Sara (titolo provvisorio), una commedia romantica ambientata al liceo i cui protagonisti sono Emma Roberts e Josh Hutcherson. Da poco Harris ha portato a termine la produzione lungamente attesa della versione cinematografica dell’amata serie di cartoni animati I Puffi. E’ diretta da Raja Gosnell Hank, Azaria e Jayma Mays sono coprotagonisti, mentre le voci sono di Katy Perry, George Lopez, Alan Cummings e molti altri. Il film alterna scene riprese dal vivo a scene d’animazione in CGI. Oltre che in Beastly, presto potremo ammirare Harris in A Very Harold & Kumar Christmas nel quale interpreta se stesso “Neil Patrick Harris” nel terzo capitolo della serie comica che aveva debuttato con il successo inaspettato del 2004 American Trip: Il Primo Viaggio non si Scorda Mai e che è poi continuata nel 2008 con il sequel Harold and Kumar Escape from Guantanamo Bay. Harris ha debuttato nel cinema interpretando una delle parti principali al fianco di Whoopi Goldberg nel film drammatico sull’adolescenza Il Grande Cuore di Clara per il quale ha ottenuto la prima nomination al Golden Globe. Inoltre Harris ha partecipato alla commedia urbana Undercover Brother con Eddie Griffin e ai film Starship Troopers: Fanteria dello Spazio, regia di Paul Verhoeven, Sai che c’è di nuovo? con Madonna e Rupert Everett e La Proposta con Madeline Stowe e Kenneth Branagh e a molti altri ancora. L’eclettico Harris si diverte anche nel mondo del doppiaggio, recentemente ha prestato la sua voce al personaggio di Lou in Cani e Gatti: la Vendetta di Kitty della Warner Bros, sequel realizzato con tecnica mista live-action/animatronic. Harris ha dato la voce anche al personaggio di Steve la Scimmia nel film campione di incassi della Sony Pictures Animation e della Columbia Pictures Piovono Polpette tratto dall’amato libro per bambini di Judi e Ron Barrett. Inoltre ha doppiato personaggi in numerose serie animate e film tra cui Batman: Under the Red Hood, il film d’animazione della CBS Yes, Virginia in onda sulla CBC, il recente episodio musicale di Batman: The Brave & the Bold dove ha doppiato The Music Meister, Justice League: the New Frontier dove ha prestato la voce a Barry Allen/The Flash e nella seguitissima serie di MTV Spider-Man dove ha doppiato sia il supereroe che il suo alter ego Peter Parker. La voce di Harris può essere udita accanto a quella di Will Arnett nel videogioco di D3 Publisher Eat Lead: The Return of Matt Hazard e in Spider Man: Shattered Dimensions della Activision. Inoltre ha prestato la sua voce per numerosi audiolibri riversati su CD tra cui Henry e Ribsy di Beverly Cleary, Slake’s Limbo, Ribsy, Lump of Coal, A Very Marley Christmas e il premiato libro per bambini Henry Huggins.


Dakota Johnson
“Sloan”

Dakota Johnson, che ha avuto l’onore di essere eletta Miss Golden Globe al Golden Globe Awards edizione 2006, è diventata famosa a Hollywood molto presto. E’ stata vista recentemente in The Social Network, film di David Fincher e Aaron Sorkin molto apprezzato dalla critica, dove ha recitato al fianco di Justin Timberlake e Jesse Eisenberg. Oltre ad aver interpretato Sloan, uno dei ruoli principali, in Beastly, ha recentemente finito di girare il film For Ellen recitando al fianco di Paul Dano e la commedia Theo dove recita al fianco di Mira Sorvino. La Johnson ha fatto il suo debutto come attrice in Pazzi in Alabama della Columbia Pictures dove ha recitato al fianco di Melanie Griffith. Il film è stato diretto da Antonio Banderas e scritto da Mark Childress. La Johnson, che è anche un’affermata modella, è apparsa in numerose pubblicazioni di prestigio americane e internazionali, tra cui Vogue e Vanity.
La Johnson vive a Los Angeles.

Erik Knudsen
“Trey”

Nato a Toronto Erik Knudsen fa parte del cast stellare dell’attesissimo Scream 4 ed è stato visto di recente in Scott Pilgrim vs. the World diretto da Edgar Wright ed ancora in Youth in Revolt dove ha recitato al fianco di Michael Cera. Per quanto riguarda le altre sue partecipazioni a film, ha recitato in Saw II – La Soluzione dell’Enigma con Donnie Wahlberg, in The Prizewinner of Defiance, Ohio con Julianne Moore e Woody Harrelson, in Perseverance, in Tribulation e nel film bilingue di Erik Canuel Doppia Indagine. Knudsen ha interpretato una delle parti principali nella serie televisiva Jericho in onda sulla CBS ed è stato uno dei protagonisti della serie Tv Mental Block in onda sulla YTV. Oltre ad aver interpretato continuativamente vari ruoli in The Guardian in onda sulla CBS e nella serie I was a Sisth Grade Alien andata in onda sulla Fox e su YTV, ha partecipato come guest star a Flashpoint, Kevin Hill, Blue Murder, Doc, In a Hearthbeat e Real Kids, Real Adventures. Knudsen è inoltre apparso nei telefilm A Teacher’s Crime della Lifetime, Booky Makes Her Mark della CBS, Stolen Miracle, The Familiar Stranger, Blackout dove ha recitato al fianco di Jane Seymour, Chi sono? Babbo Natale? con Leslie Nielsen, inoltre ha partecipato ai TV movie Common Ground e Full Court Miracle della Disney.



GLI AUTORI CINEMATOGRAFICI

Daniel Barnz
Sceneggiatore/Regista

Daniel Barnz è nato e cresciuto nei dintorni di Philadelphia. Dopo essersi laureato alla Yale University ed essere stato per molte stagioni al Williamstown Theatre Festival, Barnz si è trasferito a Los Angeles per dirigere la compagnia teatrale di Tim Robbins, The Actors Gang. Di lì a poco Barnz è stato ammesso a un master alla facoltà di Cinema e Televisione della University of Southern California. Dopo la laurea, Barnz ha cominciato a scrivere sceneggiature (alcune da solo, altre con Ned Zeman), tra cui Sugarland per Jodie Foster, Under and Alone, Sam and George per Mel Gibson e Rogue per Leonardo DiCaprio. Barnz ha anche scritto e diretto il premiato cortometraggio The Cutting Room. Nel 2007 Filmmaker Magazine ha incluso Barnz fra i 25 volti nuovi del cinema indipendente e nel 2008 è stato inserito nella “Top Ten dei registi da osservare”. Barnz ha debuttato nella regia cinematografica con Phoebe in Wonderland i cui attori protagonisti sono Elle Fanning, Felicity Huffman, Patricia Clarkson, Campbell Scott e Bill Pullman, il film è stato presentato in concorso al Sundance Film Festival ed è poi uscito nelle sale nel 2009.

Susan Cartsonis
Produttrice

Nel 2000 The Hollywood Reporter ha definito Susan Cartsonis uno dei migliori cinque produttori dell’anno per il film, record di incassi, What Women Want (Paramount), attore protagonista Mel Gibson e per Qui Dove Batte il Cuore (20th Century Fox) i cui protagonisti principali sono Natalie Portman, Ashley Judd e Sally Field. Oltre ad aver prodotto Beastly per la CBS Film, la Cartsonis recentemente ha prodotto anche Aquamarine per la 20th Century Fox. E’ stato il produttore esecutivo di Sapori e Dissapori i cui protagonisti sono Catherine Zeta-Jones ed Aaron Eckhart e di La Magia delle Spezie la cui protagonista è la “Julia Roberts Indiana” Aishwarya Rai. La Cartsonis è stata una dirigente della 20th Century Fox per quasi un decennio ed è passata dal ruolo di lettrice di copioni a quello di Vicepresidente delegata alla Produzione per poi lasciare la Fox e fondare due società cinematografiche di successo, la prima come creatrice di importanti show e format televisivi e la seconda, una casa di produzione cinematografica di sua proprietà, la Storefront Pictures. Durante il periodo in cui ha lavorato per la Fox, ha sviluppato e supervisionato diversi film tra cui Nell, Un Uomo in Prestito, La Recluta dell’Anno e Buffy, l’Ammazzavampiri che ha lanciato la serie televisiva di grande successo. Alla Fox la Cartsonis ha lavorato con star come Julia Roberts, Jodie Foster, Johnny Depp. Richard Gere, Geena Davis, Sigourney Weaver, Bette Midler e ha fatto sì che i fratelli Farrelly, i famosi sceneggiatori e registi, collaborassero con la casa di produzione. Prima di lavorare alla Fox, la Cartsonis è stata lettrice presso il seminario di Sceneggiatura alla New York University. Ha conseguito un master in Sceneggiatura alla New York University e il dottorato in Arte Drammatica alla UCLA. Recentemente è stata eletta Presidente della Fondazione Women in Film (Donne nel Cinema) ed è stata nominata membro della Commissione dei Produttori Indipendenti alla Producer’s Guild of America (Sindacato dei Produttori Americani).

Roz Weisberg
Produttore esecutivo

Roz Weisberg ha lavorato a stretto contatto con Susan Cartsonis per diversi anni come produttore esecutivo fiduciario, collaborando nella supervisione e nello sviluppo di sceneggiature come quella di Dropping In di Sheila Gallien con Jessica Parker nel ruolo della protagonista e Liz Friedlander (Ti Va di Ballare?) in qualità di regista. Ha prodotto il cortometraggio Being Vincent, scritto dallo scrittore, sceneggiatore, regista Noah Hawley per la Fox Searchlight. La Weisberg ha anche prestato la propria opera come produttore associato responsabile per la Twentieth Century Fox, occupandosi degli elementi creativi di produzione del film Qui Dove Batte il Cuore i cui ruoli principali sono stati interpretati da Natalie Portman e Ashley Judd, inoltre ha collaborato alla supervisione della post-produzione del film. La Weisberg ha avuto le sue prime esperienze lavorative nell’industria dello spettacolo presso la Brillstein/Grey Entertainment e la Creative Artists Agency. Queste esperienze le hanno dato la possibilità di avere un quadro d’insieme del settore, di comprendere la strategia aziendale e inoltre di crearsi una rete di contatti su cui costruire la propria carriera e di cui continua a servirsi ancora oggi. Si è laureata all’Emerson College e ha conseguito la laurea triennale (minilaurea) all’Università della California, Santa Barbara, frequentando un semestre a Londra, (in Inghilterra).

Michael Flynn
Produttore esecutivo

Michael Flynn ha iniziato la sua carriera di produttore sotto la guida di Edward R. Pressman. Mentre lavorava per Pressman, ha avuto la fortuna di produrre film come produttore associato, ricordiamo True Stories, I Dominatori dell’Universo, Blue Steel- Bersaglio Mortale, Wall Street, Talk Radio, Walker, To Sleep with Anger e Il Mistero Von Bulow. Successivamente ha prodotto My New Gun di Stacey Cochran (presentato a Cannes nella sezione Director’s Fortnight) prima di iniziare la sua carriera come line producer. La sua filmografia comprende: Triplo Gioco, Ed Wood, Falso Tracciato, Il Sapore della Vittoria, Cuori in Atlantide, La Tela dell’Assassino, Quel Mostro di Suocera, Perché te lo Dice Mamma, Hamlet 2, I Love You, Una Notte con Beth Cooper, Extract.

Mandy Walker, ACS
Direttore della fotografia

Mandy Walker sapeva di voler diventare una cineasta sin dall’adolescenza. Iniziando la sua carriera cinematografica all’età di 18 anni come tuttofare, Mandy ha poi lavorato, nei sette anni successivi, su documentari, video musicali e lungometraggi – passando dal ruolo di ciacchista a quello di assistente cameraman a quello di cineoperatore – per poi girare il suo primo film come direttore della fotografia all’età di 25 anni, Da allora, grazie alle sue capacità, Mandy è stata molto richiesta dai registi di tutto il mondo. Nel 2009 è diventata membro dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, è stata apprezzata a livello internazionale e ha ricevuto numerosi premi grazie alla sua meravigliosa fotografia. La sua filmografia include Australia di Baz Luhrmann (con Nicole Kidman, Hugh Jackman) per il quale ha vinto un Satelllite Award nel 2008, inoltre è stata premiata come cineasta di Hollywood dell’anno e, nella sezione Women in Film, ha vinto il Kodak Vision Award 2008; L’Inventore di Favole diretto da Billy Ray (con Hayden Christensen, Peter Sarsgaard) le è valsa la nomination come miglior fototografia all’Indipendent Spirit Awards; Lantana (con Anthony La paglia, Barbara Hershey, Geoffrey Rush) Parklands (con Kate Blanchett) e Tutte Pazze per Ken diretto da Sherley Barrett (vincitore della Camera d’Or al Cannes Film Festival). Gli eccellenti lavori per le Tv internazionali commerciali della Walker le hanno fatto guadagnare molti riconoscimenti di eccellenza. Tra questi ricordiamo lo spot per Chanel No 5, interpretato da Nicole Kidman e diretto da Baz Lurhmann. Nel 2006 è stata annoverata tra “I 10 cineasti da osservare” dal Variety. Oltre a Beastly, il prossimo lavoro che potremo ammirare della Walker è Cappuccetto Rosso Sangue di Catherine Hardwicke. La Walker è riuscita a farsi notare come professionista grazie ai suoi tanti lavori di qualità. E’ molto ben considerata per la sua passione e per la sua capacità di comprendere come la fotografia possa catturare e trasmettere al pubblico gli aspetti essenziali di una storia.

Thomas J. Nordberg
Montatore

Thomas J. Norderg si è laureato alla New York University Film School nel 1985 e ha cominciato a lavorare per il cinema e per la pubblicità. Nel 1990 Nordberg ha cominciato ad occuparsi di montaggio, ha lavorato come assistente di molti importanti montatori tra cui Duwayne Dunham, David Brenner e Sally Menke. Successivamente Nordberg ha iniziato una lunga collaborazione con il regista Oliver Stone prestando la sua opera per i film: Tra Cielo e Terra, Nixon, Gli Intrighi del Potere – Nixon, Assassini Nati, U-Turn – Inversione di Marcia, Ogni Maledetta Domenica ed Alexander. Inoltre ha curato il montaggio di Scary Movie 2, What Women Want, Holes – Buchi nel Deserto, The Guardian, Drillbit Taylor, The Assassination of a High School President e del molto più recente Colpo di Fulmine: il Mago della Truffa.

Rusty Smith
Scenografo

Rusty Smith ha cominciato a disegnare all’età di tre anni mentre cresceva in una piccola fattoria in Georgia. Dopo aver ottenuto una laurea breve alla Furman University a Greenville, in South Carolina, ha conseguito un master presso la Yale School of Drama (Accademia di Arte Drammatica di Yale). Ha lavorato come scenografo nei seguenti film: Soul Surfer, Il Club di Jane Austen, Cani e Gatti: la Vendetta di Kitty, La Pantera Rosa 2, Ammesso, Mi Presenti i tuoi?. Elf, Agente Cody Banks, Austin Powers in Goldmember, Tutta Colpa di Sara, Ti Presento i Miei, Austin Powers la spia che ci provava, Mystery Alaska, L’Amore è un trucco, Dunston – Licenza da Ridere. Il suo film più recente è A Very Harold & Kuman Christmas. Ha curato la sua prima scenografia per il lungometraggio One Night Stand il cui produttore esecutivo è Roger Corman, regia di Talia Shire. Tra i suoi lavori televisivi ricordiamo: 61* di Billy Crystal che ha avuto una nomination agli Emmy Awards. Smith ha lavorato come direttore artistico nei film: L’Innocenza del Diavolo, La Notte dell’Imbroglio, The Positively True Adventures of the Alleged Texas Cheerleader Murdering Mom, mentre ha ricoperto il ruolo di assistente del direttore artistico nel film Ragazze Vincenti. Tra le sue esperienze teatrali la rappresentazione a Broadway di Blood Knot di Athol Fugard e quella al teatro Off-Broadway “Second Stage” The Good Times Are Klling Me di Linda Barry. E’ sposato con la cantante e attrice Connie Smith, ha due figli, Jackson ed Emily Smith, entrambi aspirano a diventare cineasti ed artisti.

Suttirat Anne Larlarb
Costumista

Suttirat Larlarb ha lavorato come costumista/ideatrice di costumi per il film The Millionaire di Danny Boyle, vincitore del premio Oscar (per cui ha ricevuto il premio della Costume Designers Guild Awards nella sezione Contemporary Film), Sunshine, 127 Ore (per il quale ha curato sia i costumi che la scenografia), The Extra Man, Peacock e per il film della HBO che uscirà prossimamente Cinema Verite. Per quanto riguarda il teatro, la Larlarb ha realizzato i costumi per le straordinarie produzioni di Danny Boyle Frankenstein che è stato rappresentato al National Theatre di Londra, Tape, The Lively Lad, Orange Lemon Egg Canary, No. 11 (Blue and White) per lo Humana Festival of New American Plays; Eyes of the Heart, The Adventures of Amy Bock, Learning Curve, The Last Days of Don Juan, “Riccardo III, Angels in America, Pericles e Stealing Sweets and Punching People per il Summer Play Festival di New York. Fa parte del design team per la Cerimonia d’Apertura delle Olimpiadi 2012 che si svolgeranno a Londra. Le sue realizzazioni sono state esposte in occasione della mostra “Curtain Call: Celebrating A Century of Women Designing for Live Performance” del 2009 presso la New York Public Library for the Performing Arts al Lincoln Center; inoltre sono state esposte nel 1999 in occasione della mostra Quadrennial of International Theatre Design di Praga.

Marcelo Zarvos
Compositore

Marcelo Zarvos compone musiche per film, per la televisione, per i teatri e i concerti. Tra le colonne sonore più recenti ricordiamo quelle per Brooklyn’s Finest, Sin Nombre, Remember Me, L’Ombra del Potere e You Don’t Know Jack. Inoltre ha composto la colonna sonora per il film che uscirà prossimamente The Beaver for Summit di Jodie Foster. Il suo tratto distintivo è un’uniforme fusione di musica classica, orchestrale, rock, elettronica e diversi elementi etnici e folk che insieme creano una musica particolarmente coinvolgente e ricca dal punto di vista emozionale. Le colonne sonore di Zarvos si sono guadagnate per ben due volte la nomination al Primetime Emmy Awards (quelle di You Don’t Know Jack e di Taking Cnace – Il Ritorno di un Eroe) e anche una nomination allo HMMA Award per il film Brooklyn’s Finest. Come discografico Zarvos ha inciso per la MA Recordings tre album che hanno ricevuto l’apprezzamento della critica : Dualism, Music Journal e Labyrinths dove stili musicali di diverse parti del mondo si mescolano agli strumenti classici e jazz. Le sue colonne sonore sono state distribuite da Decca, Milan, E1 e Varese Sarabande. Tra gli altri suoi lavori ricordiamo le musiche per spettacoli di danza: Pilobolus, DanceBrazil, Cleo Parker Robinson, ODC Dance e le composizioni da camera per Ethel e Quintet of the Americas. A Zarvos è stata assegnata una borsa di studio da Meet the Composer e dal New York State Council for the Arts e di recente gli è stata commissionata, dal National Endowement for the Arts (Ente di Sostegno Nazionale per le Arti) la composizione di un doppio concerto per quartetto d’archi per Ethel che è stato eseguito per la prima volta nella stagione 2006/2007.

Tony Gardner
Makeup & Creature Effects

Da più di 25 anni Tony Gardner è la mente che sta dietro alla maggior parte degli innovativi effetti speciali del cinema e della televisione. Il suo nome forse non è molto conosciuto, ma lo è di sicuro la lista dei suoi progetti: Hairspary – Grasso è Bello, le pubblicità della Geico, Tutti Pazzi per Mary, Una Notte da Leoni, Il Ladro di Orchidee, Amore a Prima Svista, Three Kings; questi sono solo alcuni titoli della lunga lista dei progetti degni di nota di cui Gardner è stato parte integrante negli ultimi anni. Ha iniziato la sua carriera lavorando al video musicale Thriller di Michael Jackson che ha fatto storia e al classico film d’azione Aliens di James Cameron. Nel 1988 Tony è riuscito a costituire una propria società, la Alterian; il suo primo progetto è stato quello di occuparsi dei mostruosi effetti speciali per il remake di Il Fluido che Uccide. Gardner è riuscito rapidamente a farsi un nome grazie alla capacità di ottenere effetti molto realistici – sempre nei tempi stabiliti e rientrando nei limiti del budget. Nel 1992 la reputazione di Tony è aumentata notevolmente: è stato chiamato a sfigurare il viso di Liam Neeson per il film Darkman di Sam Raimi e la sua carriera è decollata a partire da quel momento. Pur lavorando a film per la grande distribuzione, ha sempre mantenuto il contatto con il cinema indipendente e ha conservato una mentalità pratica. Che si trattasse delle creature raccapriccianti per i due film de La Famiglia Addams, o della “chirurgia survivalista” di James Franco per 127 Ore, o di Bruce Campbell che lotta contro uno scheletro animatronic in L’Armata delle Tenebre o della fantasia supertecnologica di Contact di Robert Zemekis o delle orde di zombie ad alta energia di Benvenuti a Zombieland o dei futuristici elmetti da robot per il famoso duo di musica elettronica Daft Punk, ha dedicato a ciascun progetto la sua massima attenzione. Avendo sempre creduto che la presentazione degli effetti speciali abbia la stessa importanza della
loro progettazione e realizzazione, Gardner è sempre stato coinvolto direttamente nel processo della lavorazione di un film, talvolta realizzando gli storyboard per illustrare la trama ed occasionalmente dirigendo le riprese della seconda unità o le sequenze degli effetti speciali. La sua collaborazione con i Daft Punk lo ha portato a scrivere, dirigere e co-produrre video musicali, molti dei quali sono stati applauditi a festival di tutto il mondo. Incredibilmente la sua attenzione al dettaglio e al realismo nell’affrontare tutti questi progetti ha fatto aprire delle indagini da parte dell’FBI, del Dipartimento di Polizia di Los Angeles, della Polizia di Stato dell’Arizona e del Reaprto Persone Scomparse – a testimonianza della qualità iper-realistica del suo lavoro anche se in un modo molto indiretto. La collaborazione con Danny Boyle in 127 Ore ha comportato un rifacimento del trailer del film perché gli spettatori svenivano durante la proiezione a causa dell’eccessivo realismo degli effetti speciali. Oltre che in 127 Ore la creatività di Tony di recente si è messa in evidenza nel film The Killer Inside Me (il suo lavoro su Jessica Alba ha suscitato ancora polemiche per il suo “brutale realismo”) e nel cortometraggio robot-centrico di Spike Jonze. Gli spettatori potranno ammirare il suo talento in The Beaver, regia di Jodie Foster, che uscirà prossimamente, in Jack & Jill di Adam Sandler e nella  rivisitazione di The Three Stooges dei fratelli Farrelly.










Indice
Intervista esclusiva a Neil Patrick Harris, tra i protagonisti di Beastly, il gothic fantasy con Alex Pettyfer e Vanessa Hudgens
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Tutte le pagine